La rilevanza della schiavitù storica oggi - FreedomUnited.org

I. Collegare i punti tra schiavitù storica e schiavitù moderna

Menziona la parola schiavitù e rischerai di suscitare immagini di neri africani in catene, trasportati attraverso l'oceano verso le Americhe durante il commercio transatlantico di schiavi secoli fa. O forse evocherai l'eredità del colonialismo e dell'imperialismo e dei loro effetti dannosi e duraturi di spartire paesi, razze e caste in tutto il Sud del mondo, mettendo in moto sistemi di schiavitù e oppressione che persistono fino ad oggi.

 

Gli orrori della schiavitù avvenuti secoli fa non sono facilmente separabili dai crimini odierni che ora chiamiamo "schiavitù moderna". Mentre gran parte del discorso pubblico ha definito una distinzione tra "schiavitù storica" ​​come il commercio transatlantico di schiavi e "schiavitù moderna" che copre il traffico di esseri umani, il lavoro forzato o coatto, la schiavitù per debiti, la schiavitù dei bambini, lo sfruttamento sessuale commerciale, la coscrizione forzata e il matrimonio esistono oggi, i due sono collegati da continui sistemi di oppressione, xenofobia e razzismo.

 

Pensala in questo modo: l'acquisto e la vendita di persone a scopo di sfruttamento non si è fermato, si è evoluto. Le vittime della schiavitù moderna potrebbero non essere vendute in catene a proprietari di schiavi bianchi, ma persone di colore, lavoratori migranti, minoranze perseguitate e altri gruppi emarginati hanno continuato a vedere il proprio lavoro e il proprio corpo sfruttati da altri, spesso a scopo di profitto finanziario, a volte addirittura venduto nei mercati e online.

 

Oggi, organizzazioni anti-schiavitù come Freedom United usano il termine generico di "schiavitù moderna" per riferirsi a tratta di esseri umani, lavoro forzato o vincolato, schiavitù per debiti, schiavitù infantile, sfruttamento sessuale commerciale, coscrizione forzata e matrimonio forzato - violazioni dei diritti umani che sono stati criminalizzati in tutto il mondo. Ciò non significa, tuttavia, che desideriamo cancellare la storia della schiavitù o suggerire che la schiavitù moderna sia identica alle pratiche spaventose che hanno avuto luogo nei secoli passati. Sono state approvate leggi per abolire la schiavitù, ma i sistemi di discriminazione e sfruttamento che hanno dato inizio alla schiavitù in primo luogo non sono stati sradicati.

 

Inoltre, le leggi globali contro la schiavitù moderna che sono sensibili e sensibili ai bisogni delle vittime e dei sopravvissuti rimangono poche e lontane tra loro, in cima alla vistosamente basso tasso di condanne per tratta di esseri umani a livello globale. In effetti, non esiste una legge penale contro la schiavitù moderna in 94 paesi - quasi la metà degli Stati membri delle Nazioni Unite - e lacune nella legislazione nazionale contro la tratta di esseri umani consentono ai criminali di sfuggire alla punizione.

 

Quando usiamo il termine "schiavitù moderna", ciò che stiamo sostenendo è che vediamo parallelismi in ciò che chiamiamo schiavitù nel tempo. Le vittime della schiavitù moderna sono trattate come "proprietà" sfruttate per il lavoro forzato o per il sesso attraverso minacce, intimidazioni e talvolta violenza fisica e sessuale da parte dei loro trafficanti. Ognuno di questi abusi è - come la schiavitù secoli fa - fondato sull'approfittare di chi detiene meno potere di un proprietario di schiavi o di un trafficante di esseri umani. Ciò significa che le comunità emarginate in tutto il mondo, le minoranze razziali ed etniche, le donne e le ragazze, i poveri, i lavoratori migranti, le minoranze perseguitate, i disabili e altri ritenuti meno potenti rischiano di essere sfruttati da altri. Razzismo sistemico, xenofobia, colorismo e pregiudizio - che non sono fenomeni nuovi - giocano tutti un ruolo in queste ingiustizie. Il fatto che molte società accettino o siano indifferenti a queste forme di discriminazione dimostra che i fattori alla radice degli squilibri di potere - fattori che possono contribuire alla schiavitù moderna e ad altre forme di oppressione - devono ancora essere pienamente riconciliati.

