INTERVISTA: Perché Freedom United usa il termine "schiavitù moderna"? - FreedomUnited.org

INTERVISTA: Perché Freedom United usa il termine "schiavitù moderna"?

  • Edizione del
    20 Novembre 2020
  • Scritto da:
    Libertà unita
  • Categoria:
    Attivisti contro la schiavitù, altra schiavitù
Banner eroe

Questa intervista con il direttore esecutivo di Freedom United, Joanna Ewart James, è stata originariamente pubblicata in openDemocracy.

Joanna Ewart-James è il direttore esecutivo di Freedom United, un'organizzazione internazionale che lavora per porre fine alla schiavitù moderna. Beyond Trafficking and Slavery ha parlato con lei in occasione del ventesimo anniversario del Protocollo delle Nazioni Unite sulla tratta per discutere se sia meglio o meno essere all'interno del progetto contro la tratta e la schiavitù moderna, o per difendere un punto di vista più radicale centrato sui diritti dei lavoratori dalla frangia.

Neil Howard (BTS): Cosa ti dice il tuo istinto sul fatto che stiamo meglio o meno all'interno del progetto per porre fine alla "schiavitù moderna"?

Joanna Ewart-James (Freedom United): Il linguaggio che usi e il modo in cui cerchi di affrontare il problema all'interno di quell'inquadratura è, a mio avviso, più importante del fatto che tu stia cercando di effettuare il cambiamento dall'interno di un'istituzione o meno. Faccio differenza tra attori che vedono la schiavitù moderna come un'aberrazione rispetto alla società normale e dalla posizione che ritengo sia in realtà per gran parte un problema sistemico. Che è il risultato di un sistema in cui le protezioni del lavoro sono deboli, la discriminazione prospera e dove spesso viene data priorità ad altre questioni come le politiche di immigrazione, i prezzi bassi e le catene di approvvigionamento frammentate. A mio avviso queste cause rendono lo sfruttamento quasi inevitabile.

Ho sempre parlato di schiavitù moderna. Per quanto sia semplicemente un termine generico che non ha un significato concettuale specifico, questo mi colloca all'interno della "moderna struttura della schiavitù". Ma dentro quello dentro, non faccio parte del campo che dice che questa è un'aberrazione o un crimine che non è accettato. Dico: 'No, è accettato. Ovviamente è accettato. Ecco perché succede così tanto, perché lo tolleriamo. ' Ecco dove la mia posizione è diversa.

Vedo il linguaggio della schiavitù moderna come utile perché è piuttosto scioccante: il modo in cui le persone vengono sfruttate è davvero serio. Esistono ovviamente molte forme di sfruttamento. È un continuum e alcune forme sono meno gravi di altre. Alla fine è particolarmente oscuro, e penso che dovrebbe essere riconosciuto per questo.

È importante rendersi conto che le cose che devono cambiare per affrontare le forme più estreme riguarderebbero anche altre forme di sfruttamento, quelle che non soddisfano i criteri di ciò che è ampiamente inteso per essere catturate dal concetto ampio di schiavitù moderna, come la schiavitù forzata. lavoro e lavoro vincolato. Ti aiuteranno. Ad esempio, ci sono stati alcuni sviluppi davvero interessanti negli ultimi tempi intorno al Tariff Act del 1930 negli Stati Uniti. Ai sensi della sezione 307 di questa legge, le dogane e la protezione delle frontiere statunitensi dovrebbero vietare l'importazione di merci prodotte attraverso il lavoro forzato. Negli ultimi mesi ha aumentato i suoi sforzi di applicazione. Questo meccanismo "interno" ha il potenziale per trasformare le aspettative di ciò che è accettabile - nessun lavoro forzato - in uno spostamento di migliori condizioni di lavoro per coloro che producono quei beni.

Ora, il Tariff Act è ovviamente un meccanismo politico. Questo è il modo in cui è stato stabilito per la prima volta e forse il modo in cui è ancora utilizzato. Ma mi chiedo quanto il governo degli Stati Uniti riconosca effettivamente il suo potenziale per cambiare un sistema in cui il lavoro forzato è endemico. Si rende conto di quante merci dovrebbero essere trattenute in dogana se volesse applicare correttamente tale disposizione? Sarebbe davvero molto.

