Lavoratori irregolari sfruttati in una catena di pizzerie

Lavoratori privi di documenti sfruttati nel programma di lavoro forzato di una catena di pizzerie

  • Edizione del
    8 Giugno 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica
Banner eroe

Un proprietario di 48 anni di una catena di pizzerie americana è stato recentemente giudicato colpevole di sfruttamento di lavoratori privi di documenti in un programma di lavoro forzato basato sul loro status di migrante irregolare. I pubblici ministeri hanno sottolineato come Stavros “Steve” Papantoniadis abbia abusato e minacciato di denunciare sei lavoratori privi di documenti alle autorità per l'immigrazione, sfruttando la loro condizione vulnerabile per mantenere il controllo.

Predare i migranti irregolari

Papantoniadis, proprietario di tre pizzerie, è stato condannato per molteplici capi d'accusa di lavoro forzato e tentato lavoro forzato. Lo sfruttamento è stato facilitato dalla mancanza di status legale delle vittime, portando l'ufficio del procuratore americano in Massachusetts a evidenziare come le rigorose politiche anti-migranti possano inavvertitamente favorire ambienti favorevoli agli abusi e al traffico di esseri umani.

"Sig. Papantoniadis ha sfruttato la disperazione di coloro che non avevano lo status di immigrato, sottoponendoli a violenza e minacce di deportazione”.

Per 14 anni, Papantoniadis ha costretto i lavoratori a estenuanti turni di 14 ore, sette giorni alla settimana, secondo i procuratori federali. Le prove fornite durante il processo hanno dimostrato che Papantoniadis ha deliberatamente assunto lavoratori senza status di immigrazione legale, sfruttando la loro vulnerabilità.

Pocharapon Neammanee per l'Huffington Post rapporti,

I pubblici ministeri hanno affermato che Papantoniadis "manterrà il controllo" su alcuni lavoratori privi di documenti facendo loro credere che li avrebbe danneggiati fisicamente o li avrebbe deportati, secondo l'annuncio. Altri hanno riferito di aver subito abusi fisici sul lavoro. Nel corso del processo sono state descritte in dettaglio le esperienze di sei vittime – cinque uomini e una donna.

In un caso citato dai pubblici ministeri, Papantoniadis ha “soffocato violentemente” un lavoratore dopo aver appreso che intendeva licenziarsi. Un altro lavoratore che ha cercato di licenziarsi e fuggire dalla pizzeria è stato inseguito da Papantoniadis, che ha presentato una falsa denuncia alla polizia per spingerlo a tornare.

Le testimonianze includevano anche un caso in cui un lavoratore musulmano è stato aggredito fisicamente e minacciato di morte se avesse cercato assistenza medica.

Le implicazioni più ampie delle politiche anti-migranti

La condanna di Papantoniadis dovrebbe servire da campanello d’allarme sui rischi associati alle politiche draconiane sull’immigrazione. Invece di garantire sicurezza e ordine, queste politiche spesso spingono i lavoratori privi di documenti nelle mani di datori di lavoro senza scrupoli. Politiche di immigrazione più umane e inclusive potrebbero prevenire tali abusi fornendo protezioni che attualmente non esistono per le persone prive di documenti.

Papantoniadis ora rischia fino a 20 anni di carcere e pesanti multe, ma le politiche sull’immigrazione che proteggono anziché rendere più vulnerabili sono lontane dalla realtà negli Stati Uniti, in Europa e nel Regno Unito

La comunità di Freedom United sta esortando i governi di tutto il mondo, inclusa l'Australia, a emanare leggi e politiche che proteggano i migranti dai rischi della schiavitù moderna e da altre situazioni di sfruttamento. Al fine di proteggere i diritti umani e sostenere le norme globali, le leggi sull'immigrazione devono dare la priorità a questi valori.

Unisciti a noi oggi! Firma la petizione e difendi la libertà.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più