II. Abolizione e approcci per porre fine alla schiavitù oggi

Mentre vediamo parallelismi tra schiavitù storica e schiavitù moderna, una delle loro differenze chiave è negli approcci legali per affrontarli.

Si ritiene che la schiavitù storica, come il commercio transatlantico di schiavi, abbia avuto termine con l'abolizione formale della schiavitù per legge. Ma le ingiustizie e il razzismo che la schiavitù ha volontariamente sfruttato ed esacerbato non sono stati risolti dall'oggi al domani da un cambiamento nella legge, ei loro effetti a lungo termine continuano a influenzare il modo in cui affrontiamo le soluzioni alla schiavitù moderna.

 

L'accademico Joel Quirk spiega:

Quando la schiavitù era legale, c'era sempre una soluzione semplice e singolare: l'abolizione formale. Non era sempre chiaro come sarebbe stata realizzata questa soluzione, ma c'erano pochi dubbi che fosse necessario farlo. C'era anche una diffusa convinzione che questo sarebbe stato definitivo, con la conseguente fine della schiavitù. Questa è stata senza dubbio una formula efficace, ma fornisce una guida limitata quando si tratta di questioni contemporanee, dove non esiste più una soluzione chiara e facilmente identificabile, ma molte strategie sovrapposte, che sono tipicamente orientate alla minimizzazione del danno, piuttosto che all'emancipazione definitiva ...

 

Come cambiamento dall'alto verso il basso dello status giuridico, l'abolizione formale ha costantemente lasciato in piedi strutture più ampie, inclusa la distribuzione della ricchezza e delle risorse e modalità più ampie di differenziazione e discriminazione…. possono lasciare un'eredità che rimane ancora oggi, dal razzismo e dalla povertà, alla discriminazione sociale e alla disuguaglianza. In questo contesto si alimenta la lotta contro la schiavitù questioni più ampie di giustizia sociale e sviluppo economico.

Pertanto, quando si discute di strategie efficaci per affrontare la schiavitù moderna, fare affidamento sulla sola abolizione non lo taglierà. La schiavitù moderna persiste a causa del perdurare dello squilibrio di potere di questo sistema storico, che emerge anche in altre forme di tratta. Sono proprio i sistemi che creano questo squilibrio di potere e mancanza di protezioni che dobbiamo prendere di mira. Ciò significa che la lotta per porre fine alla schiavitù moderna è anche la lotta per la giustizia sociale, l'uguaglianza razziale, la fine della povertà, la misoginia, la xenofobia e tutte le forme di discriminazione per mano dei governi, del settore privato e della società che porta ai diritti umani abusi.

Nemmeno la "schiavitù storica" ​​è stata eliminata

Allo stesso tempo, riconosciamo che ogni paese del mondo oggi ha leggi sui libri che vietano la schiavitù, sarebbe sbagliato affermare che la schiavitù praticata secoli fa è stata eliminata in ogni angolo del globo. Una legislazione forte e completa contro la schiavitù è senza dubbio importante per combattere le pratiche simili alla schiavitù, ma non tutte le leggi sono uguali. La debolezza della legislazione e dell'applicazione, la mancanza di volontà politica e la corruzione hanno portato a bassi tassi di condanna per i moderni reati di schiavitù e nei luoghi in cui lo stato di diritto è debole, l'applicazione rimane una sfida. In alcuni paesi, come la Mauritania e la Libia, la schiavitù oggi sembra notevolmente la stessa di centinaia di anni fa.

 

In questi ambienti, i sostenitori della lotta alla schiavitù dovrebbero cercare soluzioni dal basso e dal basso per sfidare questi crimini, sostenendo sopravvissuti e attivisti che riconoscono che affrontare la schiavitù non significa solo soddisfare il "diritto negativo" della "libertà dalla schiavitù", ma anche il “Diritti positivi” di pari protezione e giustizia per le comunità a rischio.

 

Per esempio, Freedom United sostiene l'attivista locale contro la schiavitù Biram Dah Abeid in Mauritania - l'ultimo paese al mondo a mettere fuori legge tecnicamente la schiavitù nel 1981. Nonostante questo cambiamento legale, il governo non è riuscito a porvi fine in pratica con la schiavitù basata sulla discendenza, o schiavitù mobile, rimanendo trincerato nella società mauritana.

