Di 'all'UE di porre fine alla schiavitù in Libia - FreedomUnited.org

Chiama per porre fine alla schiavitù in Libia

Guarda il nostro video per la Giornata Mondiale del Rifugiato.

Il mondo è rimasto scioccato quando quattro anni fa si è diffusa la notizia dei mercati degli schiavi in ​​Libia, ma da allora casi di schiavitù moderna, tratta degli schiavi e aste di schiavi in Libia si sono evoluti considerevolmente. E sono tutti collegati ai centri di detenzione dei migranti e al denaro e al potere che alimentano la loro esistenza.

Amnesty International, Human Rights Watch e le Nazioni Unite hanno documentato tutte le principali violazioni dei diritti umani e casi chiari di schiavitù moderna in queste strutture.

Quindi chi sta gettando queste persone vulnerabili dietro le sbarre?

La guardia costiera libica - sostenuta generosamente dai finanziamenti dell'Unione Europea.1,2

Nel tentativo di impedire a rifugiati e migranti di raggiungere le coste dell'Europa, la Guardia costiera libica ha aumentato la sua intercettazione delle imbarcazioni nel Mar Mediterraneo, riportando quelle a bordo in Libia e rinchiudendole in centri di detenzione per migranti.3

E come dimostra il devastante e mortale attacco aereo nel centro di detenzione per migranti di Tajoura, queste strutture sono ora obiettivi nel conflitto in corso nel Paese e non c'è posto per i rifugiati in cui vivere.

Sappiamo che anche il razzismo in Libia sta contribuendo al problema; rifugiati neri e dalla pelle scura e migranti dall'Africa subsahariana sono la maggior parte dei trafficanti e sottoposti a lavoro forzato. Le Nazioni Unite hanno persino riferito che "una parola comunemente usata per riferirsi ai neri in Libia è"Abidat", che si traduce in" schiavi ".4

Prendilo da Leyla, un rifugiato somalo.

“Abbiamo mangiato a malapena e non c'era abbastanza acqua. Così tante persone erano malate di tubercolosi, alcune sono morte tra le mie braccia. Sono stato picchiato e siamo stati torturati - con l'elettricità ", ha detto.5

Lei e suo marito sono fuggiti dai militanti islamici al-Shabab in Somalia nel 2016, ma sono finiti nelle mani dei trafficanti di esseri umani in Libia. Quando riuscirono a scappare dai loro trafficanti, la coppia salì su un gommone, sperando di attraversare il Mediterraneo.

Ma quando la loro barca rimase senza carburante fu la Guardia costiera libica che li portò con forza a Tripoli, rinchiudendoli nel centro di detenzione di Triq al-Sikka. A corto di speranza che sarebbero stati liberati, suo marito si è dato fuoco, bruciando a morte.

È stata preparata una petizione, dobbiamo rompere questo ciclo di sfruttamento.

E questo inizia facendo pressione sull'UE. Dire all'UE di mettere la vita umana prima di inumare le politiche sull'immigrazione che stanno rimettendo in pericolo i rifugiati e i migranti in Libia.

La tua firma dice all'UE che non può più essere complice nel consentire schiavitù moderna persistere in Libia. Agisci ora e firma la petizione.

  • Agosto 2022: Un nuovo rapporto di Alarm Phone documenta l'ascesa del Department of Combating Settlement and Illegal Migration (DCSIM), un organismo concorrente del DCIM del governo di unità nazionale, creato da una fazione dello Stability Support Apparatus (SSA). Questo gruppo è stato responsabile di quasi la metà di tutti i ritorni dall'inizio del 2022 ed è noto per la sua brutalità.

    La SSA gestisce i centri di detenzione di Al Maya, situati a circa 30 km a ovest di Tripoli. I sopravvissuti hanno riferito che “le guardie picchiano regolarmente migranti e rifugiati detenuti e li sottopongono a lavori forzati, stupri e altre violenze sessuali, inclusa la prostituzione forzata” in questi centri.

    Leggi il rapporto completo per saperne di più, clicca qui.

  • Luglio 2022: Dozzine della comunità di Freedom United in Italia si sono rivolte a Twitter per chiedere ai loro rappresentanti di dire #NoToItalianComplicity nella schiavitù in Libia. In vista della votazione sul rinnovo dei finanziamenti per le missioni militari italiane a sostegno della Guardia costiera libica, ci siamo mobilitati per chiedere ai decisori chiave di respingere la proposta. E ci hanno sentito! Giorni dopo, Enrico Letta, segretario del Pd, annunciò che il suo partito si sarebbe astenuto dal voto su una delle principali missioni di sostegno. Sebbene la proposta abbia ancora ricevuto un sostegno sufficiente per andare avanti, questa decisione rappresenta un punto di svolta importante nella posizione del partito sulla cooperazione con la Libia.

  • Giugno, 2022: Scontri tra gruppi armati sono scoppiati a Tripoli mentre il Paese affronta una violenta lotta di potere. Di conseguenza, rifugiati e migranti, insieme alla popolazione locale, corrono un rischio maggiore di danni, eppure l'UE continua a sostenere un sistema di gestione della migrazione che favorisce il ritorno in Libia delle persone intercettate nel Mediterraneo centrale. Leggi di più.

