Opporsi all'adesione di Shein al FTSE di Londra

Gli attivisti per i diritti umani e il Fashion Council si oppongono all'ingresso di Shein nella Borsa di Londra

  • Edizione del
    9 Giugno 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Diritto e politica, catena di approvvigionamento
Banner eroe

Shein è da tempo tormentata da accuse di sfruttamento e condizioni di lavoro forzato nelle sue catene di approvvigionamento. Inoltre, ha dovuto affrontare numerose cause legali per violazione del copyright. Ora, il colosso del fast fashion vuole aggiungere legittimità al suo marchio unendosi al Financial Times Stock Exchange (FTSE) ed essendo quotato alla Borsa di Londra. Tuttavia, secondo un recente articolo in Il guardiano, i gruppi per i diritti dei lavoratori e il British Fashion Council (BFC) chiedono al prossimo governo britannico di opporsi a questa mossa a causa della mancanza di trasparenza sulla sua catena di fornitura e di preoccupazioni etiche.

Legittimità finanziaria con un prezzo enorme

L'indice FTSE 100 è l'indice del mercato azionario più noto del Regno Unito. Comprende le 100 società blue chip a maggiore capitalizzazione della Borsa di Londra. L'adesione di Shein al FTSE potrebbe rappresentare la più grande quotazione in borsa mai avvenuta nel Regno Unito. Ecco perché il Cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt appoggia la richiesta. Altri sostenitori vedono la potenziale quotazione di Shein come un segno di speranza per Londra dopo che alcune grandi società hanno deciso di quotarsi altrove. Ma molti politici e attivisti ritengono che questa mossa abbia un costo etico troppo alto.

Mathias Bolton, capo del commercio presso UNI Global Union, che rappresenta le industrie di servizi in tutto il mondo, ha dichiarato:

"Shein non dovrebbe essere ricompensata con la credibilità di essere inserita nell'elenco della City (Londra), o altrove, data la mancanza di trasparenza nella sua catena di fornitura e le notizie scioccanti di gravi violazioni del lavoro."

Anche Alena Ivanova, responsabile delle campagne di Labor Behind the Label, ha visto la notizia “con sgomento” sottolineando le ben documentate questioni lavorative che continuano ad affliggere Shein. E, oltre alle preoccupazioni relative al lavoro forzato e allo sfruttamento della manodopera, il BFC, i cui membri includono Burberry, Mulberry e il marchio di moda di Victoria Beckham, ha affermato di ritenere che l'inclusione proposta da Shein nel FTSE sia una "preoccupazione significativa" per l'industria della moda britannica in quanto Totale.

Un altro tradimento delle persone e del pianeta

A inchiesta recente del gruppo no-profit con sede in Svizzera Public Eye ha scoperto che i lavoratori che producono indumenti nella catena di fornitura di Shein lavorano abitualmente più di 70 ore a settimana. Ci sono state anche numerose denunce Lavoro forzato uiguro in supply chain e sfilata di cause legali a causa dell'approccio sprezzante dell'azienda all'appropriazione del design.

Parlando della prospettiva che Shein entri a far parte del FTSE, l'amministratore delegato di BFC CAroline Rush ha detto:

“…rimangono interrogativi sull’eticità e la sostenibilità di un modello di business e di una catena di fornitura che mina costantemente designer e rivenditori britannici”,

Rush ha aggiunto che se il governo britannico volesse includere Shein come parte legittima della comunità della moda britannica, dovrebbe impegnarsi in “una maggiore regolamentazione del mercato dell’abbigliamento e una due diligence per garantire condizioni di parità per tutte le imprese del settore”. Con l'avvicinarsi delle elezioni nel Regno Unito, gli attivisti per i diritti dei lavoratori chiedono al prossimo governo di opporsi all'adesione di Shein al FTSE. Sostengono che consentire l’inserimento nell’elenco sarebbe “l’ennesimo tradimento nei confronti dei lavoratori di tutto il mondo e del pianeta”. Mentre Shein afferma di avere “una politica di tolleranza zero per il lavoro forzato”, le prove schiaccianti in corso vanificano tale affermazione.

I problemi continuano con Shein

Fin dalla sua nascita, Shein è stata collegata a questioni legate alla catena di approvvigionamento, tra cui il lavoro forzato uiguro, lo sfruttamento della manodopera e i danni ambientali. E con gli enormi profitti realizzati utilizzando il modello attuale, Shein non cambierà le proprie pratiche commerciali a meno che i governi e i consumatori non lo richiedano. A Freedom United chiamiamo lavoro forzato e sfruttamento lavorativo quello che sono: schiavitù moderna. Ed è giunto il momento per Shein di recepire il messaggio che arriva alle persone di tutto il mondo semplicemente non lo comprerò!

Insieme, abbiamo il potere di chiedere il cambiamento. Attiriamo l'attenzione sul problema e facciamo pressione su Shein affinché smetta di danneggiare le persone e il pianeta solo per profitti elevati e una soluzione fast-fashion. Stai con noi contro la schiavitù moderna! Scrivi a Shein e unirci al massiccio movimento mondiale che chiede all’azienda di porre fine alle sue pratiche non etiche e di fare meglio.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più