“Exit trafficking” – una nuova forma di tratta di esseri umani – FreedomUnited.org

“Exit trafficking” – una nuova forma di tratta di esseri umani

  • Edizione del
    1 Giugno 2024
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani
Banner eroe

L’Australia ha riconosciuto – e perseguito – una nuova forma di tratta di esseri umani che si concentra sulla partenza, anziché sull’arrivo, della vittima.

Una volta assicurato un altro procedimento giudiziario per “traffico in uscita”, Il guardiano racconta le storie di vittime che sono state espulse dal paese con l'inganno, utilizzando l'inganno come mezzo di coercizione.

Resilienza in mezzo agli abusi

La storia di Priya rivela il controllo manipolativo e coercitivo messo in atto dagli autori del reato per convincere le loro vittime a lasciare il paese. Nella sua casa in Australia, il marito di Priya*, da cui dipendeva il suo visto, la tenne isolata minacciandola di essere uccisa e sottoponendola ad abusi incessanti.

L'ha abbandonata il giorno prima di un viaggio programmato insieme in Thailandia. Con il suo visto in scadenza e il suo avvertimento di partire, Priya sentiva di non avere altra scelta se non quella di intraprendere il viaggio senza una chiara via di ritorno.

In un recente procedimento giudiziario, l'autore del reato era a Uomo di Melbourne che ha abbandonato la moglie in Sud Sudan senza il suo passaporto, portando via i loro figli e lasciandola bloccata per due anni. È stato condannato per “traffico in uscita” e rischia fino a 12 anni di carcere.

Esci dal traffico...

Un avvocato specializzato in immigrazione spiega al The Guardian che le persone più vulnerabili al “traffico di uscita” sono le donne senza uno status di immigrazione sicuro, dipendenti dai mariti per i loro visti e che subiscono violenza domestica.

Gli autori del reato, di solito nelle relazioni domestiche con le loro vittime, le manipolano minacciando di cancellare i visti e utilizzano l'abuso psicologico per garantire che le loro vittime sentano di non avere altra scelta che obbedire.

“Non è raro sentire l'autore del reato fornire informazioni errate come 'per ottenere il visto, devi stare con me'. Quindi c'è molta disinformazione. Sembra molto convincente. E lo dicono in modo tale da fornire costantemente queste informazioni in modo da credere a tutto ciò. – Stephanie Vejar, avvocato senior specializzato in immigrazione presso il Women's Legal Service Victoria

Tuttavia, la professoressa Jennifer Burns, direttrice di Anti-Slavery Australia, spiega che vede molti casi di giovani donne che sono cittadine e residenti australiane, come vittime del “traffico di uscita” ai fini del matrimonio forzato all’estero.

Parlando al The Guardian il professor Burns spiega che:

“La diffusa mancanza di consapevolezza riguardo al traffico in uscita significa che è improbabile che questi gruppi sappiano che ciò che hanno vissuto è un crimine e che hanno diritti e prerogative ai sensi della legge australiana”.

…si tratta di tratta di esseri umani?

La tratta di esseri umani è definita da tre caratteristiche comuni: l’atto, i mezzi e lo scopo dello sfruttamento. Nel “traffico in uscita”, l'atto è il trasporto all'estero e il mezzo è l'uso dell'inganno. In questi casi lo scopo dello sfruttamento non è sempre chiaramente definito ma può includere il matrimonio forzato; isolare la vittima; e affermare il controllo sui figli comuni.

Il riconoscimento da parte dell’Australia del “traffico di uscita” come forma di traffico di esseri umani evidenzia la continua trasformazione del traffico – i modi mutevoli in cui le vittime vengono sfruttate sotto l’ampio ombrello della schiavitù moderna – e l’importanza della sensibilizzazione per contrastare questo abuso endemico dei diritti umani.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Carrie Hartigan
Carrie Hartigan
1 mese fa

L’abuso del partner domestico/intimo non conosce davvero limiti fino a che punto un aggressore si spingerà per abusare di una persona vulnerabile e dei suoi figli. Inutile dire che nessuno lo fa, e le autorità governative che contribuiscono ai danni non collegando le vittime ai servizi, stanno perpetuando il dolore delle vittime.

Quando le donne si rivolgono ai medici, spesso chiedono se una vittima di abuso domestico o da parte del partner intimo dovrebbe sentirsi sicura in questo tipo di situazioni, senza timore di allertare l'aggressore che ha segnalato per ottenere aiuto.

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più