 

Gli arabo-berberi dalla pelle chiara, che rappresentano una minoranza della popolazione, ma dominano politicamente ed economicamente, hanno a lungo ridotto in schiavitù gli Haratine dalla pelle scura e gli afro-mauritani per occuparsi del bestiame e svolgere lavori domestici, e la pratica continua ancora oggi con 'proprietà' tramandata attraverso le famiglie. Secondo alcune stime, fino al 18% della popolazione è ridotta in schiavitù, sopportando lunghi giorni senza paga insieme a traumatiche violenze fisiche e sessuali mentre sono costretti a eseguire gli ordini dei loro padroni.

 

Abeid, il fondatore dell'Iniziativa per la rinascita del movimento abolizionista, ha contribuito a liberare innumerevoli uomini, donne e bambini dalla schiavitù, ma lui ei suoi alleati sono stati costantemente molestati e arrestati dalle autorità mauritane a causa della loro difesa e della loro campagna. sforzi.

 

Allo stesso modo, in Libia abbiamo visto gli effetti del razzismo e del colorismo che guidano la schiavitù nello stato nordafricano. Il mondo è rimasto scioccato quando i media hanno rivelato che i migranti africani venivano venduti all'asta nei mercati degli schiavi alcuni anni fa, e da allora abbiamo assistito a notizie inquietanti di migranti e rifugiati sottoposti a lavori forzati nei centri di detenzione per migranti afflitti da malattie e sovraffollamento.

 

Rifugiati e migranti neri e di pelle scura provenienti dall'Africa subsahariana sono la maggioranza di coloro che sono vittime di tratta e sono sottoposti a lavori forzati. Lo hanno persino riferito le Nazioni Unite che "una parola comunemente usata per riferirsi ai neri in Libia è"Abidat", che si traduce in" schiavi ".

 

Nel 2017, Freedom United ha condotto una campagna per porre fine a questi spaventosi abusi chiedendo prima al Segretario generale delle Nazioni Unite di indagare e contribuire a porre fine ai mercati degli schiavi in ​​Libia. Per aumentare la pressione per porre fine agli abusi nei centri di detenzione per migranti, stiamo ora prendendo di mira la guardia costiera libica, generosamente finanziata dall'Unione europea - che si occupa di intercettare barconi di migranti nel Mar Mediterraneo e di gettarli nei centri di detenzione legati al lavoro forzato e alle sparizioni. I migranti sono persino diventati obiettivi nella guerra civile in corso in Libia. In uno spaventoso attacco aereo che ha ucciso 53 migranti nel centro di detenzione di Tajoura - situato in un complesso militare - i detenuti hanno riferito di essere stati costretti a lavorare in un deposito di armi in loco.

 

Gli esempi di schiavitù dei beni mobili in Mauritania e nei mercati di schiavi all'aperto della Libia dimostrano che le pratiche di schiavitù che hanno preso piede secoli fa possono persistere o riaffiorare in alcune parti del mondo. Le forze e la politica contemporanee determinano il modo in cui rispondiamo a loro oggi, ma le cause profonde ei sistemi che hanno eretto questi abusi derivano dal razzismo di lunga data e dalla discriminazione contro le minoranze e i meno potenti nella società.

III. Discriminazione ed emarginazione: driver della schiavitù moderna

Quelli particolarmente a rischio di schiavitù moderna includono comunità e individui privi di protezione e che sono stati vittime di persecuzioni e discriminazioni, sia per mano di governi che di attori capitalisti e sfruttatori del settore privato che non riescono ad affrontare la schiavitù moderna nelle loro operazioni e catene di approvvigionamento . Ciò include i poveri, i lavoratori migranti a basso salario, le minoranze etniche e razziali, gli immigrati, i prigionieri, le ragazze e le donne, i rifugiati e altri gruppi perseguitati.

