Dite all'UE di porre fine alla schiavitù in Libia - FreedomUnited.org

Appello per porre fine alla schiavitù in Libia

Fai sentire la tua voce

Condividi questa petizione

Guarda il nostro video per la Giornata Mondiale del Rifugiato.

La schiavitù moderna in Libia

Il mondo è rimasto scioccato quando quattro anni fa si è diffusa la notizia dei mercati degli schiavi in ​​Libia, ma da allora casi di schiavitù moderna, tratta degli schiavi e aste di schiavi in Libia si sono evoluti considerevolmente. E sono tutti collegati ai centri di detenzione dei migranti e al denaro e al potere che alimentano la loro esistenza.

Amnesty International, Human Rights Watch e le Nazioni Unite hanno documentato tutte le principali violazioni dei diritti umani e casi chiari di schiavitù moderna in queste strutture.

Quindi chi sta gettando queste persone vulnerabili dietro le sbarre?

La guardia costiera libica - sostenuta generosamente dai finanziamenti dell'Unione Europea.1,2

La guardia costiera libica e la complicità dell’Europa

Nel tentativo di impedire a rifugiati e migranti di raggiungere le coste dell'Europa, la Guardia costiera libica ha aumentato la sua intercettazione delle imbarcazioni nel Mar Mediterraneo, riportando quelle a bordo in Libia e rinchiudendole in centri di detenzione per migranti.3

E come dimostra il devastante e mortale attacco aereo nel centro di detenzione per migranti di Tajoura, queste strutture sono ora obiettivi del conflitto in corso nel paese e non offrono spazio in cui possano vivere i rifugiati.

Sappiamo che anche il razzismo in Libia sta contribuendo al problema; I rifugiati e i migranti neri e dalla pelle scura provenienti dall’Africa sub-sahariana sono la maggior parte delle persone oggetto di tratta e di cui sono vittime lavoro forzato. Le Nazioni Unite hanno persino riferito che "una parola comunemente usata per riferirsi ai neri in Libia è"Abidat", che si traduce in" schiavi ".4

Prendilo da Leyla, un rifugiato somalo.

“Abbiamo mangiato a malapena e non c’era abbastanza acqua. Così tante persone erano malate di tubercolosi e alcune sono morte tra le mie braccia. Sono stato picchiato e siamo stati torturati con l’elettricità”, ha detto.5

Lei e suo marito sono fuggiti dai militanti islamici al-Shabab in Somalia nel 2016, ma sono finiti nelle mani dei trafficanti di esseri umani in Libia. Quando riuscirono a scappare dai loro trafficanti, la coppia salì su un gommone, sperando di attraversare il Mediterraneo.

Ma quando la loro barca rimase senza carburante fu la Guardia costiera libica che li portò con forza a Tripoli, rinchiudendoli nel centro di detenzione di Triq al-Sikka. A corto di speranza che sarebbero stati liberati, suo marito si è dato fuoco, bruciando a morte.

Come si può aiutare

È stata preparata una petizione, dobbiamo rompere questo ciclo di sfruttamento.

E questo inizia facendo pressione sull'UE. Dire all'UE di mettere la vita umana prima di inumare le politiche sull'immigrazione che stanno rimettendo in pericolo i rifugiati e i migranti in Libia.

La tua firma dice all'UE che non può più essere complice nel consentire schiavitù moderna persistere in Libia. Agisci ora e firma la petizione.

  • Maggio 2023: "Siamo stati uccisi, siamo stati violentati, siamo stati torturati, siamo stati estorti e siamo stati messi ai lavori forzati", afferma David Yambio, sopravvissuto e sostenitore della Libia. Ascolta qui il suo testamento.

     

  • Dicembre 2022: Lo hanno rilasciato Human Rights Watch e Border Forensics in un funzione di ricerca multimediale con una chiara conclusione: l'agenzia per le frontiere dell'UE, Frontex, sta utilizzando la sorveglianza aerea per facilitare i rimpatri in Libia, dove le persone in movimento subiscono abusi sistematici, che spesso equivalgono alla schiavitù moderna.  Allertando la guardia costiera libica sull'ubicazione delle imbarcazioni dei migranti, Frontex si rende complice degli abusi subiti dalle persone al ritorno in Libia. Leggi di più.