Neil: Quindi i punti strategici sono che a) il termine schiavitù moderna può essere usato per mobilitare le persone a causa delle sue connotazioni estreme; e b) le misure per affrontare queste forme estreme di abuso possono avere effetti a catena positivi sullo sfruttamento quotidiano - forme di abuso che non sono così gravi come quella che viene chiamata schiavitù moderna, ma che sono causate dalle stesse questioni sistemiche . È giusto?

Giovanna: Si, è esatto. Vorrei aggiungere che sebbene non tutte le forme di sfruttamento siano estreme, una parte significativa di sfruttamento sistemico in realtà si adatta al conto. Gli atti legislativi più recenti, come il Protocollo sul lavoro forzato dell'Organizzazione internazionale del lavoro, riprendono questo aspetto. Ora, questo è uno strumento "dall'interno" - fa parte degli standard fondamentali che forniscono diritti fondamentali - ma il linguaggio in esso indica chiaramente un problema nel sistema attuale. L'articolo 2, lettera d), chiarisce la necessità di proteggere i lavoratori migranti da pratiche abusive e fraudolente durante il reclutamento. Potrebbe non usare il termine schiavitù moderna, ma parlando del ruolo dei reclutatori, indica i cambiamenti necessari nel "sistema principale".

Ammetto completamente che c'è una reale mancanza di attenzione nel mondo interno riguardo alla natura sistemica del lavoro forzato. Molti argomenti che raccogliamo a Freedom United non sono visti come sistemici o come problemi di traffico da altri in questo spazio. Uno dei principali sarebbe il lavoro carcerario forzato negli Stati Uniti. Abbiamo attivamente condotto una campagna su questo, prendendo di mira le società incaricate di detenere persone, cercando il disinvestimento e persino spingendo per la modifica della costituzione, che attualmente consente la schiavitù come punizione per i crimini ai sensi del tredicesimo emendamento. E penso che chiarire che questi esempi siano in realtà schiavitù moderna, in mancanza di una parola migliore, svegli le persone sul grado di sfruttamento, su quanto sia collegato al sistema e sulla gravità del problema che stiamo affrontando .

Neil: Quindi stai dicendo che la terminologia della schiavitù moderna ha una tale gravità che ad essa è associato quasi un valore di shock politico. Il ritorno standard a quella posizione, ovviamente, fatto da accademici critici come da altri, è che definendo la schiavitù moderna come il peggio del peggio e poi concentrandosi su questo, si normalizzano implicitamente le forme di sfruttamento quotidiane meno gravi. Come rispondi a questo?

Giovanna: Comincerei ribadendo che terminare le forme più estreme affronterà inevitabilmente le forme più quotidiane. Ci sono molti esempi diversi sull'abuso domestico o sui diritti delle donne, ad esempio, dove affrontare con successo la forma più estrema ha avuto effetti a catena sulle forme più quotidiane.

Partire dalle forme più estreme è anche un modo per costruire riconoscimento. La società in generale non accetta ancora che queste condizioni siano inaccettabili. In altre parole, la società in questo momento tollera l'estremo sfruttamento di altre persone. E nel peggiore dei casi, sembra una schiavitù moderna. Dato questo status quo, come si fa a realizzare il cambiamento nei valori sociali di cui si avrebbe bisogno per affrontare le forme quotidiane di sfruttamento se non si sfidasse neppure le forme più estreme di sfruttamento che costituiscono la schiavitù moderna?

Quindi abbiamo un lavoro da fare. Dobbiamo aprire gli occhi su cosa sia questo sfruttamento di cui stiamo parlando e convincere la società a dire: 'In realtà no. Non è così. Lo sto chiamando. Penso che sia troppo facile ignorare se parli solo di sfruttamento quotidiano. La gente dirà: 'Oh, beh, sono migranti. Vogliono solo lavorare tutto il tempo ed è meglio per loro qui che a casa. Almeno hanno un lavoro. Questa è la narrativa che sentiamo troppo spesso dagli oppositori. È un problema davvero difficile: come possiamo galvanizzare la società e cambiare i valori della società in modo da essere più intolleranti verso l'intera gamma di sfruttamento?