 

Sappiamo che la schiavitù moderna è più diffusa in alcuni settori in cui le protezioni per i lavoratori sono deboli, inclusi settori come la pesca, il lavoro domestico, la produzione, l'agricoltura e l'edilizia, che impiegano la maggior parte delle comunità di cui sopra, spesso attraverso accordi informali. Comunemente indicato come "lavoro 3D" (sporco, degradante e pericoloso), il lavoro in questi settori scarsamente regolamentati mette i lavoratori a rischio di essere sfruttati o trafficati da datori di lavoro senza scrupoli. Le vittime, già emarginate dalla società, possono avere risorse limitate per accedere all'assistenza legale e risorse per affrontare il loro trauma, oltre alle minacce e alle intimidazioni dei loro trafficanti.

 

Ad esempio, in India la maggior parte delle vittime del lavoro forzato e schiavo, come quelle che lavorano nelle fornaci di mattoni, proviene dal Dalit, o casta "intoccabile". La discriminazione che i Dalit devono affrontare in quanto una casta altamente emarginata e impoverita ha un impatto diretto sui tipi di lavoro a cui possono accedere. L'estrema povertà costringe i Dalit e altri gruppi minoritari in India a contrarre prestiti che li intrappolano nella schiavitù del debito, lavorando senza sosta ma senza mai guadagnare abbastanza per saldare i loro debiti.

 

Allo stesso modo, in Medio Oriente i lavoratori migranti subiscono danni le kafala sistema, un programma di sponsorizzazione di lavoratori stranieri in molti stati del Golfo che è stato criticato per aver consentito la schiavitù moderna. kafala lega la residenza dei lavoratori migranti ai loro datori di lavoro, il che significa che un lavoratore deve ottenere il permesso esplicito dal proprio datore di lavoro per entrare, lasciare o trasferire un lavoro. In caso di abuso e persino di schiavitù, scappare da un datore di lavoro sfruttatore significa che i lavoratori migranti possono essere arrestati e persino deportati per la fuga.

 

kafala Il sistema è la codificazione legale di atteggiamenti sociali paternalistici e xenofobi nei confronti dei lavoratori migranti che provengono in gran parte dall'Asia meridionale, dall'Asia sudorientale e dall'Africa orientale. In quanto lavoratori migranti impiegati in lavori a basso salario come il lavoro domestico o l'edilizia - comprese le strutture per la Coppa del Mondo del Qatar - subiscono discriminazioni in base al loro paese di origine e al basso status socioeconomico.

 

In poche parole, le comunità emarginate, discriminate a causa della loro classe, razza, sesso, nazionalità, capacità fisiche e mentali e altri fattori, detengono meno potere nella società. Con meno potere derivano meno protezioni economiche, sociali e legali e questo rende queste comunità particolarmente vulnerabili all'essere sfruttate e sfruttate dai trafficanti di esseri umani. Potreste essere sorpresi, ad esempio, che molti paesi in tutto il mondo non abbiano ancora ratificato il Convenzione 29 dell'Organizzazione internazionale del lavoro contro il lavoro forzato or Convenzione 189 per sancire la tutela dei lavoratori domestici - due campagne in cui Freedom United si è impegnata sin dalla nostra fondazione.

 

Anche nei luoghi in cui esistono leggi contro la schiavitù, rimangono delle scappatoie. Ad esempio, gli Stati Uniti potrebbero aver abolito la schiavitù attraverso il 13th Emendamento, ma in realtà contiene un'eccezione preoccupante: la servitù involontaria rimane legale come punizione per un crimine. Questo in pratica significa i prigionieri negli Stati Uniti possono essere "legalmente" soggetti alla schiavitù, costretti a lavorare gratuitamente poiché il loro lavoro è sfruttato dal governo e fornito a imprenditori privati ​​che si rivolgono a lavoro carcerario come fonte di manodopera a basso costo e gratuita.

 

L'eredità del razzismo negli Stati Uniti è direttamente collegata alla definizione del profilo razziale, all'incarcerazione di massa e alla violenza di stato contro le comunità nere e marroni. Negli ultimi anni, la xenofobia e le politiche anti-immigrati hanno portato a una repressione nei confronti di immigrati e rifugiati rinchiusi nei centri di detenzione per immigrati in tutto il paese. Nonostante non siano stati accusati di un reato penale, i detenuti in una serie di cause legali contro i centri di detenzione per immigrati privati ​​affermano di essere stati sottoposti a lavori forzati e pagati solo $ 1 al giorno. Quando hanno rifiutato, riferiscono di essere stati minacciati di punizione e persino di isolamento. Con chiari indicatori di lavoro forzato in questi rapporti, continuiamo a fare campagna contro CoreCivic, la società al centro di queste cause per tratta di esseri umani presentate da detenuti immigrati.

