Ministero degli Interni nel Regno Unito

Domande frequenti: legge britannica sugli affari, i diritti umani e l'ambiente

0
Legge e politicaSupply Chain

Di: Jamison Liang

Pronto per catene di approvvigionamento etiche libere dalla schiavitù moderna, dalle violazioni dei diritti umani e dai danni ambientali? Anche noi.

Freedom United e il nostro partner Corporate Justice Coalition (CJC) lo sono fare una campagna per una nuova legge rivoluzionaria: la legge sugli affari, i diritti umani e l'ambiente. Di seguito è riportato un manuale sui principali elementi della legge che stiamo chiedendo e perché è fondamentale che il Regno Unito risponda alle società abusive e fornisca l'accesso alla giustizia per le vittime.

Perché abbiamo bisogno di una nuova legge sulla responsabilità aziendale?

I diritti umani negativi e gli impatti ambientali sono incorporati nelle catene di approvvigionamento delle imprese britanniche in più settori, negli appalti pubblici e nelle catene del valore del settore finanziario del Regno Unito. Questi impatti includono i danni ai lavoratori, comprese le condizioni di lavoro pericolose e la repressione dei sindacati, gli impatti sulle donne, le popolazioni indigene, i difensori dei diritti umani e le comunità locali – come l'accaparramento di terre e risorse, gli attacchi violenti e la discriminazione – e un'ampia gamma di e danni climatici, compreso l'inquinamento tossico, la deforestazione e la perdita di biodiversità.

Le persone e le comunità colpite da abusi aziendali spesso affrontano lunghe e difficili lotte per la giustizia, esacerbate dal potere politico ed economico esercitato dalle società, dalle cattive pratiche di acquisto e dalle complesse strutture aziendali che consentono alle aziende di eludere la responsabilità. Le vittime di abusi aziendali meritano l'accesso alla giustizia nei paesi in cui sono costituite società e istituzioni finanziarie e dove i profitti sono per lo più distribuiti.

Le iniziative volontarie di “RSI” non riescono a prevenire i danni – senza leggi forti, solo a minoranza di aziende molto ben intenzionate, o quelle che devono affrontare il controllo dei consumatori, decidono di investire per migliorare le proprie prestazioni. Non ci sono leggi nel Regno Unito che ritengano le aziende responsabili degli impatti sulla catena di approvvigionamento (sia nel Regno Unito che all'estero), che colpiscono in modo sproporzionato le persone nel sud del mondo.

Cosa stiamo chiedendo?

Chiediamo che la legislazione del Regno Unito crei un meccanismo di "mancata prevenzione" per le violazioni dei diritti umani da parte delle imprese, modellato sui doveri di prevenire l'evasione fiscale e la corruzione presenti nel Criminal Finances Act 2017 e nel Bribery Act 2010. Questo modello è stato trovato legalmente fattibile dal British Institute of International and Comparative Law.

Una legge sul "mancato impedimento" incentiverebbe le aziende ad agire per prevenire il verificarsi di abusi e riterrebbe le aziende responsabili se non lo facessero.

La nostra coalizione ha rilasciato il elemento principales della legge che stiamo chiedendo nel Regno Unito.

Cosa dovrebbero fare le aziende?

In base a questa legge, le aziende dovrebbero agire per prevenire le violazioni dei diritti umani e i danni ambientali nei loro prodotti, servizi, operazioni, investimenti e catena del valore globali, attraverso la realizzazione di diritti umani e due diligence ambientale e il raggiungimento di risultati positivi.

Ciò includerebbe l'adozione di politiche e procedure per identificare e valutare gli impatti e i potenziali impatti, mettere in atto misure per affrontarli (comprese azioni come prevenzione, mitigazione e rimedi per le vittime), monitorare queste azioni per assicurarne l'efficacia e comunicarle ai titolari dei diritti e il pubblico in generale.

La due diligence dovrebbe tenere conto di tutti i diritti umani riconosciuti a livello internazionale, come stabilito nel diritto internazionale sui diritti umani, e tener conto degli impatti specifici su gruppi particolari, inclusi donne, bambini, popolazioni indigene, migranti, piccoli proprietari e difensori della terra, dei diritti umani e dell'ambiente.

