Chiamata a indagare e chiudere i mercati degli schiavi libici

Chiama per porre fine alla schiavitù in Libia

Guarda il nostro video per la Giornata Mondiale del Rifugiato.

Il mondo è rimasto scioccato quando quattro anni fa si è diffusa la notizia dei mercati degli schiavi in ​​Libia, ma da allora casi di schiavitù moderna, tratta degli schiavi e aste di schiavi in Libia si sono evoluti considerevolmente. E sono tutti collegati ai centri di detenzione dei migranti e al denaro e al potere che alimentano la loro esistenza.

Amnesty International, Human Rights Watch e le Nazioni Unite hanno documentato tutte le principali violazioni dei diritti umani e casi chiari di schiavitù moderna in queste strutture.

Quindi chi sta gettando queste persone vulnerabili dietro le sbarre?

La guardia costiera libica - sostenuta generosamente dai finanziamenti dell'Unione Europea.1,2

Nel tentativo di impedire a rifugiati e migranti di raggiungere le coste dell'Europa, la Guardia costiera libica ha aumentato la sua intercettazione delle imbarcazioni nel Mar Mediterraneo, riportando quelle a bordo in Libia e rinchiudendole in centri di detenzione per migranti.3

E come dimostra il devastante e mortale attacco aereo nel centro di detenzione per migranti di Tajoura, queste strutture sono ora obiettivi nel conflitto in corso nel Paese e non c'è posto per i rifugiati in cui vivere.

Sappiamo che anche il razzismo in Libia sta contribuendo al problema; rifugiati neri e dalla pelle scura e migranti dall'Africa subsahariana sono la maggior parte dei trafficanti e sottoposti a lavoro forzato. Le Nazioni Unite hanno persino riferito che "una parola comunemente usata per riferirsi ai neri in Libia è"Abidat", che si traduce in" schiavi ".4

Prendilo da Leyla, un rifugiato somalo.

“Abbiamo mangiato a malapena e non c'era abbastanza acqua. Così tante persone erano malate di tubercolosi, alcune sono morte tra le mie braccia. Sono stato picchiato e siamo stati torturati - con l'elettricità ", ha detto.5

Lei e suo marito sono fuggiti dai militanti islamici al-Shabab in Somalia nel 2016, ma sono finiti nelle mani dei trafficanti di esseri umani in Libia. Quando riuscirono a scappare dai loro trafficanti, la coppia salì su un gommone, sperando di attraversare il Mediterraneo.

Ma quando la loro barca rimase senza carburante fu la Guardia costiera libica che li portò con forza a Tripoli, rinchiudendoli nel centro di detenzione di Triq al-Sikka. A corto di speranza che sarebbero stati liberati, suo marito si è dato fuoco, bruciando a morte.

È stata preparata una petizione, dobbiamo rompere questo ciclo di sfruttamento.

E questo inizia facendo pressione sull'UE. Dire all'UE di mettere la vita umana prima di inumare le politiche sull'immigrazione che stanno rimettendo in pericolo i rifugiati e i migranti in Libia.

La tua firma dice all'UE che non può più essere complice nel consentire schiavitù moderna persistere in Libia. Agisci ora e firma la petizione.

  • Giugno, 2022: Scontri tra gruppi armati sono scoppiati a Tripoli mentre il Paese affronta una violenta lotta di potere. Di conseguenza, rifugiati e migranti, insieme alla popolazione locale, corrono un rischio maggiore di danni, eppure l'UE continua a sostenere un sistema di gestione della migrazione che favorisce il ritorno in Libia delle persone intercettate nel Mediterraneo centrale. Leggi di più.

  • Aprile, 2022: Con il supporto dell'organizzazione FragDenStaat, Sea-Watch ha intentato una causa contro Frontex dinanzi al Tribunale dell'Unione Europea per aver rifiutato le richieste ai sensi del regolamento sulla libertà di informazione. Le richieste erano in relazione a un ritiro in violazione del diritto internazionale assistito da Sea-Watch il 30 luglio 2021. Leggi di più.

  • Aprile 22, 2022: Freedom United si unisce ai firmatari sui rifugiati nel manifesto politico libico, chiedendo la chiusura dei centri di detenzione e la fine del finanziamento della Guardia costiera libica. Firma il manifesto.

  • Aprile 13, 2022:  In un live streaming su YouTube di Refugees in Libya, persone che hanno vissuto l'esperienza vissuta degli orrori inflitti ai migranti e ai rifugiati in Libia hanno dato le loro testimonianze. Una persona ha detto: “Voglio ricordare al mondo che siamo persone. … Stiamo parlando di persone, qualcuno che ha un nome, persone che hanno una famiglia. La comunità internazionale ci ha deluso […] ci ha deluso dove non ha ammesso che siamo esseri umani e che contiamo”. Guarda il video qui.