IV. La strada da percorrere: difendere i leader sopravvissuti nel passato e nel presente

L'abolizione della schiavitù storica non è stata semplicemente il risultato di ricchi legislatori bianchi. Tutt'altro: le persone schiavizzate resistettero, fecero campagne e pianificarono inesorabilmente strategie per abolire la schiavitù storica. Molti sono morti per la loro causa. La strada per l'abolizione della schiavitù fu segnata da ripetute rivolte e ribellioni organizzate da persone schiavizzate; molti dei loro leader sono celebrati oggi, come Samuel Sharpe in Giamaica e Carlota Lucumí a Cuba.

 

Altri sopravvissuti alla schiavitù storica divennero eminenti leader abolizionisti. Ad Haiti, Toussaint Louverture, un tempo ridotto in schiavitù, guidò con successo la rivoluzione haitiana, stabilendo la prima repubblica a guida nera del mondo e infliggendo un duro colpo all'istituzione della schiavitù in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, Harriet Tubman e Fredrick Douglass sono sopravvissuti alla schiavitù nel sud per diventare influenti figure anti-schiavitù nel nord: cambiando le percezioni degli americani bianchi, salvando quelli ancora schiavi e facendo campagne instancabili contro la continua esistenza della schiavitù.

 

La schiavitù storica non sarebbe finita senza gli sforzi di queste vittime e sopravvissuti. La fine della schiavitù moderna non sarà diversa. La storia ci insegna che un movimento di successo contro la schiavitù moderna deve coinvolgere la leadership dei sopravvissuti, e gli attivisti contro la schiavitù devono costantemente sforzarsi di rafforzare coloro che hanno esperienza vissuta. Troppo spesso ciò non accade ei media si affidano a immagini sensazionalizzate che non riflettono la loro realtà, creando ostacoli alla comprensione e al sostegno del pubblico.

 

Freedom United cerca di farlo collaborando il più possibile con i sostenitori dei sopravvissuti e aderendo sempre al principi di My Story, My Dignity, che ci assicurano di centrare le voci dei sopravvissuti e di trattare le loro storie con dignità. Parte integrante di questo approccio è riconoscere che i sopravvissuti alla schiavitù moderna e coloro che lavorano in settori ad alto rischio devono guidare questo movimento e fare in modo che le loro esperienze vissute forniscano risposte efficaci.

 

Per porre fine alla schiavitù moderna in tutto il mondo, dobbiamo riformulare il nostro pensiero, anche all'interno della comunità anti-tratta. L'obiettivo finale non è semplicemente garantire che nessun essere umano sia vittima della tratta di esseri umani, del lavoro forzato o del matrimonio forzato. Piuttosto, ci sforziamo di migliorare e creare sostegno per la protezione sociale, politica e legale di coloro che sono a rischio di schiavitù moderna in modo che non siano più vulnerabili allo sfruttamento. Inoltre, miriamo ad adottare un approccio collaborativo e intersezionale all'advocacy nel riconoscere che anche i fattori trainanti della schiavitù moderna, come il razzismo e la xenofobia, sono questioni contro le quali dobbiamo opporci fermamente e lavorare attivamente per smantellare nella società.

 

Essendo il più grande movimento contro la schiavitù del mondo, i nostri sostenitori dimostrano che questi obiettivi sono condivisi da una fascia incredibilmente diversificata della società. Insieme, riconoscendo le lezioni del passato e l'eredità storica della schiavitù che persiste fino ad oggi, possiamo affrontare efficacemente la schiavitù moderna in tutte le sue forme.

Vuoi saperne di più?

Se stai cercando un approfondimento sui legami tra schiavitù storica e schiavitù moderna, iscriviti a Università della libertà. Segui un corso approfondito del nostro partner, l'Università di Nottingham, e scopri il passato, il presente e il futuro della schiavitù.

Iscriviti qui!

 

Ulteriori letture: