Lavoro domestico

Il sistema Kafala in Libano crea le condizioni per gli abusi

0
Schiavitù domestica

I lavoratori domestici migranti libanesi

Il Libano ospita circa 250,000 lavoratori domestici migranti ufficialmente registrati che rappresentano il 4% della popolazione del paese di 6 milioni. Questi lavoratori sono per la maggior parte donne che sono emigrate da paesi come Etiopia, Bangladesh, Sierra Leone, Filippine e Sri Lanka, e sono impiegate in famiglie private con visti sponsorizzati, assunte per aiutare con le pulizie, prendersi cura di bambini e anziani, cucinare e altri compiti domestici.

Gli effetti del sistema kafala

I lavoratori domestici migranti in Libano sono esclusi dalla legge sul lavoro del paese e sono invece regolati dal sistema kafala, un sistema di sponsorizzazione in base al quale il diritto dei lavoratori a lavorare e vivere nel paese è legato al loro datore di lavoro.

Lo sfruttamento dei lavoratori domestici è inevitabilmente facilitato in queste condizioni. I datori di lavoro sono sicuri nella consapevolezza che il loro dipendente non può lasciare il proprio lavoro senza rischiare la detenzione e l'espulsione, e quindi uno squilibrio di potere estremo guida condizioni di sfruttamento del lavoro lasciando i lavoratori domestici migranti con scarso ricorso ai meccanismi di reclamo e giustizia.

In un reportage video per Al Jazeera, Salma Sakr della nostra organizzazione partner Anti-Racism Movement, ha dichiarato:

“Le cose cambieranno solo se il governo riterrà i datori di lavoro responsabili di queste pratiche e istituirà un sistema che annulli i torti che i lavoratori migranti hanno dovuto subire nel Paese per decenni”.

Guarda il video report completo qui e firmare la lettera aperta invitando il Ministero del Lavoro libanese ad abolire il sistema della kafala.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti