Ho visitato i coltivatori di cacao nell'Africa occidentale. Ecco cosa mi hanno detto.

Ho visitato i coltivatori di cacao nell'Africa occidentale. Ecco cosa mi hanno detto.

  • Edizione del
    15 Maggio 2023
  • Scritto da:
    Joanna Ewart-James
  • Categoria:
    Protezione della
Banner eroe

L’industria globale del cioccolato ha realizzato grandi profitti grazie al lavoro svolto nei paesi produttori di cacao dell’Africa occidentale, eppure le comunità di coltivatori di cacao continuano a vivere in povertà. Le cattive condizioni danno origine a molti altri problemi preoccupanti, tra cui il lavoro forzato e minorile e la deforestazione. 

Sentiamo spesso parlare dei cambiamenti necessari per rendere l’industria del cioccolato più equa da parte della società civile, degli esperti di sostenibilità, dei rappresentanti governativi e delle stesse aziende. Ma le voci più importanti in questa discussione sono spesso le più difficili da ascoltare: le voci delle comunità agricole che sono direttamente interessate dalle pratiche di approvvigionamento del cacao delle principali aziende produttrici di cioccolato. 

Ecco perché di recente ho fatto un viaggio nel principale paese produttore di cacao al mondo, la Costa d'Avorio, insieme a Fuzz Kitto della nostra organizzazione partner, Be Slavery Free. Abbiamo parlato con le comunità di coltivatori di cacao per comprendere meglio le sfide che devono affrontare e le soluzioni che chiedono. Ecco cosa ci hanno detto.

Questo filmato è per gentile concessione di Be Slavery Free e include clip girate in Costa d'Avorio e Ghana. 

 

Gli agricoltori non guadagnano abbastanza per il loro cacao 

 Voglio che tu, che sei stato qui sul campo, dica alle aziende che gli agricoltori hanno bisogno di una paga maggiore perché stiamo soffrendo... Capo Etienne Djehi Dessiehi. 

La maggior parte degli agricoltori ci ha raccontato che non guadagnavano abbastanza per il loro cacao e che le loro comunità ne stavano soffrendo.  

Alcuni hanno affermato che agenti o "intermediari" li pagavano solo la metà del prezzo che avrebbero dovuto ottenere. Gli acquirenti dicono loro che "non ci sono soldi per pagare di più".  

I pagamenti sono spesso in ritardo e gli agricoltori affermano di essere ulteriormente schiacciati sul prezzo quando tentano di vendere i loro prodotti più avanti nella stagione del raccolto.  

Ci hanno detto che vogliono vedere aumentare il prezzo del cacao, con alcune comunità che affermano che 1,500-2000xof/kg garantirebbe loro un reddito dignitoso tenendo conto del costo di produzione.

La regolamentazione deve affrontare l'aumento dei prezzi di beni e servizi 

Le comunità agricole erano preoccupate che un aumento dei prezzi del cacao potesse essere annullato da un aumento simultaneo dei prezzi di beni e servizi.  

In effetti, sono già stati influenzati negativamente da a rapido aumento dei costi di produzione, anche per i prodotti agrochimici e la manodopera salariata. Secondo un nuovo rapporto di Oxfam, il costo medio unitario dei prodotti agrochimici è aumentato del 43% e quello del lavoro dipendente del 51%. Anche le spese delle famiglie sono aumentate notevolmente, con un aumento dei costi alimentari del 50%.  

Gli agricoltori con cui abbiamo parlato hanno chiesto al governo di garantire che il prezzo dei beni e dei servizi essenziali fosse regolamentato.

È necessario più aiuto per mitigare gli impatti dei cambiamenti climatici  

Le comunità avvertono gli impatti negativi del cambiamento climatico sulla produzione di cacao, poiché le stagioni secche durano sempre più a lungo, le temperature aumentano, il tempo diventa meno prevedibile e aumenta il rischio di inondazioni.  

Gli agricoltori e i leader della comunità hanno suggerito che le autorità dovrebbero facilitare la transizione verso varietà di alberi di cacao più resistenti alla siccità per ridurre le conseguenze negative del cambiamento climatico sull'industria.   

Il capo Etienne Djehi Dessiehi ha spiegato che il cambiamento climatico sta causando il prosciugamento dei fiumi e il verificarsi di siccità, il che sta influenzando la produttività e la durata della vita degli alberi di cacao. Egli ha detto:   

Dobbiamo cambiare e iniziare a utilizzare altre varietà più adatte ai climi più secchi. Ma nessuno è venuto a parlarci di questo. Solo deforestazione, non cambiamento climatico.

Ha continuato spiegando che il rimboschimento è importante per prevenire l'inaridimento della terra che arresta la crescita degli alberi di cacao, ma che non hanno ricevuto gli alberi necessari per iniziare il rimboschimento.   

L'impatto è stato particolarmente grave nei campi di cacao di Yrozon, nella regione occidentale di Guémon, dove la mancanza di copertura forestale ha fatto sì che le piante morissero per il caldo e soccombessero alle malattie. 