Non credo che si debba usare lo shock e l'orrore per il gusto di farlo. Si tratta di sintonizzarsi su ciò che abbiamo già concordato non è accettabile. Se esci e fai un sondaggio, scoprirai che le persone concordano sul fatto che la schiavitù non è accettabile. Non c'è dibattito su questo. Quindi, utilizzando quel linguaggio, siamo già un passo avanti nel porre fine a questo enorme sfruttamento. Ora, il problema che abbiamo avuto, soprattutto nel Regno Unito prima del 2014, è stato quello di convincere le persone a riconoscere che è rilevante per noi oggi. La gente ha detto: "Sì, la schiavitù non è accettabile", ma hanno anche detto "è storia". Non c'era alcun collegamento tra questo valore della schiavitù non accettabile e le condizioni in cui le persone vengono sfruttate oggi. Ma stiamo iniziando a vedere un cambiamento.

Quindi non sto dicendo che dovremmo usare il termine schiavitù moderna perché ha un valore shock o perché essere sensazionalisti ci aiuta. Sono decisamente contrario al sensazionalismo di qualsiasi cosa in questo argomento, poiché in effetti lo trovo molto inutile. Non è questo il ragionamento. Il mio ragionamento è convincere le persone a riconoscere che ciò che stanno vedendo non è in linea con i loro valori. Questo è un lavoro da fare. E penso solo che siamo già in parte a questo punto quando usiamo il termine schiavitù moderna, perché le persone sanno che non è accettabile - semplicemente non vedono cosa sta succedendo.

Neil: Quindi si tratta di inquadrare retoricamente la questione come qualcosa che è chiaramente al di là del regno di ciò che è accettabile - così facendo, speri di far capire alla gente che gran parte di ciò che non accettiamo effettivamente sta accadendo su base ordinaria ?

Giovanna: Esattamente. Il Regno Unito ne è un ottimo esempio poiché abbiamo assistito a un tale cambiamento nell'ultimo decennio. Le persone ora segnalano casi di sfruttamento quotidiano. Fai gli autolavaggi. Qualche anno fa nessuno si è veramente accorto delle condizioni di lavoro degli autolavaggi, né ha pensato che fossero qualcosa di cui preoccuparsi. Ora dicono: "Oh, questa cosa, so che non è giusta, la schiavitù, oh mio Dio, sta accadendo qui". E non è tutto. Il pensiero continua con: "Voglio fare qualcosa al riguardo". Questo è il motivo per cui uso il linguaggio della schiavitù moderna.

Neil: Certamente vedo il potere retorico del termine, e posso certamente vedere l'argomento per usarlo come hai suggerito qui. Allo stesso tempo, sono ancora preoccupato che la natura estrema del termine schiavitù moderna serva a far apparire normali forme di sfruttamento minori e un po ', beh, "meh". Sono preoccupato che la gente dirà: "Quello che sta succedendo non è un problema perché non è schiavitù moderna".

Giovanna: Penso che parte del problema sia il fatto che la messaggistica usata da chi è all'interno non sempre supporta la mia proposta, o se ti piace la mia teoria del cambiamento. Gran parte della messaggistica che utilizza il termine fa ciò che stai descrivendo: normalizza lo sfruttamento quotidiano mentre sensazionalizza le forme estreme. Non è d'aiuto. Fa parte del problema. Se non è presentato nel modo in cui sto descrivendo - come un problema endemico più ampio - allora ovviamente ti fa solo dubitare dell'intero approccio.

Neil: Apprezzo questo avvertimento. La schiavitù moderna è anche un termine che sembra unire le persone in tutto lo spettro politico. Ci sono persone che assumono una posizione strutturale e più radicale come te, ma hai anche consigli di amministrazione, politici Tory, filantrocapitalisti miliardari - persone che in genere non sono allineate con nessun tipo di programma di riforme economiche progressiste. Che cosa ti dice in quanto persona che usa in modo critico questo termine che anche tanti pilastri dell'establishment lo usano?

Giovanna: Torniamo al mio esempio dello US Tariff Act, perché mi chiedo sinceramente se ci sia qualche pensiero o conversazione a livello amministrativo sulle più ampie implicazioni economiche di una sua corretta attuazione. Trattenere la merce è una cosa, non insignificante, ma cercheranno davvero di ottenere prove concrete di quello che sta succedendo? A parte la politica, questo meccanismo ha il potenziale per portare a cambiamenti strutturali, ma resta da vedere se lo farà effettivamente.