  • Aprile, 2022: Con il supporto dell'organizzazione FragDenStaat, Sea-Watch ha intentato una causa contro Frontex dinanzi al Tribunale dell'Unione Europea per aver rifiutato le richieste ai sensi del regolamento sulla libertà di informazione. Le richieste erano in relazione a un ritiro in violazione del diritto internazionale assistito da Sea-Watch il 30 luglio 2021. Leggi di più.

  • Aprile 22, 2022: Freedom United si unisce ai firmatari sui rifugiati nel manifesto politico libico, chiedendo la chiusura dei centri di detenzione e la fine del finanziamento della Guardia costiera libica. Firma il manifesto.

  • 19 giugno 2017: Lanci della campagna

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
75 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Andrew (Andy) Alcock
Andrew (Andy) Alcock
anni fa, 3

È stata la NATO a causare l'intera catastrofe in Libia nel 2011 rovesciando il suo governo, uccidendo e mutilando molti dei suoi cittadini, creando un numero enorme di rifugiati e distruggendo infrastrutture. Ora i governi europei non vogliono assumersi la responsabilità dei rifugiati vittime delle loro azioni criminali.

I cittadini delle nazioni della NATO dovrebbero assicurarsi che i loro leader si assumano la responsabilità della morte e delle sofferenze che hanno causato e che facciano di tutto per assistere le vittime.

Grindl
Grindl
7 mesi fa

Se tutte queste potenze occidentali smettessero di fingere di essere ancora imperi/imperiali per il resto del mondo, potremmo vedere un senso nella politica estera! Lo stato dei leader occidentali è a dir poco deprimente in termini di speranza e cambiamento positivo, dove la base egoistica delle politiche viene scambiata con le soluzioni umane e pacifiche necessarie! Anche lo Yemen è un punto nel caso!

Christine Knot
Christine Knot
7 mesi fa

Concordo. David Cameron ha autorizzato attacchi aerei. L'Occidente ha fatto così tanti danni al Medio Oriente, forse con buone intenzioni, forse no! Ma hanno lasciato la devastazione e se ne sono andati. Vergognoso.

Shan Fistell
Shan Fistell
3 mesi fa
Rispondi a  Christine Knot

Se ospiti indesiderati uccidono la tua famiglia, bruciano la tua casa e distruggono la tua proprietà, non ci sono mai state buone intenzioni.

Ultima modifica 3 mesi fa di Shan Fistell
ANDREA LENZI
ANDREA LENZI
3 mesi fa
Rispondi a  Shan Fistell

Prima che arrivasse la NATO, la situazione era tutta rosa e amore?

Lucy
Lucy
8 mesi fa

Ben detto Andy!

Pedro Rabacal
Pedro Rabacal
1 anno fa

Ero l'anatra Gaydafi che ha iniziato questa guerra massacrando i manifestanti e chiamandoli topi. È stato lui a sostenere il terrorismo per decenni.
Sono stati TUTTI i dittatori arabi a massacrare i manifestanti durante lo Srping arabo, la maggior parte dei quali amici degli USA.
Non fingere che non sia colpa dei governi arabi.

Dottor Siddharta
Dottor Siddharta
1 mese fa
Rispondi a  Pedro Rabacal

Ma cosa ha fatto l'ovest? Bombardarlo e trasformarlo in un paese povero con fiorente commercio di carne, schiavitù umana!!!!!!!

Shan Fistell
Shan Fistell
3 mesi fa
Rispondi a  Pedro Rabacal

Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, FranciaComplicità con un omicidio

Johan Smuts
1 anno fa
Rispondi a  Pedro Rabacal

Pedro hai perfettamente ragione, e i paesi dell'UE lo sanno.

Luigi Rosolini
Luigi Rosolini
anni fa, 3

Che mi dici della relazione tra Barack e Clinton? Nato o France US ??

Luigi Rosolini
Luigi Rosolini
anni fa, 3

I rifugiati non provengono solo dalla Siria e la maggior parte sono giovani neri provenienti dall'Africa che seguono il sogno dell'UE, ma finiscono per raccogliere il pomodoro in Italia sotto mafia o in orticoltura spagnola con lo stesso trattamento. Versare paga, condizioni terribili. Alcuni sono come la Nigeria che ora controlla la prostituzione e la droga in Italia, dove le persone logicamente non sono così felici di avere un tale criminale lì già combattendo drangheda, camorra e mafia con molta corruzione. Francia e Regno Unito non si trovano in una situazione migliore!

anu
anu
9 mesi fa
Rispondi a  Luigi Rosolini

diventa bianco xtian e ottieni il certificato di identità firmato dal potere appropriato in quel comune .. il più semplice per tutti .. problema di paygrade risolto per sempre ..

