Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

La Thailandia è sul punto di riportare la pesca a condizioni di sfruttamento, avvertono i sostenitori

  • Edizione del
    15 aprile 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica
Banner eroe

La Tailandia sta prendendo in considerazione modifiche significative alle sue leggi sulla pesca, sollevando preoccupazioni sulla protezione dei lavoratori e sulla sostenibilità della sua industria ittica.

Dare priorità al profitto rispetto alla protezione

Le modifiche proposte includono la riduzione delle sanzioni per la pesca illegale e la deregolamentazione dei metodi di pesca distruttivi, sollevando il timore di una recrudescenza di pratiche non etiche e insostenibili. Inoltre, anche le tutele del lavoro, in particolare dei lavoratori migranti in mare, sono a rischio.

Dietro questi cambiamenti c’è l’Associazione nazionale della pesca tailandese (NFAT), che rappresenta 58 aziende di pesca commerciale, che lamenta perdite di profitti e difficoltà ad assumere lavoratori. La NFAT è una lobby influente, molto corteggiata prima delle recenti elezioni e pienamente sostenuta in Parlamento.

I membri del Parlamento di tutti i partiti si sono uniti in un voto di 416-0 nell'approvare la prima lettura della proposta di allentare la regolamentazione nel settore della pesca, molto più vicina ad un progetto di politica consolidata.

“Una drammatica inversione di marcia”

I critici avvertono che un indebolimento delle normative potrebbe danneggiare la reputazione della Thailandia, duramente combattuta per la reputazione, e mettere a repentaglio le sue esportazioni di prodotti ittici, portando potenzialmente a sanzioni da parte dei principali partner commerciali.

La Thailandia rappresenta una storia di successo in termini di miglioramento della protezione dei lavoratori migranti e locali nel settore della pesca, dove le condizioni erano così pericolose che le Nazioni Unite hanno riferito che il 60% degli equipaggi di pescatori migranti in Thailandia ha assistito a esecuzioni extragiudiziali in mare oltre a molte altre forme di lavoro. sfruttamento e violazione dei diritti umani.

Le riforme attuate dopo il 2015 sono riuscite a ridurre l’incidenza delle violazioni dei diritti umani e della pesca illegale e non regolamentata. La Tailandia è stata declassata dal livello 3 (rischio elevato) al livello 1 nel rapporto statunitense sulla tratta di persone e da cartellino rosso a cartellino giallo da parte dell'Unione Europea. Ora i lavoratori potrebbero essere ancora una volta in pericolo.

Lo ha detto il vicedirettore della Environmental Justice Foundation, Dominic Thomson cna,

Una delle preoccupazioni più significative è la potenziale riduzione dei meccanismi di trasparenza progettati per prevenire gli abusi sul lavoro e la schiavitù in mare. Senza adeguate garanzie, il settore rischia di diventare un focolaio di sfruttamento e violazioni dei diritti umani.

Freedom United dice no alla riduzione della tutela del lavoro!

Mentre la Thailandia affronta le complessità della riforma della legge sulla pesca, trovare un equilibrio tra interessi economici e responsabilità etiche rimane fondamentale. Il governo deve dare priorità al benessere dei lavoratori, garantendo che eventuali modifiche legislative rispettino gli standard internazionali e i principi dei diritti umani.

“Una cosa è chiara”, ha osservato un sostenitore dei diritti dei lavoratori. “L’indebolimento delle tutele per i lavoratori è una china scivolosa che potrebbe avere conseguenze disastrose sia per i diritti dei lavoratori che per gli sforzi di conservazione ambientale”.

Libertà unita ha svolto un ruolo nello sforzo di creare un cambiamento nel settore della pesca tailandese, esortando Walmart, Carrefour e Costco a iscriversi Progetto Issara, un progetto locale che indaga e risolve i casi di schiavitù nel settore della pesca e applica politiche di tolleranza zero nei confronti del lavoro forzato attraverso ispezioni regolari delle loro catene di approvvigionamento. Siamo pronti a buttarci ancora una volta nella mischia, se necessario.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Arrestato e abbandonato: il sostegno segreto dell’Europa alle atrocità dei migranti

È ben documentato che le politiche disumane sull’immigrazione stanno costringendo i migranti a intraprendere percorsi estremamente rischiosi nel loro viaggio per cercare asilo in Europa e nel mondo. Tuttavia, un’indagine durata un anno condotta dal Washington Post, da Lighthouse Reports e da un consorzio di media internazionali ha scoperto che le vite dei migranti non sono a rischio solo a causa di attraversamenti irregolari del canale e di essere stipati nel retro di camion frigo. Per dissuadere i subsahariani

| Mercoledì maggio 22, 2024

Per saperne di più