Perché le aziende del cioccolato devono andare oltre il cacao certificato

Perché le aziende del cioccolato devono andare oltre il cacao certificato

  • Edizione del
    20 Marzo 2023
  • Scritto da:
    Monica Brucia
  • Categoria:
    Ambiente, Schiavitù minorile, Lavoro forzato, Filiera
Banner eroe

La nostra comunità spesso ci chiede come fare acquisti in modo etico.

Vedere un logo di certificazione riconoscibile su un dolcetto al cioccolato potrebbe tranquillizzarti durante lo shopping: il cacao certificato dai programmi più popolari (Fairtrade, Rainforest Alliance o biologico) è solitamente l'opzione preferita per quelli di noi attenti agli impatti sociali e ambientali dei prodotti che acquistiamo.

Ma sappiamo cosa significano effettivamente queste etichette di certificazione? Comprendere i punti di forza e di debolezza dei diversi schemi è fondamentale per poter prendere decisioni di acquisto consapevoli e incoraggiare i marchi ad andare oltre i requisiti degli organismi di certificazione per ridurre i danni nelle loro catene di approvvigionamento.

Dopotutto, sebbene le certificazioni abbiano il potenziale per migliorare significativamente le pratiche del settore, nelle parole di Rainforest Alliance, c'è un "crescente riconoscimento che la certificazione da sola non è sufficiente".

Clicca sui titoli dell'indice per scoprire se e come i principali schemi di certificazione del cacao aiutano le aziende a migliorare in queste aree e cosa possono fare altre aziende per ridurre i danni sociali e ambientali nelle loro catene di approvvigionamento

Tracciabilità

L'importanza della tracciabilità nel cacao si riduce a un semplice fatto: non è possibile conoscere le condizioni in cui è stato raccolto il cacao se non si sa da dove proviene. Ciò significa che non si può nemmeno iniziare a valutare la probabilità che sia stato raccolto da persone costrette ai lavori forzati o che gli alberi secolari siano stati abbattuti per liberare il terreno per gli alberi di cacao.

La maggior parte dei sistemi di certificazione biologica sono particolarmente rigorosi sulla tracciabilità perché richiedono che il cacao biologico sia fisicamente separato dal cacao non biologico lungo tutta la catena. Gli appezzamenti agricoli sono mappati, rendendo possibile rintracciare il cacao biologico fino alla fattoria da cui proviene.

Fairtrade e Rainforest Alliance hanno entrambi adottato misure importanti per migliorare la tracciabilità del cacao certificato. Entrambi generano mappe poligonali delle aziende agricole che producono cacao certificato. Rainforest Alliance offre alle aziende la possibilità di acquistare cacao con identità preservata, ovvero può essere ricondotto al titolare del certificato, e Fairtrade offre la tracciabilità fisica, che consente di seguire uno specifico prodotto lungo tutta la filiera.

Tuttavia, la maggior parte delle aziende sceglie di acquistare cacao certificato Fairtrade e Rainforest Alliance secondo il sistema del “bilancio di massa”. In pratica, ciò significa che quando acquisti una tavoletta di cioccolato con un'etichetta Fairtrade o Rainforest Alliance, non tutto il cacao in quella tavoletta è necessariamente rintracciabile. Questo perché il bilancio di massa è un sistema che consente la miscelazione di cacao certificato e non certificato durante la spedizione e la produzione. (Puoi trovare la definizione di bilancio di massa di Rainforest Alliance qui e la definizione di Fairtrade qui.)

Ci sono alcuni modi in cui offrire equilibrio di massa alle aziende è vantaggioso. La filiera del cacao è complessa e spesso le fave vengono mescolate in fasi diverse. Il bilancio di massa è un'opzione più economica per le aziende, e quindi è un punto di ingresso più facile per le aziende che iniziano il loro viaggio. Più aziende acquistano cacao certificato significa che, almeno in teoria, più agricoltori beneficiano finanziariamente dalla vendita di cacao certificato.

Tuttavia, bilancio di massa non risolverà i problemi sistemici del settore perché consente alle aziende di continuare a utilizzare cacao non rintracciabile. Le aziende produttrici di cioccolato e altri attori, come commercianti, trasformatori e macinatori, dovrebbero impegnarsi per una tracciabilità al 100%.