Le comunità vogliono migliori opportunità educative per i propri figli 

La maggior parte delle comunità con cui abbiamo parlato ha sottolineato l'importanza dell'istruzione per le giovani generazioni. Diversi agricoltori hanno affermato di sperare che i loro figli possano ricevere una buona istruzione e successivamente accedere a migliori opportunità di sostentamento.   

Tuttavia, un'istruzione di qualità non è facilmente accessibile in tutto il paese per le comunità produttrici di cacao. Un agricoltore si è lamentato del costo del trasporto dei suoi figli per andare a scuola. Infatti, il rapporto Oxfam precedentemente citato ha registrato un aumento dei costi di trasporto del 104% e un aumento del 60% dei costi dell'istruzione.  

In un villaggio c'era un edificio scolastico in mattoni che i contadini hanno detto di aver costruito insieme, ma per mancanza di fondi è rimasto incompiuto.

Le agricoltrici affrontano sfide ancora più grandi 

Interagendo con le comunità agricole, ho notato una generale emarginazione delle donne nel settore. Si tenevano riunioni di villaggio con uomini, con donne non formalmente presenti nonostante fossero anche coinvolte nella coltivazione del cacao.   

Abbiamo potuto incontrare Clementine Boh che ha creato una cooperativa femminile di coltivatori di cacao – Coop Mehin-Gohi – a Guemón per sostenere meglio le donne contadine. Ha spiegato che i membri della cooperativa sono sotto pressione e hanno difficoltà a competere sul mercato.  

Molti dei suoi membri hanno bisogno di sostegno finanziario, il che rende difficile sostenere la cooperativa. Come hanno spiegato anche altri leader di cooperative, Clementine si stava facendo carico del fardello della diffusa povertà contadina ed emetteva prestiti. 

La questione della disuguaglianza di genere nel settore del cacao è diventata più ampiamente riconosciuta e discussa negli ultimi anni. Ricerca mostra che le famiglie produttrici di cacao guidate da donne corrono un rischio maggiore di povertà a causa di barriere sistemiche, inclusa la mancanza di accesso legale alla terra che impedisce alle donne di unirsi alle cooperative.   

L’uguaglianza di genere è fondamentale per la sostenibilità sia come obiettivo in sé sia ​​perché le donne sono riconosciute come agenti di cambiamento nelle comunità. Creare l’uguaglianza di genere aiuta le comunità a superare una serie di minacce alla sostenibilità, dalla deforestazione alla povertà.

Allora, qual è il prossimo passo per la nostra campagna sul cacao? 

Le mie conversazioni con le comunità agricole hanno davvero portato a casa la necessità per le aziende di rivedere urgentemente le loro pratiche di acquisto del cacao, incluso l'aumento del prezzo del cacao alla fattoria.  

Le aziende dovrebbero ascoltare le comunità e scoprire in che modo le loro pratiche esistenti stanno rendendo le comunità più vulnerabili alla povertà e ai problemi associati, come il lavoro minorile, la tratta e la deforestazione.  

Continueremo ad ascoltare ciò di cui le comunità hanno bisogno con il sostegno delle organizzazioni della società civile dell'Africa occidentale e inviteremo le aziende ad assumersi la responsabilità di aiutare le comunità a migliorare le loro condizioni. Unisciti a noi oggi invitando l'industria del cioccolato a farsi avanti! 

5 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Donald Rabi
Donald Rabi
9 mesi fa

Come amante del cioccolato, sono scioccato nello scoprire che sto contribuendo a Modern Slavery! Sono sicuro nell'acquistare solo cioccolato Fairtrade?

Andrea Speranza
9 mesi fa

I problemi sono complessi, essendo preoccupati per l'erosione, il calo della produzione, la deforestazione e la commercializzazione. In queste circostanze, la gestione riduttiva convenzionale non risolve tutti i problemi, invia due leader di comunità a Centro africano per la gestione olistica - Benvenuto al Centro africano per la gestione olistica ... resta, impara, esplora (achmonline.org) o avere Allan Savory come consulente.

salutami
salutami
9 mesi fa

Leggi la prima frase della voce, poi l'ultima. Non sono sicuro che raggiungeremo qualcosa...

essere solo
9 mesi fa

Bitcoin risolverà il problema... lascia che vengano pagati direttamente tramite la rete Lightning (Wallet of Satoshi)

La sezione settimana

Colpire dove fa male: i divieti sui prodotti nello Xinjiang hanno un prezzo da pagare

Gruppi per i diritti umani stimano che più di 1 milione di uiguri e di altre minoranze musulmane siano stati detenuti e tenuti in schiavitù moderna e lavori forzati nella regione cinese dello Xinjiang. Altre migliaia sono state costrette ad aderire a programmi di lavoro e trasferite fuori dalla regione dello Xinjiang per lavorare nelle fabbriche, a volte per marchi globali. Molti paesi hanno recentemente approvato una legislazione per vietare l’ingresso nel loro paese di prodotti realizzati con il lavoro forzato uiguro. Ora

| Giovedì 22 febbraio 2024

Leggi di più