  • Marzo 30, 2022: La Germania annuncia che cesserà il suo addestramento militare per le guardie costiere libiche a causa delle preoccupazioni sul trattamento dei migranti. Leggi di più.

  • 19 giugno 2017: Lanci della campagna

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
221 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
vigilia
vigilia
4 anni fa

Addebito a tutti i notiziari americani di essere in facce americane con questa storia! Siamo bombardati dalla schiavitù del passato per la quale non possiamo fare nulla, che ne dici della schiavitù che accade ora? Chissà se hanno il coraggio di raccontare storie a queste vittime!

Palma Cady
Palma Cady
4 anni fa
Rispondi a  vigilia

http://edition.cnn.com/2017/11/14/africa/libya-migrant-auctions/index.html
Viene segnalato. TUTTO è importante, sia le continue ripercussioni della schiavitù alla fondazione degli Stati Uniti che qualsiasi schiavitù ovunque. Non è una o/o una circostanza. Tutta la schiavitù, passata e presente, deve essere affrontata, fermata e ammenda deve essere fatta da coloro che ne hanno tratto profitto in qualsiasi momento.

Dave
Dave
1 anno fa
Rispondi a  Palma Cady

Aspetta un attimo, gli europei sono andati in Africa per comprare schiavi, gli arabi possiedono ancora quasi 20 milioni di neri come schiavi, eppure la tua rabbia è rivolta solo agli americani?

addy
addy
4 anni fa
Rispondi a  Palma Cady

SÌ, i proventi del crimine. Schiavitù, fabbrica, miniera, proprietario di una fabbrica o qualsiasi altro sfruttamento su cui si basano le dinastie. Esponi e rimuovi le loro risorse.

Keith Rycroft
Keith Rycroft
4 anni fa

Inumano, nessun essere umano può o dovrebbe possederne un altro.

Siv-Ingvild Thirud
Siv-Ingvild Thirud
5 anni fa

Sono d'accordo che sia così terribile. Ed è un risultato diretto del bombardamento NATO del paese e della rimozione di Gheddafi. Chissà se adesso sono orgogliosi tutti quelli che hanno detto “si deve fare qualcosa”? Ma in questa situazione adesso, cosa si può fare? Chi può fare qualcosa?

essere umano indignato
essere umano indignato
4 anni fa

Grazie mille per questa petizione e le informazioni di base! È orribile! Gheddafi è stato chiamato "pazzo dittatore" e ucciso dagli "Stati occidentali" (membri della NATO)... Ma ha sostenuto l'OAS e ha speso un sacco di soldi per le infrastrutture non solo in Libia...!!! Non mi piaceva. Ma quando lo paragono al pazzo in WH …… e cosa sta succedendo ora in Nord Africa… – Penso che molte persone rivogliono Gheddafi…., non è vero?

Jason
Jason
5 anni fa

Come potrei guardarmi allo specchio domani, sapendo che ne avevo sentito parlare e non avevo fatto nulla?

Indagare sulla schiavitù in Libia

Aiutaci a raggiungere 100,000 azioni
84,604

Al Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres:

Insieme a te, siamo anche inorriditi dal filmato della CNN di migranti africani acquistati e venduti come proprietà nei mercati degli schiavi in ​​Libia. Da tempo sono emerse notizie credibili dalla Libia di migranti vulnerabili sfruttati. Come illustrato nel filmato, vengono venduti nei mercati degli schiavi per essere utilizzati per il lavoro forzato o lo sfruttamento sessuale o le loro famiglie vengono estorte per un riscatto. Mentre migliaia di migranti e rifugiati viaggiano ogni anno attraverso la Libia, le autorità libiche hanno affermato che questo problema esula dalle loro capacità nazionali.

Chiediamo quindi a te e alle Nazioni Unite di indagare formalmente su questi mercati di schiavi in ​​Libia per fermare questa pratica oltraggiosa, proteggere migranti e rifugiati dal rischio di schiavitù in Libia e assicurare i loro trafficanti alla giustizia.

Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Attività recenti

  • cj r.,
  • Pioggia A.,
  • Maria T.,
  • Michele P.,
  • Orso M.,
  • Sam C.,
  • Isabella Y.,
  • C H.,
  • Vittoria P.,
  • Giordano O.,

Partner della campagna

Invia ad un amico