Trasparenza

La trasparenza è un prerequisito per la responsabilità. Come possiamo imporre standard elevati alle aziende se non sappiamo come o da dove si riforniscono di cacao?

Gli schemi di terze parti più credibili che certificano il cacao hanno un database pubblico con i dettagli chiave sui titolari del certificato. Tuttavia, potrebbero rafforzare ulteriormente la trasparenza divulgando maggiori informazioni, come i premi ricevuti da cooperative e agricoltori.

Affinché le aziende possano dimostrare il loro impegno verso la trasparenza, dovrebbero anche lavorare per rendere pubbliche maggiori informazioni sulle loro catene di approvvigionamento. Ogni azienda che acquista cacao dovrebbe almeno adoperarsi per rendere pubbliche le cooperative e i gruppi di agricoltori da cui si approvvigiona (e i volumi acquistati da ciascuno), così come la percentuale di cacao che acquista che è certificata e la percentuale che proviene direttamente o indirettamente. .

 Dovrebbero anche riferire sui rischi identificati nelle loro catene di approvvigionamento e su come li stanno affrontando. Come esempio concreto, le aziende dovrebbero condividere quanti bambini sono esposti al lavoro minorile nelle loro catene di approvvigionamento e quanti bambini ricevono sostegno per la riparazione. Nessuno si aspetta che queste cifre siano a zero in questo momento - non sarebbe pratico in un settore in cui la pratica è così diffusa - ma essere sinceri sulla situazione e sulla risposta delle aziende può spingere l'intero settore in avanti.

 Trova maggiori informazioni sull'importanza della trasparenza e della responsabilità qui. 

Reddito vivente

La povertà degli agricoltori è la causa di molti dei problemi sistemici nel settore del cacao, tra cui il lavoro minorile e la deforestazione. Finché la maggior parte dei coltivatori di cacao non guadagnerà almeno un reddito di sussistenza,[1] non saremo in grado di affrontare pienamente le conseguenze della povertà da sfruttamento. Per questo motivo, affinché un'azienda dimostri un vero impegno per il benessere degli agricoltori, dovrebbe dimostrare che la maggior parte degli agricoltori nella loro filiera del cacao guadagna un reddito dignitoso.

I regimi di certificazione stanno svolgendo un lavoro importante per migliorare i redditi degli agricoltori:

• Come parte del suo programma 2020, Rainforest Alliance ha introdotto un differenziale di sostenibilità obbligatorio [2] o una cifra in contanti per tonnellata pagata direttamente all'agricoltore in riconoscimento dei suoi sforzi per coltivare in modo più sostenibile. A partire da luglio 2022, il differenziale minimo di sostenibilità è stato fissato a $ 70 per tonnellata. Il regime sta inoltre implementando strumenti di tracciabilità per supportare la trasparenza lungo tutta la catena di approvvigionamento sull'importo che il singolo agricoltore riceve. Inoltre, Rainforest Alliance richiede anche investimenti di sostenibilità, che sono pagamenti a gruppi di agricoltori per promuovere la condivisione dei costi per ottenere la certificazione tra tutti gli attori che beneficiano della certificazione.

• Fairtrade prevede un prezzo minimo obbligatorio per i prodotti a base di cacao, nonché un premio Fairtrade. Nel 2019, il prezzo minimo è stato aumentato da 2,000 a 2,400 dollari per tonnellata FOB (ovvero alla frontiera del paese esportatore). [3] Anche il premio Fairtrade è aumentato nel 2019, da 200 a 240 dollari per tonnellata. Dal 2019 Fairtrade ha fissato prezzi di riferimento volontari per il reddito dignitoso alla produzione. Nell'ottobre 2022, Fairtrade ha applicato una correzione dell'inflazione ai prezzi di riferimento del reddito dignitoso, raggiungendo 2,120 dollari per tonnellata per il Ghana e 2,390 dollari per tonnellata per la Costa d'Avorio. Fairtrade implementa anche diversi progetti di reddito dignitoso con le cooperative e i loro partner commerciali.