  • Novembre 2022: Nonostante centinaia di attivisti siano scesi in piazza in Europa e abbiano inondato i social media, il governo di estrema destra italiano non è riuscito ad agire contro la schiavitù moderna in Libia. Il Memorandum Italia-Libia è stato rinnovato, ma non smetteremo di lottare per la giustizia e la libertà per ogni persona che in Libia deve affrontare lavori forzati, torture, estorsioni e abusi.

  • Ottobre 2022: Centinaia di voi nella community di Freedom United si sono rivolti a Twitter per chiedere all'Ambasciatore d'Italia in Libia e al Ministero dell'Interno di annullare il Memorandum d'intesa Italia-Libia. Da Barcellona a Berlino, il 15 ottobre hanno protestato anche attivisti in almeno 15 città europee. Leggi di più.

  • 19 giugno 2017: Lanci della campagna

Entra e aiuta a finire il moderno schiavitù una volta per tutte.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
98 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Andrew (Andy) Alcock
Andrew (Andy) Alcock
anni fa, 4

È stata la NATO a causare l'intera catastrofe in Libia nel 2011 rovesciando il suo governo, uccidendo e mutilando molti dei suoi cittadini, creando un numero enorme di rifugiati e distruggendo infrastrutture. Ora i governi europei non vogliono assumersi la responsabilità dei rifugiati vittime delle loro azioni criminali.

I cittadini delle nazioni della NATO dovrebbero assicurarsi che i loro leader si assumano la responsabilità della morte e delle sofferenze che hanno causato e che facciano di tutto per assistere le vittime.

Luigi Rosolini
Luigi Rosolini
anni fa, 4

I rifugiati non provengono solo dalla Siria e la maggior parte sono giovani neri provenienti dall'Africa che seguono il sogno dell'UE, ma finiscono per raccogliere il pomodoro in Italia sotto mafia o in orticoltura spagnola con lo stesso trattamento. Versare paga, condizioni terribili. Alcuni sono come la Nigeria che ora controlla la prostituzione e la droga in Italia, dove le persone logicamente non sono così felici di avere un tale criminale lì già combattendo drangheda, camorra e mafia con molta corruzione. Francia e Regno Unito non si trovano in una situazione migliore!

Yvonne Lione
Yvonne Lione
anni fa, 4

Questi atti atroci contro i rifugiati in Libia sono semplicemente qualcosa che non dovrebbe mai esistere e accadere in questo mondo oggi. Qualcuno e qualche autorità/organismo, inclusa l'UE, deve assumersi la responsabilità di essere parte degli atti efferati perpetrati su queste vittime di rifugiati. A meno che ciò non accada, saremo molto lontani dall'aiutare queste persone disperate a vivere una vita normale, dignitosa e appagante.

Grindl
Grindl
anni fa, 2

Se tutte queste potenze occidentali smettessero di fingere di essere ancora imperi/imperiali per il resto del mondo, potremmo vedere un senso nella politica estera! Lo stato dei leader occidentali è a dir poco deprimente in termini di speranza e cambiamento positivo, dove la base egoistica delle politiche viene scambiata con le soluzioni umane e pacifiche necessarie! Anche lo Yemen è un punto nel caso!

RCVIVEK
anni fa, 3

La tratta di esseri umani è contro l'umanità, quindi deve finire il prima possibile, grazie

Dite all'UE di porre fine alla schiavitù in Libia

35,319

Aiutaci a raggiungere quota 50,000

Migranti e rifugiati sono sistematicamente sottoposti a detenzione arbitraria, lavoro forzato, tortura, estorsione e altre forme di abuso e sfruttamento nei centri di detenzione libici.

Nonostante le prove di questo grave maltrattamento, l'UE ei suoi Stati membri continuano a sostenere questo sistema di detenzione basato sullo sfruttamento fornendo sostegno finanziario e tecnico alle autorità libiche.

Esorto i governi dell'UE a:

  • Cessare i finanziamenti per la Guardia costiera libica
  • Spingere per chiudere tutti i centri di detenzione per migranti in Libia, liberare ed evacuare tutti gli uomini, donne e bambini attualmente detenuti lì
  • Istituito un meccanismo di sbarco e trasferimento per le persone soccorse nel Mar Mediterraneo non legate alla Guardia costiera libica
Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Ultima attività
  • Ultima attività
    Morgan J.
  • Ultima attività
    Cathy C.
  • Ultima attività
    Terenzio H.
Partner della campagna