Penso, ancora una volta, il Regno Unito sia un ottimo esempio qui. Theresa May, il precedente primo ministro, ha davvero appeso il cappello nell'affrontare questo problema mentre allo stesso tempo ha implementato una serie di politiche che lo hanno effettivamente perpetuato. Ha davvero minato l'intera agenda perché, da un lato, il Regno Unito stava politicamente cercando di porsi come leader nell'affrontare la schiavitù moderna, mentre dall'altro lato essenzialmente spingeva le persone nella schiavitù moderna attraverso i suoi sistemi di immigrazione incredibilmente restrittivi e discriminatori in particolare. .

Non so se sia unico per la schiavitù moderna, ma il concetto ha certamente un'attrazione politica ea volte le persone che lo usano servono i propri interessi.

Neil: Questo è il punto. Nella mia analisi, quando persone come Theresa May o Donald Trump dicono a gran voce "Sono contro la schiavitù moderna" o "Sono contro la tratta", quello che stanno facendo è cercare di posizionarsi come moralmente buoni. E quindi una delle cose che mi preoccupa di questa potente terminologia è che fornisce una sorta di copertura per i politici che presiedono a strutture di discriminazione ed esclusione. Associandosi alla schiavitù moderna o alla tratta, consente loro di affermare di essere buoni e morali e di stare con gli oppressi. Come qualcuno che usa questa terminologia e che si impegna con loro, come rispondi a questo?

Giovanna: Non sfiderei quello che hai appena presentato. Penso che sia reale. È vero anche per molte cose. Si potrebbe dire la stessa cosa sulla responsabilità aziendale in senso più ampio. Anch'io ho grandi punti interrogativi sulla capacità delle grandi aziende di eseguire il reverse engineering per essere operatori etici. Ma penso che possiamo dire che ci sono stati alcuni miglioramenti nonostante, forse, i conflitti politici attorno all'intera agenda della schiavitù moderna. Gli esempi che ho fornito al pubblico in generale e al Regno Unito, essendo molto più consapevoli del modo in cui si manifesta oggi lo sfruttamento estremo, sono davvero un risultato. E penso che non si possa negare che sia il risultato del fatto che abbiamo avuto alcuni nomi molto grandi e un'attenzione di altissimo profilo data alla lingua. Non credo che sarebbe successo senza quella lingua.

Neil: OK, ma data la tua struttura strutturale di questo problema così come la tua politica generale, perché non vai tutto per tutto e dici "i confini sono il problema" o "il capitalismo è il problema"?

Giovanna: Domanda interessante. Immagino che in questo momento non vedo un'opportunità specifica per mobilitarmi. Non sono contrario ad avere una campagna attorno ad esso. Ma penso che la vera sfida sia: che possibilità ci sono di sfruttare un cambiamento così grande?

Penso che ci siano opportunità per sfruttare il cambiamento in modo limitato, ad esempio assicurandosi che i richiedenti asilo abbiano il diritto di lavorare. Questa è davvero una versione mini per sfidare le restrizioni sulle persone che entrano nel paese. Non so come sarebbe una campagna che ha appena detto: "Apriamo i nostri confini".

Detto questo, da più di quindici anni sono stato coinvolto in un'organizzazione chiamata Global Justice Now. Quando hanno iniziato a parlare di confini aperti, il mio primo pensiero è stato: "Ooh, come funzionerà?" Storicamente hanno lavorato con successo su questioni strutturali intorno alla giustizia commerciale. Ma è stato davvero interessante vedere come hanno creato spazio attorno al concetto di confini aperti. Sono rimasto sorpreso che ci sia stato lo spazio politico per farlo. Quindi penso che sia possibile, ma il modo in cui Freedom United è strutturato come istituzione significa che dobbiamo lavorare all'interno delle strutture che abbiamo.

L'altro esempio che mi hai dato è stato il capitalismo. Ancora una volta, è un argomento davvero, davvero grande. Come si sposta un intero mondo? Puoi provare, ma saresti sicuramente all'esterno ed è difficile vedere come potresti effettivamente fare progressi. Non è che non vediamo i problemi, ma stiamo cercando di ottenere alcuni piccoli miglioramenti abbastanza rapidamente da cambiare effettivamente le vite in questo momento.

Neil: Quindi avere un punto di leva concreto con una potenziale vittoria concreta è davvero importante, poiché mentre un "grande cambiamento" potrebbe essere desiderabile, è difficile concepire come ti organizzeresti per ottenerlo?

Giovanna: Questo è un giusto riepilogo. E sottolineo che ora puoi ottenere notevoli miglioramenti da quei piccoli cambiamenti, anche se li stai facendo entro i confini di un sistema che non è realmente a favore di ciò che stai cercando di ottenere.