• Agricoltori che producono cacao biologico ricevono un prezzo più alto per il loro cacao, ma il mercato del cacao biologico è limitato e non esiste un meccanismo di prezzo minimo per il cacao certificato biologico. Tuttavia, il cacao può essere doppiamente certificato come biologico e Fairtrade o Rainforest Alliance, con effetti positivi sul reddito degli agricoltori. Ad esempio, per il cacao biologico Fairtrade, il prezzo è di 300 dollari per tonnellata in più rispetto al prezzo minimo Fairtrade o al prezzo di mercato, a seconda di quale sia il più alto in quel momento, e in aggiunta al premio Fairtrade di 240 dollari per tonnellata.

Quindi, la maggior parte degli agricoltori che producono cacao certificato guadagna un reddito dignitoso? La risposta breve è no. Nessuno dei principali sistemi di certificazione può garantire che la maggior parte degli agricoltori nell'ambito dei loro programmi ottenga un reddito dignitoso. Per questo motivo, le aziende devono andare oltre se vogliono affrontare seriamente la povertà e le sue conseguenze. Ogni azienda dovrebbe sviluppare un piano di reddito di sussistenza limitato nel tempo che includa la gestione dei prezzi alla produzione.

Ulteriori informazioni sul reddito di sussistenza nel cacao qui.

Lavoro minorile e forzato

Si stima che circa 1.56 milioni di bambini siano vittime di lavoro minorile in Ghana e Costa d'Avorio, e 1.48 milioni di loro sono esposti ad almeno una componente del lavoro minorile pericoloso nella produzione di cacao. Il lavoro forzato si verifica anche: si stima che tra il 29,300 e il 2013 circa 2017 adulti e bambini in Costa d'Avorio e in Ghana siano stati costretti ai lavori forzati nel cacao.

Data la natura sistemica del lavoro minorile nelle comunità produttrici di cacao, le aziende devono garantire che tutto il cacao di cui si approvvigionano sia coperto da un sistema completo di monitoraggio e riparazione del lavoro minorile (o equivalente).

Alcune aziende si affidano a schemi di certificazione per ridurre il rischio di lavoro minorile e forzato nella loro catena di approvvigionamento, sebbene la responsabilità della due diligence sui diritti umani ricada ancora in ultima analisi sulle aziende stesse. Quindi, cosa fanno gli schemi di certificazione per affrontare questi problemi?

• La certificazione biologica non include il monitoraggio o la bonifica del lavoro minorile o forzato, quindi le aziende che acquistano cacao dall'Africa occidentale certificato solo come biologico devono disporre di propri sistemi per garantire che non traggano vantaggio dal lavoro minorile o forzato.   

• Rainforest Alliance ha un requisito di sistema di “valutazione e indirizzo” nel suo programma di certificazione. Ciò richiede che i titolari dei certificati agricoli dispongano di un sistema di due diligence sui diritti umani a livello di azienda agricola che includa la valutazione dei rischi ogni tre anni e la loro mitigazione su base continuativa. È necessario fornire un rimedio quando vengono identificati i casi e Rainforest Alliance può sospendere o ritirare i certificati a seconda della gravità del caso. Nelle piccole aziende agricole con certificati di gruppo, la direzione è responsabile del monitoraggio dei rischi e della risoluzione dei casi, che potrebbero aumentare il rischio di conflitti di interessi. I revisori esterni sono responsabili della valutazione dell’esistenza e dell’efficacia del sistema. 

• Fairtrade incoraggia l'uso di piani di mitigazione ed eliminazione nelle organizzazioni di piccoli produttori nelle regioni ad alto rischio e richiede all'organizzazione di implementare politiche specifiche per prevenire il lavoro minorile e forzato quando viene identificato come un rischio. Dal 2012, Fairtrade sostiene le comunità di produttori nella creazione di sistemi di monitoraggio e bonifica basati sulla comunità e inclusivi sui giovani (YICBMR) sul lavoro minorile, in collaborazione con ONG per i diritti dell’infanzia. L’approccio basato sull’area è utile per garantire che i bambini lavoratori non si spostino semplicemente in un altro luogo o settore e che siano coinvolti i leader della comunità, le scuole e altri enti rilevanti. L’approccio comunitario inclusivo dei giovani aiuta le persone colpite a coinvolgere altri giovani, identificare soluzioni e migliorare il benessere dei bambini. Tuttavia, uno svantaggio di questi sistemi è che sono più costosi e richiedono molto tempo da istituire, anche per le organizzazioni di produttori, poiché vanno oltre le sole famiglie contadine. Il nuovo standard del cacao di Fairtrade impone che le cooperative ivoriane e ghanesi dispongano di un sistema di monitoraggio e bonifica del lavoro minorile e del lavoro forzato (in vigore dal 1° gennaio 2024). Lo standard obbliga i commercianti a sostenere le cooperative che hanno identificato di operare in aree ad alto rischio di lavoro minorile e/o lavoro forzato (in vigore da luglio 2023).

