Lo stabilimento Hyundai è nuovamente coinvolto nello scandalo del lavoro minorile

Lo stabilimento Hyundai è nuovamente coinvolto nello scandalo del lavoro minorile

  • Edizione del
    31 Maggio 2024
  • Categoria:
    Diritto e politica, catena di approvvigionamento
Banner eroe

Dopo che una ragazza di 13 anni è stata trovata mentre lavorava illegalmente in una catena di montaggio in Alabama, il gigante automobilistico sudcoreano Hyundai Motor Co. sta affrontando una causa contro il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti (DOL), come riportato da CBS News. Ma ritenendo Hyundai responsabile, il caso potrebbe cambiare lo stato dei lavori. È la prima volta che il Dipartimento del Lavoro fa causa ad una grande azienda per presunta violazione della legge sul lavoro minorile attraverso i suoi subappaltatori e partner. In un momento in cui gli Stati Uniti stanno assistendo sia ad un aumento delle violazioni del lavoro minorile sia ad un’enorme spinta in alcuni stati per revocare le tutele del lavoro minorile, il caso potrebbe far sì che i giganti multinazionali del settore manifatturiero se ne accorgano.

Le violazioni del lavoro minorile non sono una novità

Le violazioni del lavoro minorile negli Stati Uniti purtroppo non sono una storia nuova. Negli ultimi anni sono stati segnalati resoconti di sfruttamento e lesioni mortali dal Wisconsin alla Virginia e dal Mississippi al Minnesota. Solo nell’anno fiscale 2023 il Dipartimento del Lavoro ha indagato su 955 casi di violazioni del lavoro minorile che hanno coinvolto 5,792 bambini a livello nazionale, di cui 502 impiegati in violazione degli standard sulle occupazioni pericolose. In questo caso più recente, gli investigatori federali hanno scoperto che una ragazza di 13 anni lavorava dalle 50 alle 60 ore settimanali su una catena di montaggio a Luverne, in Alabama, azionando macchine che trasformavano lamiere in parti di carrozzeria.

Jessica Looman, amministratore della divisione salari e orari del DOL, ha detto in una nota

“Un tredicenne che lavora in una catena di montaggio negli Stati Uniti d’America sconvolge la coscienza”.

La struttura in cui lavorava il tredicenne è stata subappaltata per fornire parti alla Hyundai Motor Manufacturing Alabama. Il documento legale affermava che “invece di frequentare la scuola media, lavorava su una catena di montaggio producendo pezzi” per sei o sette mesi. E purtroppo questo non è il primo rodeo di Hyundai. Nel 13, Reuters ha riferito che bambini di 12 anni lavoravano per una filiale della Hyundai e altri fornitori di componenti per l'azienda in Alabama. La recente causa sostiene che oltre alla ragazza di 13 anni, nello stabilimento lavoravano anche altri due bambini.

Responsabilizzare l’intera filiera del lavoro

La denuncia presentata di recente richiederebbe a Hyundai, SMART Alabama (il subappaltatore coinvolto) e Best Practice Service (l'agenzia per il personale) di rinunciare a qualsiasi profitto relativo all'uso del lavoro minorile. La denuncia è una pietra miliare in quanto il Dipartimento del Lavoro sostiene che tutte e tre le società hanno impiegato congiuntamente il bambino e dovrebbero quindi essere ritenute responsabili delle violazioni.

Seema Nanda, avvocato del Dipartimento del Lavoro, ha dichiarato in un comunicato stampa:

“Le aziende non possono sfuggire alla responsabilità incolpando i fornitori o le società di personale per le violazioni del lavoro minorile quando in realtà sono anche loro stesse datori di lavoro”.

Il Dipartimento del Lavoro ha affermato che le operazioni di SMART, al momento in cui sono state riscontrate le violazioni, erano "così integrate" con il principale stabilimento di produzione della Hyundai a Montgomery che "le due società erano un unico datore di lavoro ai fini della responsabilità" ai sensi del diritto del lavoro statunitense. Pertanto, inclusa l’agenzia di personale Best Practice, le tre società “assumono congiuntamente” il minore e dovrebbero essere ritenute congiuntamente responsabili dello sfruttamento del lavoro minorile.

L’indagine governativa e il rapporto Reuters del 2022, che hanno rivelato l’uso diffuso e illegale di bambini lavoratori migranti presso i fornitori di Hyundai in Alabama, segna la prima volta che il Dipartimento del Lavoro ha citato in giudizio un’importante azienda per presunta violazione della legge sul lavoro minorile come subappaltatore insieme al agenzia per il personale. Ritenendo responsabile il colosso automobilistico, ciò potrebbe costringere altri importanti produttori negli Stati Uniti a prestare maggiore attenzione ai propri partner di assunzione e subappalto. Ciò potrebbe contribuire a garantire che il lavoro minorile venga gestito in modo sicuro e appropriato.

Dite “NO” alla revoca della legge sul lavoro minorile

Freedom United ha preso parte allo sforzo di far luce sulle conseguenze mortali di una scarsa protezione del lavoro minorile. Tra i feriti gravi e mortali tra i minori sul lavoro figura un 16enne ucciso dopo essere stato ferito trascinato in un macchinario in una segheria e un altro che è morto dopo averlo ottenuto catturato in una macchina in un impianto di pollame. Queste tragedie, insieme al caso più recente contro Hyundai, evidenziano la necessità e l’urgenza di agire SUBITO! Stai con Freedom United, aggiungi la tua voce e aiuta a fermare queste tendenze allarmanti dicendo “No” alla riduzione delle tutele previste dalla legge sul lavoro minorile negli Stati Uniti

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Plume Tarrant
Plume Tarrant
1 mese fa

Tutte quelle noiose e costose pubblicità in TV che usano il lavoro minorile per produrre i loro prodotti sciccosi!!! Disgustoso.

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più