C'è una piccola possibilità che potrebbe cambiare. Guardando alla politica globale e cercando di essere ottimista al riguardo, cosa che non sono quasi mai, direi che grazie a Trump e alla crescita del nazionalismo c'è sicuramente ora più spazio per conversazioni radicali di quanto ce ne fosse. È una cosa fantastica. Lo vediamo in modi diversi, e se possiamo agganciarlo a questa definizione di schiavitù che è presumibilmente riconosciuta a livello internazionale come una violazione dei diritti umani, allora giorni felici.

La discriminazione, di cui non abbiamo affatto parlato, è un'altra di quelle questioni sistemiche davvero chiare che sono strettamente connesse alla tolleranza dello sfruttamento.

È interessante vedere come è stato gestito "dall'interno". La discriminazione è riconosciuta come un fattore alla base dello sfruttamento, comprese le forme estreme di sfruttamento che potrebbero essere definite schiavitù moderna. Ma non viene affrontato sistematicamente. Ne abbiamo parlato un bel po 'a Freedom United nei nostri post e nei nostri contenuti. Ma, tornando al punto che ho sottolineato all'inizio, è più regolarmente inquadrato come un'aberrazione da una norma da parte di altri nello spazio della schiavitù moderna che come un problema sistemico.

Neil: Troppo vero. Nella mia ricerca, ho scoperto che molte persone che sono state etichettate dalle istituzioni politiche o dallo stato come "vittime della tratta" o come "vittime del lavoro forzato" rifiutano questi termini. Vivono questi termini come in qualche modo disumanizzanti. Comprendono se stessi come se avessero scelto di fare quello che stavano facendo perché era la scelta migliore tra le opzioni disponibili, o perché la vedevano come un percorso verso qualcosa di meglio. Cosa ne pensi? In che modo il rifiuto dei termini da parte delle persone etichettate con essi influisce sul tuo modo di pensare di usarli?

Giovanna: Buona domanda. Penso che questa fosse una posizione molto più comune in passato di quanto non lo sia ora. Ricordo di essere stato in una tavola rotonda di una ventina di organizzazioni strane che lavoravano in questo spazio circa un decennio fa. Stavamo discutendo del termine schiavitù moderna, e in particolare stavamo chiedendo con cosa si sentono a proprio agio le persone che l'hanno vissuta e con cosa non si sentono a proprio agio. A quel tempo c'erano solo due persone nella stanza che si sentivano a proprio agio con il termine schiavitù moderna, in parte a causa del motivo esatto che hai citato. C'è ancora uno stigma ad esso collegato e non è sempre qualcosa a cui le persone vogliono essere associate, ma penso che stia cambiando.

Ancora una volta tutto torna a inquadrare. C'è una reale tendenza nel settore ad essere molto vittimista nei confronti di chi soffre. Una delle cose di cui ho parlato e scritto costantemente è che si tratta di un settore bizzarro per la sua mancanza di esperienza vissuta al suo interno. Non puoi immaginare un movimento per i diritti dei gay con così poche persone gay che ci lavorano, o un movimento per i diritti dei disabili con tutti i soggetti abili. Ma questo è vicino a quello che hai nel settore anti-schiavitù. È davvero strano, e penso che sia questo il motivo per cui non riesci a riconoscere come e quando usi la lingua in un modo appropriato.

Quindi dobbiamo essere in grado di sostenere il nostro uso della lingua ed essere in grado di giustificare il motivo per cui usiamo i termini che usiamo. Ma questo non significa che non puoi usare l'etichetta di schiavitù moderna in un modo che sia rispettoso e responsabilizzante per le persone che hanno vissuto esperienze. Assicurarti di farlo è davvero importante.

Capisco perfettamente perché molte persone rifiutano l'etichetta. Come analogia, pensa a quando sei vittima di una truffa: ti senti semplicemente un idiota. "Oh, non posso credere che sia successo a me." È un brutto risultato, ma è semplicemente qualcosa che ti è successo. O, come dici tu, alcune persone non hanno altra scelta che accettare cattive condizioni di lavoro. Ci entrano consapevolmente e sperano che ne venga fuori qualcosa di decente. È a questo punto che entri in una delle grandi domande del settore: dov'è reale la scelta in un dato contesto?