Nel complesso, i sistemi di Fairtrade e Rainforest Alliance aiutano a creare strutture e capacità per il monitoraggio e la risoluzione dei casi di lavoro forzato e minorile nelle comunità produttrici di cacao. Tuttavia, ci sono pochissimi dati sull'impatto di questi sforzi.

Inoltre, finché gli agricoltori non guadagneranno un reddito dignitoso, i bambini e gli adulti continueranno a essere esposti ad abusi sul lavoro. Poiché attualmente nessuno schema di certificazione garantisce un reddito di sussistenza, le aziende che vogliono sostenere bambini e adulti nelle comunità produttrici di cacao devono anche affrontare le loro pratiche di acquisto, compreso il prezzo che pagano per il cacao.

 Deforestazione e clima 

Negli ultimi 60 anni, la Costa d'Avorio e il Ghana hanno perso molto 94% e 80% delle loro foreste rispettivamente, con circa un terzo della perdita legata alla produzione di cacao. Le foreste rimanenti forniscono l’habitat alle specie in via di estinzione e contengono vaste riserve di carbonio, che se rilasciate accelererebbero il cambiamento climatico.

Negli ultimi anni, gli schemi di certificazione hanno aumentato i requisiti volti a prevenire la deforestazione.

• Il programma 2020 di Rainforest Alliance richiede che tutte le aziende agricole certificate siano mappate tramite GPS. I gruppi devono fornire dati di geolocalizzazione per l'unità aziendale più grande del 100% delle aziende agricole e mappe poligonali GPS per almeno il 10% delle aziende agricole nel primo anno di certificazione. Rainforest Alliance incrocia queste mappe con mappe di rischio personalizzate per aiutare a contrassegnare le aree delle regioni produttrici di cacao dove è probabile la deforestazione.

• Sebbene non sia ancora stato implementato, nell'aggiornamento 2022 del Cocoa Standard di Fairtrade, lo schema ha ampliato i suoi requisiti sulla deforestazione. Oltre ai requisiti del piano di prevenzione e mitigazione, nello standard aggiornato è richiesta la mappatura della geolocalizzazione delle aziende agricole e ora i dati di prevenzione e mitigazione devono essere raccolti e comunicati a Fairtrade. Le organizzazioni di produttori devono ora anche sviluppare misure per sensibilizzare i loro membri e attuare pratiche con un impatto ambientale positivo. I commercianti hanno il compito di sostenere le cooperative da cui provengono con il loro piano per prevenire e mitigare la deforestazione e il degrado della foresta.

• Sebbene le certificazioni biologiche raccomandino di gestire alberi e boschi per migliorare l'ambiente locale e il paesaggio in generale, non esistono politiche in atto per monitorare e frenare la deforestazione.

Un punto debole dell'approccio attuale è la mancanza di rimedi. In altre parole, se un'azienda agricola si è impegnata nella deforestazione, viene esclusa dagli schemi piuttosto che avere l'opportunità di rimediare al danno o essere sostenuta per trovare un sostentamento alternativo. Di conseguenza, gli agricoltori probabilmente continueranno a coltivare nelle aree deforestate causando ulteriori danni.

Tuttavia, gli organismi di certificazione devono affrontare i limiti imposti dalle leggi dei paesi consumatori quando si tratta di bonifica. Il nuovo regolamento dell'UE sui prodotti senza deforestazione attualmente non copre la bonifica, il che significa che il cacao proveniente da fattorie in cui si è verificata la deforestazione non potrebbe essere importato nell'UE indipendentemente dal fatto che gli schemi di certificazione includano o meno la bonifica. Questo è un vincolo perché l'UE è un mercato importante per il cioccolato certificato.