RCVIVEK
anni fa, 2

La tratta di esseri umani è contro l'umanità, quindi deve finire il prima possibile, grazie

bigggi vinkeloe
bigggi vinkeloe
anni fa, 2
Rispondi a  RCVIVEK

l'unico modo per porre fine al caos migratorio e al traffico di esseri umani è abolire tutti i pensionanti e lasciare che le persone decidano dove vogliono stabilirsi e costruire una nuova vita o connettersi con i propri cari. Porre fine alle procedure di asilo che sono costose, dolorose e devastanti e danno alle persone la possibilità di fare le proprie scelte. Avere i confini in modo simbolico proprio come abbiamo le regioni oggi, per la costruzione di una comunità e una maggiore vicinanza agli affari della vita quotidiana, all'istruzione, alla sanità, alle infrastrutture ...

Jhonny
Jhonny
1 anno fa
Rispondi a  bigggi vinkeloe

Anche la porta di casa tua sarà simbolica? Dopotutto, se i confini di una nazione sono simbolici e non sono proprietà pubblica ma proprietà mondiale, forse la tua casa è proprietà pubblica ma non proprietà privata? Dovresti mettere in pratica ciò che predichi e lasciare che alcuni di quei migranti si stabiliscano nella tua casa quando vogliono, ma purtroppo ne dubito.

Ultima modifica 1 anno fa di Jhonny
H Usky
H Usky
1 mese fa
Rispondi a  Jhonny

I confini nazionali non sono stabiliti a causa dei codici antincendio e dei contratti di proprietà o affitto della casa. Una dimensione del campione così piccola non può essere utilizzata in modo veritiero su una scala così ampia. Dubito anche di coloro che stanno votando a favore del tuo commento o che hai preso abbastanza persone per intaccare davvero il problema.

ANDREA LENZI
ANDREA LENZI
3 mesi fa
Rispondi a  Jhonny

Una semplice politica di allocazione razionale fermerebbe il fenomeno che descrivi.

Ognuno dovrebbe essere libero di andare quando vuole, comunque perché nessuno decide dove nascere

Rick be
Rick be
1 mese fa
Rispondi a  ANDREA LENZI

Saluto la bandiera e ringrazio Dio ogni giorno
che mi ha fatto nascere negli Stati Uniti.

Yvonne Lione
Yvonne Lione
anni fa, 3

Questi atti atroci contro i rifugiati in Libia sono semplicemente qualcosa che non dovrebbe mai esistere e accadere in questo mondo oggi. Qualcuno e qualche autorità/organismo, inclusa l'UE, deve assumersi la responsabilità di essere parte degli atti efferati perpetrati su queste vittime di rifugiati. A meno che ciò non accada, saremo molto lontani dall'aiutare queste persone disperate a vivere una vita normale, dignitosa e appagante.

Luigi Rosolini
Luigi Rosolini
anni fa, 3

Il Nord Africa, ma non solo, è sotto il colonialismo della Francia con il braccio della Libia che controlla anche il denaro poiché molte nazioni stanno usando il denaro timbrato fornito dalla Francia. La multinazionale africana o il colonialismo sono aumentati con la povertà e la disparità del regime estremista. Vedi Zimbabwe, Sudan, Congo, Marocco Nigeria. Anche gli estremisti islamici attivi anche in Libia stanno uccidendo e usano la schiavitù come merce. UE, ONU il mondo con la Cina ora c'è il nuovo potere coloniale è una delle cause dell'esodo.

Di 'all'UE di porre fine alla schiavitù in Libia

Aiutaci a raggiungere 50,000 azioni
33,178

A: stati membri dell'UE

La schiavitù moderna e le orribili violazioni dei diritti umani sono persistite in Libia da quando la notizia dei mercati degli schiavi ha scioccato il mondo due anni fa.

Le persone innocenti in fuga dalla violenza domestica sono state intercettate in mare dalla Guardia costiera libica, sono tornate in Libia e gettate nei centri di detenzione dei migranti.

Le Nazioni Unite hanno denunciato i collegamenti della Guardia costiera libica finanziata dall'UE con le reti della tratta di esseri umani. Inoltre, l'attacco aereo del centro di detenzione di Tajoura, uccidendo 53 persone, dovrebbe inviare un chiaro segnale che queste strutture non sono sicure nella guerra civile in Libia.

Questo è il motivo per cui invito gli Stati membri dell'UE a intensificare l'umanità. Esorto i governi dell'UE a:

  1. Cessare i finanziamenti per la Guardia costiera libica
  2. Spingere per chiudere tutti i centri di detenzione per migranti in Libia, liberare ed evacuare tutti gli uomini, donne e bambini attualmente detenuti lì
  3. Istituito un meccanismo di sbarco e trasferimento per le persone soccorse nel Mar Mediterraneo non legate alla Guardia costiera libica
Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Attività recenti

  • Oscar A.,
  • Kira S.,
  • Darcy J.,
  • Donald G.,
  • Susan N.,
  • Tom B.,
  • Daodin C.,
  • Giulia A.,
  • Giovanni B.,
  • Adam T.,

Partner della campagna

Invia ad un amico