Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

I migliori marchi di abbigliamento rifiutano il cotone del Turkmenistan

  • Edizione del
    Ottobre 1, 2018
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, filiera
Banner eroe

Dodici dei principali marchi di abbigliamento del mondo hanno firmato un impegno a non rifornirsi di cotone dal Turkmenistan fino a quando il lavoro forzato nell'industria del cotone del paese non sarà stato eliminato.

Tra i firmatari del "Turkmen Cotton Pledge" del Responsible Sourcing Network figurano: Adidas, Columbia Sportswear Company, Designworks Clothing Company, Gap Inc., H&M Group, M&S, Nike, Inc., Rowlinson Knitwear Limited, Royal Bermuda, LLC, Sears Holdings, Varner Retail AS e VF Corporation.

Campagna correlata: L'attivista turkmeno libero Gaspar Matalaev

Il Turkmenistan è il settimo produttore ed esportatore di cotone al mondo, ma l'industria è interamente controllata dal governo, che obbliga gli agricoltori a rispettare le quote di cotone e costringe decine di migliaia di cittadini a raccogliere il raccolto.

“È un sistema egregio. I giornalisti che si occupano di questo problema vengono incarcerati, impedendo al paese di andare avanti con un sistema di libero mercato ", ha detto Ruslan Myatiev, editore e fondatore di Alternative Turkmenistan News.

Un comunicato stampa del Rete di approvvigionamento responsabile spiega:

Il Turkmenistan esporta la maggior parte del suo cotone grezzo in Turchia, Pakistan, India e Cina, dove il cotone alla fine si fa strada in molti prodotti di abbigliamento e articoli per la casa spediti in tutto il mondo, inclusi gli Stati Uniti

Nel maggio 2018, l'agenzia statunitense per la protezione delle dogane e delle frontiere ha emesso un "Withhold Release Order" in cui si afferma che l'importazione di "tutto il cotone del Turkmenistan o dei prodotti prodotti in tutto o in parte con cotone del Turkmenistan" potrebbe essere impedita dall'ingresso negli Stati Uniti.

Le aziende statunitensi sono ora a rischio che l'agenzia di protezione interrompa i loro prodotti al confine se non adottano misure preventive per evitare di acquistare cotone dal Turkmenistan, dove l'intero sistema di produzione del cotone è contaminato dal lavoro forzato di bambini e adulti.

Ad oggi, 42 investitori istituzionali hanno firmato una dichiarazione che esorta i marchi e i rivenditori di prodotti per la casa e di abbigliamento a livello globale ad agire per affrontare l'esposizione a gravi violazioni dei diritti umani nei campi di cotone del Turkmenistan.

Lauren Compere presso Boston Common Asset Management ha aggiunto che è un rischio reale per le aziende chiudere un occhio davanti a questo problema.

"In qualità di attori aziendali responsabili, tutti devono dichiarare i propri impegni contro la schiavitù moderna e attuare solidi processi di due diligence per eliminare l'approvvigionamento di cotone turkmeno fino a quando il lavoro forzato nel mercato non sarà approvato dallo stato", ha affermato Compere.

Patricia Jurewicz, vicepresidente e fondatrice di RSN, afferma che gli impegni di queste società fanno davvero la differenza nel convincere i paesi ad agire.

"Sette anni fa RSN ha creato l'Uzbek Cotton Pledge", ha detto.

"In parte a causa del rifiuto della comunità internazionale di approvvigionarsi di cotone raccolto con il lavoro degli schiavi, stiamo iniziando a vedere un impegno da parte del governo dell'Uzbekistan a cambiare il suo sistema antiquato e abusivo".

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività più rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Nonostante la pressione globale, l’estrazione del cobalto è ancora contaminata dal lavoro minorile forzato

Il cobalto è un minerale estratto principalmente nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). È fondamentale per la tecnologia delle batterie utilizzata in cose come veicoli elettrici e telefoni cellulari. Ma secondo un articolo di Wards 100, l’etica dubbia e le pratiche di sfruttamento del lavoro, in particolare l’uso del lavoro minorile, continuano a perseguitare il settore. È necessario fare di più per proteggere i bambini. Bambini che lavorano come minatori della corsa all'oro Nonostante gli sforzi per trovare un sostituto

| Martedì 16 luglio 2024

Per saperne di più