Le aziende possono anche andare oltre nei loro sforzi per fermare la deforestazione collegando i sistemi di monitoraggio a sistemi di allerta utilizzabili che attivano indagini sul campo.

 L'industria deve anche affrontare il suo contributo alle emissioni globali di gas serra (GHG). Secondo il Iniziativa su obiettivi scientifici (SBTi), l’industria dovrebbe ridurre le proprie emissioni di gas serra almeno della metà. La vendita di prodotti a base di cacao certificati non significa necessariamente che un’azienda stia adottando misure per ridurre le proprie emissioni. Idealmente, le aziende dovrebbero disporre di piani d’azione con scadenze precise per raggiungere l’azzeramento delle emissioni nette di carbonio.

Agroforestry

I solidi sistemi agroforestali sono vantaggiosi per le persone e per il pianeta, dimostrandosi utili per il sequestro del carbonio, la biodiversità e la salute del suolo, nonché per la sicurezza alimentare e la stabilità del reddito degli agricoltori.

Negli ultimi anni, i sistemi agroforestali hanno guadagnato popolarità nel settore del cacao, ma c'è ancora molto da fare per garantire una transizione diffusa dalla monocoltura all'agroforestazione diversificata.

• Rainforest Alliance è attualmente l'unico schema di certificazione con requisiti agroforestali. Lo standard richiede alla direzione di monitorare e riferire annualmente sulla copertura vegetale naturale. Dato che il cacao è una coltura tollerante all'ombra, se meno del 15% della superficie totale è coperta da vegetazione naturale, la direzione deve sviluppare obiettivi e un piano d'azione per raggiungere questa soglia entro sei anni. Rainforest Alliance raccomanda alle aziende agricole con colture tolleranti all'ombra di lavorare verso sistemi agroforestali con diversità delle specie e copertura ombreggiate ottimali, ma questo non è obbligatorio.

• Gli standard Fairtrade e biologici non includono requisiti agroforestali formali. Insieme ai partner, Fairtrade supporta alcuni coltivatori di cacao in programmi agroforestali pilota, come il programma Sankofa in Ghana, ma la sua portata è limitata: l'obiettivo è avere 400 produttori che coltivino almeno 1 ettaro di terra con sistemi agroforestali dinamici entro il 2025, con altri 1,000 agricoltori che iniziano a implementare l'agroforestazione e almeno altri 2,500 agricoltori che utilizzano sistemi alimentari diversificati.   

Per eccellere in questo settore, le aziende potrebbero fissare obiettivi temporali per l'approvvigionamento del 100% del loro cacao in un ambiente agroforestale.

Gestione agrochimica

L'uso di sostanze chimiche sta causando danni alle persone e all'ambiente nelle comunità produttrici di cacao, anche contaminando i fiumi utilizzati per bere e fare il bagno e degradando la salute del suolo. I bambini e le donne incinte sono particolarmente sensibili ai danni causati dall'esposizione ai pesticidi.

Passando al 100% di cacao biologico, le aziende possono ridurre significativamente il loro contributo a questi risultati negativi. Possono anche andare oltre investendo nella formazione e nel sostegno affinché più agricoltori passino ai metodi biologici.

Mentre le certificazioni organiche sono le più focalizzate sui prodotti agrochimici, Fairtrade e Rainforest Alliance contribuiscono anche alla riduzione dell'uso di pesticidi e a una manipolazione, stoccaggio e smaltimento più sicuri.

Entrambi proibiscono i materiali più pericolosi e incoraggiano l'uso di metodi non chimici di prevenzione e controllo dei parassiti. Sono inoltre necessarie una serie di misure di sicurezza e salute sul lavoro per ridurre al minimo l'impatto negativo quando si utilizzano pesticidi.

Principali takeaways

Sebbene tutti e tre gli schemi di certificazione condividano l'obiettivo comune di rendere l'agricoltura più "sostenibile", ciascuno di essi ha il proprio obiettivo e nessuno di essi è una soluzione miracolosa.