Cosa accadrebbe se un'azienda non riuscisse a prevenire i danni?

Le società potrebbero essere ritenute responsabili in un tribunale del Regno Unito per danni, perdite e danni derivanti dalla loro incapacità di prevenire impatti dannosi. La prova che avrebbero messo in atto la due diligence per mitigare e prevenire i danni potrebbe far parte della loro difesa.

La legge aiuterebbe ad alleviare alcuni degli ostacoli incontrati dalle vittime quando cercano un rimedio (come il risarcimento), in quanto renderebbe più semplice stabilire la responsabilità di una società britannica, e quella delle filiali e dei fornitori, per le violazioni dei diritti umani e l'ambiente danno che hanno causato, contribuito o direttamente collegato a.

Tqui potrebbe anche essere criminale sanzioni per il coinvolgimento delle aziende in gravi violazioni dei diritti umani.

A chi si applicherebbe la legge?

La nuova legge dovrebbe coprire le aziende di tutti i settori e di tutte le dimensioni che svolgono attività nel Regno Unito. Le PMI rientrerebbero nell'ambito di applicazione perché producono e si riforniscono anche di merci che comportano danni ai diritti umani e all'ambiente, poiché i loro obblighi possono essere proporzionati in base alle loro dimensioni, al settore e alla gravità degli impatti.

Coloro che ricevono attivamente benefici materiali dagli abusi dovrebbero essere catturati dalla legislazione. La legge potrebbe includere le istituzioni finanziarie che facilitano le violazioni dei diritti umani così come gli investitori.

L'obbligo di condurre la due diligence dovrebbe includere gli enti del settore pubblico (compresi i dipartimenti governativi, le autorità locali e gli organismi come le agenzie di credito all'esportazione).

Abbiamo già il Modern Slavery Act: abbiamo bisogno di una nuova legge sulla responsabilità aziendale?

La disposizione S.54 Transparency in Supply Chains (TISC) del Modern Slavery Act è limitata alla "schiavitù moderna" e non richiede alle imprese di azione affrontare rischi e impatti; né ritiene le aziende responsabili quando non riescono a prevenire il verificarsi di abusi.

Mentre molte aziende riferiscono sui propri rischi e impatti sui diritti umani, poche stanno effettivamente prendendo provvedimenti per affrontarli. La revisione indipendente della legge ha riconosciuto che circa il 40% delle società idonee non rispetta affatto la legislazione. Coloro che lo fanno, offrono poca sostanza e dettagli.

La società britannica Boohoo aveva condizioni di lavoro abusive nella sua catena di approvvigionamento, ma l'azienda era pienamente conforme al Modern Slavery Act, anche se potrebbe aver violato il Principi guida delle Nazioni Unite sulle imprese ei diritti umani. In base alla nostra proposta di legge, che darebbe agli UNGP "forza di legge" nel Regno Unito, Boohoo avrebbe potuto essere ritenuto responsabile per le condizioni di lavoro abusive nella loro catena di approvvigionamento. Ciò è stato confermato in a revisione legale di Blackstone Chambers.

Il Business, Human Rights and Environment Act che la nostra coalizione richiede è un approccio più ampio e migliore che copra tutte le violazioni dei diritti umani e gli impatti ambientali negativi, come stabilito nel Linee guida OCSE per le imprese multinazionali.

Il governo ha introdotto la due diligence obbligatoria per le materie prime a rischio di deforestazione: perché abbiamo ancora bisogno di una nuova legge?

Programma 17 del Regno Unito Legge sull'ambiente copre l'uso di materie prime a rischio forestale nelle attività commerciali. Stabilisce la "due diligence ambientale" per contrastare la deforestazione "illegale".

Per rafforzare la legge sull'ambiente, sarebbe necessario riconoscere che i diritti umani e l'ambiente sono indissolubilmente legati e devono essere affrontati contemporaneamente. La nostra coalizione ha costantemente chiesto l'inclusione di tutti i diritti umani riconosciuti a livello internazionale, compresi quelli delle popolazioni indigene e di altre comunità dipendenti dalle foreste, nonché l'inclusione di uno spettro più ampio di impatti ambientali, inclusa la deforestazione "legale", nella legislazione primaria e secondaria .

