La battaglia vitale delle lavoratrici del sesso per l'inclusione finanziaria

La battaglia vitale delle lavoratrici del sesso per l'inclusione finanziaria

  • Edizione del
    16 aprile 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    depenalizzazione
Banner eroe

Becky Webster, un'ex lavoratrice del servizio sanitario nazionale diventata prostituta a tempo pieno nel Regno Unito, ha dovuto affrontare un altro ostacolo finanziario quando la Barclays Bank ha congelato il suo conto, lasciandola nell'impossibilità di accedere al pagamento dei sussidi statali di suo figlio per oltre una settimana. Questo incidente ha segnato il 15th volta che le era stato negato un conto bancario o ne aveva chiuso uno a causa della sua occupazione nell'industria del sesso, riferisce il Financial Times. In risposta, Webster ha lanciato una petizione invitando i parlamentari a garantire che le persone che lavorano nell'industria del sesso abbiano accesso ai servizi bancari, raccogliendo oltre 11,000 firme.

"Ho richiesto un conto bancario, un conto bancario aziendale e non appena arrivo a 'qual è la tua occupazione' e inserisco l'industria del sesso, semplicemente non mi lascia andare avanti", ha detto Webster, aggiungendo: " Quindi vuoi che paghi le tasse ma vuoi togliermi i conti bancari?

L'esperienza di Webster fa luce su una questione più ampia di esclusione finanziaria affrontata dalle lavoratrici del sesso, dove a molte vengono ingiustamente negati i servizi finanziari di base. Il problema si estende oltre il caso Webster e colpisce migliaia di individui.

Lavoro sessuale e discriminazione finanziaria

Nonostante la legalità della vendita e dell’acquisto di servizi sessuali tra adulti consenzienti in Inghilterra e Galles, le lavoratrici del sesso incontrano sfide significative nell’accesso ai servizi finanziari. Secondo il Collettivo inglese per le prostitute, circa 72,800 persone si dedicano alla vendita di servizi sessuali nel Regno Unito, la maggioranza sono donne. Tuttavia, una ricerca condotta dalla Sex Workers Union e da Decrim Now ha rivelato che oltre l’80% delle lavoratrici del sesso affronta qualche forma di discriminazione finanziaria, esacerbando così la loro vulnerabilità.

Jessica Van Meir, co-fondatrice di MintStars e ricercatrice sui diritti delle lavoratrici del sesso presso l'Università di Harvard, afferma:

“È pericoloso per la vita delle lavoratrici del sesso perdere i loro conti bancari. Quando qualcuno non può avere un conto bancario per detenere i propri soldi in modo indipendente, è più probabile che si affidi a una terza parte che conservi i propri soldi per loro, come un partner che potrebbe potenzialmente abusarne o sfruttarli.

Questa discriminazione è particolarmente grave se si considera che le lavoratrici del sesso sono tenute a pagare l’imposta sul reddito sui loro guadagni. Tuttavia, spesso incontrano ostacoli nell’accesso ai servizi bancari anche quando sono registrate come imprese individuali e adempiono ai loro obblighi fiscali. Le banche giustificano le loro azioni, citando preoccupazioni sul monitoraggio e sulla prevenzione della criminalità finanziaria, compreso il traffico sessuale. Tuttavia, gli attivisti sostengono che negare alle lavoratrici del sesso l’accesso ai servizi bancari aumenta la loro vulnerabilità allo sfruttamento e ai furti, spingendole verso alternative meno sicure.

“Abbiamo bisogno che le autorità finanziarie smettano di confondere sesso e lavoro sessuale con la criminalità e di rafforzare l’isolamento e l’emarginazione che già affliggono le lavoratrici del sesso”, ha detto Audrey Caradonna, rappresentante di Decrim Now.

La soluzione: depenalizzazione totale del lavoro sessuale

Per affrontare veramente il problema dell’esclusione finanziaria delle lavoratrici del sesso, è imperativo sfidare lo stigma e le barriere legali che circondano il lavoro sessuale. La piena depenalizzazione del lavoro sessuale è l’approccio più efficace per rafforzare la resilienza contro la tratta a scopo di sfruttamento sessuale. Rimuovendo le leggi punitive e lo stigma, le lavoratrici del sesso possono accedere ai servizi essenziali senza timore di discriminazioni o persecuzioni.

Inoltre, la depenalizzazione consentirebbe alle lavoratrici del sesso di collaborare con le istituzioni finanziarie senza dover affrontare chiusure arbitrarie di conti o congelamenti basati sulla loro occupazione che le rendono vulnerabili allo sfruttamento.

Garantire la parità di accesso ai servizi finanziari non è solo una questione di giustizia economica, ma anche un passo cruciale verso la salvaguardia dei diritti e del benessere delle lavoratrici del sesso. C’è un livello preoccupante di sfruttamento e discriminazione nell’industria del sesso. Crediamo fermamente che la completa depenalizzazione del lavoro sessuale sia il modo migliore per creare un cambiamento sistemico e garantire forti protezioni alle lavoratrici del sesso che prevengano la tratta e lo sfruttamento. Scopri di più sul nostro lavoro a sostegno della piena depenalizzazione del lavoro sessuale per prevenirne la tratta.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Ana
Ana
1 mese fa

È un peccato dover vivere sapendo come vengono discriminate le persone!

ihcnor
ihcnor
1 mese fa

Sono totalmente d'accordo. grazie per il tuo prezioso lavoro!

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più