Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Cotone legato alla schiavitù su Amazon, Walmart, eBay Marketplaces

  • Edizione del
    Gennaio 31, 2019
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Lavoro forzato, diritto e politica, catena di fornitura
Banner eroe

Nel maggio 2018, la US Customs and Border Protection (CBP) ha deciso di vietare l'importazione di qualsiasi prodotto contenente cotone dal Turkmenistan, un paese noto da tempo per l'utilizzo del lavoro forzato sponsorizzato dallo stato nella coltivazione del cotone.

In seguito al divieto di importazione, 45 importanti multinazionali (tra cui Adidas, Gap, H&M e Marks & Spencer) si sono impegnate pubblicamente a non utilizzare consapevolmente cotone turkmeno nei loro prodotti, firmando il Turkmen Cotton Pledge.

Agire: Chiedi al Turkmenistan di liberare Gaspar 

Quindi, come vengono ancora venduti apertamente i prodotti di cotone del Turkmenistan sui mercati online di Amazon, Walmart e eBay? Come se la cavano con queste vendite illegali?

La risposta: scrollarsi di dosso la responsabilità perché le merci sono vendute da "venditori di terze parti". Tuttavia, tutte e tre le società di e-commerce ottengono un taglio dai profitti.

In un editoriale di Fondazione Thomson Reuters, Charlotte Tate ed Eric Gottwald dell'International Labour Rights Forum spiegano:

Su tutte e tre le piattaforme, il venditore effettivo è Goza Asciugamani, una piccola azienda con sede in Virginia il cui sito web vanta di fornire asciugamani, lenzuola e tessuti realizzati con il 100% di cotone del Turkmenistan ai principali rivenditori e hotel.

Quando ci siamo incontrati con il CBP per informarli della possibile violazione del Tariff Act, hanno promesso di indagare per determinare come e, soprattutto, quando Goza avesse importato gli asciugamani e altri prodotti realizzati con cotone turkmeno. Hanno notato che era possibile che la società importasse gli asciugamani prima del divieto e stesse semplicemente svendendo un accumulo di scorte.

(Goza ha risposto a un'inchiesta di un giornalista della Thomson Reuters Foundation dicendo di essere a conoscenza del divieto e per questo motivo non importava più cotone turkmeno.)

Tuttavia, anche se la merce è arrivata prima del divieto e si trova legalmente negli Stati Uniti, ciò non risponde alla più ampia questione etica se Amazon, Walmart e eBay debbano consentire la vendita sui loro siti Web di prodotti realizzati con il lavoro forzato e profitto (tramite commissioni) da tali vendite.

Dopo essere stata contattata dalla Thomson Reuters Foundation, Amazon ha ritirato molti, ma non tutti, i prodotti in cotone di Goza Turkmenistan dal suo mercato.

Walmart ed eBay, in netto contrasto, continuano a vendere prodotti Goza sui loro siti web e hanno deviato le domande sul lavoro forzato a Goza.

Tutte e tre le società hanno regole e politiche per i venditori di terze parti, quindi è giunto il momento di aggiornarle per vietare formalmente la vendita di prodotti realizzati con il lavoro forzato. Inoltre, Walmart e Amazon dovrebbero firmare il Turkmen Cotton Pledge come hanno fatto altre 45 multinazionali.

Come conclude ILRF, "Se Amazon, Walmart e eBay possono spendere risorse per garantire che i loro clienti non acquistino involontariamente occhiali da sole knock-off, sicuramente possono fare di più per ripulire le loro catene di approvvigionamento e mantenere i loro mercati liberi da beni realizzati con il lavoro forzato ".

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
9 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Fiona
Fiona
anni fa, 5

Amazon, Walmart e e-Bay dovrebbero firmare il contratto di cotone turkmeno come una cosa ovvia. Se non lo fanno, cosa dice della loro morale, dei valori e dei livelli di responsabilità verso l'accettazione della tratta degli schiavi

Allen Palmer
Allen Palmer
anni fa, 5

Ho chiuso il mio account Amazon. Questo è lungi dall'essere l'unica parte non etica delle loro politiche.

Giovanni Cozad
Giovanni Cozad
anni fa, 5

Incoraggio tutti a boicottare le merci, non sapevo che stesse succedendo.

Roger Hawcroft
Roger Hawcroft
anni fa, 5
Rispondi a  Shane Kennedy

Quel commento fuori tema. La preoccupazione qui è la vendita consapevole di beni prodotti dalla schiavitù o dal lavoro forzato.

In ogni caso dubito che tu possa sostenere la tua affermazione anche se sono d'accordo che le merci non sicure non dovrebbero essere vendute. Tuttavia, la conformità è una questione complessa poiché gli standard cambiano nel tempo e spesso differiscono tra le giurisdizioni locali, statali e nazionali. Dubito che la maggior parte delle persone sia a conoscenza di tutti gli standard che possono essere applicati agli articoli che usano comunemente o che possono trasmettere o vendere.

"Anastasia
"Anastasia
anni fa, 5

Che dire della moderna schiavitù americana sotto gli auspici dei partiti repubblicano e democratico dall'abolizione della schiavitù. Non è necessario citare sempre altri paesi quando un'enorme quantità di prove indica che l'Occidente è molto più sofisticato nel convincere il pubblico in generale che sta facendo tutto per loro. Pensieri economici e prezzi economici si adattano bene!

Grazie per avermi illuminato su questo argomento. Mi assicurerò che i miei acquisti riflettano il tuo buon lavoro.

La sezione settimana

Presentata una denuncia dei lavoratori contro l'Arabia Saudita durante la candidatura alla Coppa del Mondo FIFA

AP News riferisce che una coalizione di sindacati ha presentato una denuncia formale contro l'Arabia Saudita, accusando la nazione di gravi violazioni dei diritti umani. La denuncia, presentata all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), denuncia maltrattamenti e furti salariali che hanno colpito oltre 21,000 lavoratori migranti negli ultimi dieci anni. Ciò avviene mentre la FIFA si prepara a designare l’Arabia Saudita come paese ospitante della Coppa del Mondo 2034. Internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno

| Mercoledì 5 giugno 2024

Per saperne di più