L'approvvigionamento di cacao certificato al 100% è un ottimo modo per le aziende di ottenere supporto per migliorare, ma la strada non finisce qui. Le aziende che si impegnano ad affrontare seriamente gli impatti negativi sulle comunità produttrici di cacao, inclusa la creazione di condizioni affinché la schiavitù moderna possa prosperare, devono andare oltre i requisiti di certificazione.

In definitiva, le comunità produttrici di cacao ne trarrebbero beneficio grandi aziende che lavorano insieme in modo precompetitivo per affrontare problemi a livello regionale. Attualmente, le aziende sono riluttanti a collaborare a iniziative che portano a inefficienze come la duplicazione degli sforzi in alcune aree e l'esclusione totale di altre aree. Per trasformare veramente il settore, le aziende devono essere disposte ad andare anche oltre le loro catene di approvvigionamento.

I sistemi di certificazione potrebbero anche ampliare il loro impatto positivo, anche aumentando la loro attenzione sulle pratiche delle multinazionali del cioccolato. Come spiega il Cacao Barometer 2022:

Affinché le aziende produttrici di cioccolato siano in grado di vendere un prodotto come certificato, è necessario un cambiamento fondamentale minimo nel modo in cui operano. La certificazione ha fatto ben poco per colmare il divario di potere tra multinazionali e agricoltori. Se a un agricoltore è richiesto di cambiare la maggior parte delle sue pratiche commerciali per poter vendere il proprio prodotto, perché non dovrebbe essere chiesto lo stesso alle grandi multinazionali?

E, naturalmente, anche i governi dei paesi produttori e consumatori devono fare la loro parte, sviluppandosi leggi che responsabilizzano le società per identificare e affrontare gli impatti negativi nelle loro catene di approvvigionamento.

 Come consumatori, è facile sentirsi impotenti, soprattutto quando si apprende che la certificazione da sola non può affrontare tutti i gravi danni ambientali e sociali nel settore del cacao. Sebbene sia vero che le aziende del cioccolato e altri attori del settore dovrebbero assumersi la responsabilità di affrontare le questioni sistemiche nel settore, hai ancora un ruolo da svolgere.

Le aziende fanno affidamento sui consumatori per rimanere in affari, quindi si preoccupano di ciò che pensiamo. Puoi usare il tuo potere unico come consumatore per spingere le aziende a continuare il loro viaggio verso la sostenibilità. Dai un'occhiata al tuo favorito classifica dei marchi di cioccolato sul Scorecard cioccolato 2023 (in lancio alla fine di marzo!) e contattali per congratularsi con loro per le aree in cui stanno andando bene e chiedere loro di migliorare nelle aree in cui sono in ritardo. Anni di campagne di successo nel settore del cacao sono la prova che funziona! Insieme, possiamo contribuire al cambiamento per le persone e il pianeta e alla fine della schiavitù moderna.

[1] Secondo un documento del 2020 della rete VOICE, il prezzo minimo alla produzione agricola necessario per guadagnare un reddito di sussistenza dal cacao dovrebbe essere di almeno $ 3,166 per tonnellata per la Costa d'Avorio e $ 3,116 per tonnellata per il Ghana. 

[2] L'uso della parola “sostenibilità” in questo contesto non significa che lo schema di certificazione garantisce che il cacao acquistato sia sostenibile – è semplicemente il nome del contributo.

[3] Per fare un esempio di cosa ciò significhi in pratica, in Costa d'Avorio, da cui proviene il 70% delle vendite Fairtrade, il differenziale del prezzo minimo Fairtrade durante la stagione ottobre 2022 - marzo 2023 è di $ 311.40 per tonnellata. Le cooperative ivoriane devono trasferire l'intero valore ai loro soci agricoltori.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
JULIA WILLIAMSON
JULIA WILLIAMSON
1 anno fa

Ho sostenuto il commercio equo e gestisco un negozio di commercio equo nella nostra chiesa, ho sempre acquistato attraverso il commercio, la mia domanda è se dovremmo cercare di salvare il commercio perché con il commercio trasformato hanno lavorato con gli agricoltori di tutto il mondo per assicurarsi che ricevano un salario dignitoso e poi abbiamo venduto i prodotti al pubblico, inoltre dovremmo sostenere solo aziende come Divine che sono gestite dalla donna nella comunità

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più