Esorta la California a proteggere tutti i lavoratori migranti temporanei - FreedomUnited.org

Esorta la California a proteggere tutti i lavoratori migranti temporanei

  • Edizione del
    Gennaio 8, 2021
  • Scritto da:
    Libertà unita
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani, attivisti, attivisti contro la schiavitù, lavoro forzato
Banner eroe

Riepilogo della campagna: Migliaia di lavoratori temporanei vengono trafficati in lavoro forzato in California sotto la minaccia di violenza, deportazione e danni alle loro famiglie. La stragrande maggioranza dei lavoratori temporanei viene assunta tramite terzisti stranieri, alcuni dei quali non agiscono né legalmente né eticamente. Questo è il motivo per cui stiamo lavorando con la Coalition to Abolish Slavery and Trafficking e chiediamo alla Legislatura dello Stato della California di sostenere una legislazione che aiuti a proteggere i lavoratori temporanei dalla schiavitù moderna.

Mi chiamo Kanti e sono una sopravvissuta alla tratta di esseri umani e al lavoro forzato.

Sono nata e cresciuta in Sri Lanka e quando avevo 18 anni sono stata reclutata per recarmi a Los Angeles per lavorare come bambinaia e domestica.

Prima di trasferirmi dallo Sri Lanka negli Stati Uniti, un reclutatore mi ha aiutato a ottenere un visto dall'ambasciata. Quando sono arrivato all'ambasciata, tutti i documenti erano in inglese e all'epoca non parlavo inglese. Non riuscivo a capire le informazioni che mi venivano presentate e non capivo i termini del mio lavoro negli Stati Uniti

Mi è stato detto dove andare e cosa dire. Non mi rendevo conto che era qui che iniziò l'inganno che ha portato al mio sfruttamento. Mi hanno fatto credere che tutto sarebbe andato bene, quindi ho ottenuto un visto temporaneo e sono venuto a Los Angeles.

Una volta in California, mi è stato detto che avrei dovuto lavorare sei mesi gratuitamente per pagare il visto. Ho dovuto lavorare giorno dopo giorno, pulire la casa, lavare l'auto, fare il bucato, prendermi cura dei bambini e occuparmi dell'enorme cortile del mio datore di lavoro.

Per oltre due anni non sono stato pagato per questo lavoro né mi è stato permesso di contattare la mia famiglia. Il mio datore di lavoro è stato violento verbalmente e fisicamente e ha minacciato di danneggiare la mia famiglia se avessi osato andarmene. Il mio capo mi ha detto che mi aveva "comprato dall'agenzia" e "poteva fare quello che voleva".

Mi sono sentito isolato e senza speranza. Non sapevo come, o chi, chiedere aiuto e non sapevo nulla dei miei diritti in California. Aggiungi il tuo nome alla petizione che esorta la California a garantire la protezione dei lavoratori migranti come me.

Ora so che se avessi avuto informazioni su a chi rivolgermi, avrei potuto essere aiutato prima.

Per fortuna, non sto più lavorando in questo modo. Sono sfuggito al mio sfruttatore e ora sono un assistente infermiere certificato. Non voglio che quello che è successo a me accada a nessun altro lavoratore che viene in California.

Conosco molte altre persone che sono state reclutate per venire negli Stati Uniti con visti temporanei per lavorare come bambinaie che sono state sfruttate come me. Abbiamo bisogno di informazioni sui nostri diritti e sui termini del nostro impiego, e questi devono essere nelle nostre lingue.

Il tuo sostegno è fondamentale poiché quest'anno chiediamo una nuova legislazione per garantire che tutti i lavoratori migranti temporanei siano protetti e conoscano i loro diritti in California.

La mia esperienza è una delle migliaia di storie di lavoratori temporanei che vengono coinvolti nel lavoro forzato in California sotto la minaccia di violenza, deportazione e danni alle nostre famiglie.

Unisciti a me nell'esortare la California a garantire che tutti i lavoratori temporanei siano protetti dal lavoro forzato. 

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più