Potresti davvero scegliere di entrare in un container non ventilato sul retro di un camion in Belgio per attraversare il mare? Eri davvero stupido al riguardo? O hai semplicemente pensato, 'Non posso ottenere un visto e così tante altre persone hanno fatto questo viaggio con successo, l'autista dice che non c'è altro modo e che manterrà la ventilazione, quindi devo solo correre questo rischio. ' Ovviamente, tutto il tuo giudizio cambia molto drasticamente a seconda delle circostanze in cui ti trovi in ​​quel momento.

Alla fine della giornata, penso che si possa dire che anche se Freedom United usa il linguaggio della tratta e della schiavitù moderna - un linguaggio con cui molte persone si sentono a disagio - possiamo ancora parlare delle esperienze dei sopravvissuti e lasciare che le loro opinioni e opinioni si formino come presentiamo le loro storie e narrazioni. Questo è il motivo per cui abbiamo davvero spinto al massimo per la nostra campagna "La mia storia, la mia dignità", che è tutta una questione di rappresentazione e presentazione. E penso che sia molto importante rivedere sempre come possiamo essere alleati migliori nel settore, perché è quello che siamo.

Neil: È incoraggiante sentire questo tipo di autoconsapevolezza critica, soprattutto perché nella mia esperienza non è così comune in questo settore. Quindi, se l'obiettivo è aiutare e migliorare come alleati, cosa deve cambiare sul campo per renderlo possibile?

Giovanna: In primo luogo, dobbiamo creare uno spazio in cui le persone che hanno esperienza, che possono benissimo articolare ciò che deve cambiare, si sentano i benvenuti. In secondo luogo, dobbiamo assicurarci che abbiano l'opportunità di far parte del movimento. E terzo, le opportunità devono esistere perché guidino il movimento. È pazzesco che sia così raro in questo momento.

Ci sono molte cose diverse che possiamo fare per farlo accadere. Una cosa molto semplice è chiedersi come si comunica sull'argomento. Come ne parli? Come trasmetti le storie delle persone - come le rappresenti e la loro esperienza? In Freedom United, abbiamo persone con esperienza che guidano le nostre campagne. Comunicano con la loro voce ai nostri sostenitori.

Ad esempio, abbiamo inviato di recente una storia che è stato scritto da un uomo di nome Raymundo, che è stato trafficato dall'America Centrale alla California per lavorare sotto coercizione in una fattoria. Per fortuna ora fa un lavoro agricolo dignitoso e quindi è in grado di chiedere un cambiamento nella legge in modo che ci sia un maggiore controllo sugli appaltatori di lavoro stranieri, quindi sono tutti autorizzati e regolamentati. Abbiamo inviato questo messaggio con le sue parole, sotto il suo nome, sia in spagnolo che in inglese. Un'altra delle nostre campagne, per porre fine ai matrimoni precoci forzati nel Regno Unito, è guidata da Payzee Mahmod, una donna che, insieme a sua sorella Banaz, è stata costretta a sposarsi dal padre a sedici e diciassette anni. Payzee ha fatto una campagna per il cambiamento e quindi la persona ovvia per parlare con i sostenitori di Freedom United.

Quando le persone con esperienza vissuta fanno campagne pubblicitarie, si ottengono comunicazioni migliori. Se non hai prospettive dalle persone che l'hanno sperimentato, non sono sorpreso che tu non stia creando contenuti appropriati o che tu non stia lavorando in un modo che crei spazio per far loro parte di ciò che tu stai facendo. E queste sono cose davvero semplici che possono essere fatte adesso.

La mancanza delle loro voci, della loro presenza, della loro leadership è una questione così sistemica. Non è sorprendente, perché molti sopravvissuti sono troppo impegnati a cercare di navigare in sistemi di immigrazione spesso complessi e restrittivi e ad accedere al supporto di cui hanno bisogno per riprendersi, sostanzialmente sopravvivere giorno per giorno. Non tutti, ovviamente, ma molti. Affrontano la discriminazione in tanti modi, e per loro è molto difficile avere l'opportunità di guidare in questo spazio.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Joseph P. Lapinski
anni fa, 3

significativo. grazie.
il sistema economico non è il problema; Gli uomini, e intendo gli uomini, non le donne, lo sono. L'avarizia e la brama di potere lo sono. Presto 11 uomini possederanno la ricchezza di oltre il 50% di tutti gli esseri umani ed esisteva prima delle elezioni americane del 2016. La schiavitù moderna è reale. Grazie Freedom United.

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più