La nostra coalizione lo è chiamata per una legge più forte e più allineata con l'art Principi guida delle Nazioni Unite sulle imprese ei diritti umani che copre tutti gli impatti negativi sui diritti umani in tutti i settori e che chiarisce che le imprese, le istituzioni finanziarie e gli enti pubblici devono rispettare i diritti umani così come i danni ambientali. Tale legge richiederebbe alle società e alle istituzioni finanziarie di intraprendere un approccio combinato di due diligence in materia di diritti umani e ambiente che sia in linea con il raccomandazione da The Global Resource Initiative Taskforce, un gruppo multi-stakeholder che include ONG, imprese e investitori, convocato dal governo del Regno Unito.

Chi sostiene la legislazione nel Regno Unito?

Nel 2017 il Comitato congiunto per i diritti umani del Regno Unito detto per la legislazione che impone alle aziende l'obbligo di diligenza per il rispetto dei diritti umani lungo le loro catene di approvvigionamento. Sia il Partito Laburista che i Liberal Democratici supportato disposizioni sulla due diligence obbligatoria nei loro manifesti elettorali del 2019.

La Global Resource Initiative Taskforce ha raccomandato "l'introduzione urgente" di un obbligo di due diligence obbligatoria che copra sia i diritti umani che i rischi e gli impatti ambientali.

Decine di migliaia di persone in tutto il Regno Unito hanno firmato il petizione chiedere una nuova legge che protegga i diritti umani delle persone e l'ambiente.

Molte aziende supportano la nuova legislazione a causa del previsto vantaggi compresa la certezza del diritto e condizioni di parità. Le aziende, comprese quelle che operano nel Regno Unito (tra cui Tesco, John Lewis, Microsoft, Nestlé, ASOS e Primark) sostengono l'introduzione della legislazione sui diritti umani e sulla due diligence ambientale nel UK e in Europa. Gli investitori internazionali per un valore di oltre 6 trilioni di dollari in asset hanno riaffermato la loro chiamata per la legislazione sulla due diligence obbligatoria in Europa.

In Francia è stata introdotta la legislazione sulla responsabilità aziendale ('Il dovere di vigilanza aziendale'), in Svizzera ("Legislazione sulla due diligence sui diritti umani") in Germania ('La legge sulla due diligence della catena di approvvigionamento') e in Norvegia ('La legge sulla trasparenza'). Leggi simili sono all'ordine del giorno in molti altri paesi, incluso il Nederland, Belgio, Austria, Finlandia e Lussemburgo e nella stessa UE.

L'UE ha presentato una legislazione simile: cosa significa questo per un Regno Unito post-Brexit?

Il legislativo della Commissione Europea proposta ("La direttiva sulla due diligence sulla sostenibilità aziendale") si applica alle società in portata operanti nel mercato unico – questo include alcune imprese del Regno Unito, indipendentemente dall'esistenza di un accordo commerciale in atto.

Le società britanniche che rientrano nel campo di applicazione sono quelle con un fatturato di 150 milioni di euro generato nell'Unione (gruppo 1) e quelle dei settori ad alto rischio con un fatturato di 40 milioni di euro generato nell'UE (gruppo 2).

I settori ad alto rischio si basano sull'esistenza di orientamenti settoriali dell'OCSE e comprendono i seguenti settori: abbigliamento e calzature, minerali, agricoltura ed estrattivi.

L'incapacità di tenere il passo con l'UE su questo tema pone le imprese britanniche che operano nel mercato unico dell'UE in uno svantaggio competitivo e crea un confuso mosaico di requisiti, poiché non tutte le società britanniche saranno coperte dal diritto dell'UE.

Il mancato rispetto del passo pone anche il Regno Unito in secondo piano rispetto agli affari e ai diritti umani. Ma andando avanti con una nuova legge, il Regno Unito potrebbe contribuire a definire i requisiti globali per le aziende.

Pronto per agire? Firma la nostra petizione or invia un'e-mail direttamente al tuo parlamentare per chiedere loro di sostenere una legge sugli affari, i diritti umani e l'ambiente

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.