Mappa dell'Eritrea

Eritrea e lavoro forzato: una storia in foto

0
Lavoro forzato

Saggio fotografico del collaboratore ospite Martin Plaut, borsista presso l'Institute of Commonwealth Studies, ex redattore della BBC World Service Africa e autore di "Understanding Eritrea". Puoi sentirlo parlare con il presidente di Eritrea Focus Habte Hagos in uno speciale webinar con Freedom United all'inizio di ottobre. Maggiori dettagli in arrivo.

L'Eritrea, sul Mar Rosso, è stata governata da molte nazioni. I Greci, gli Egizi, i Turchi e poi gli Italiani ne tenevano parte o tutta. L'Eritrea è stata la porta dell'Etiopia al Mar Rosso. Nel 1935 gli italiani, sotto il regime fascista di Benito Mussolini, attaccarono l'Etiopia, nel tentativo di fondare un vasto impero africano. Nel 1941 gli inglesi liberarono l'Eritrea e restaurarono l'imperatore etiope sul suo trono.

1941-1961: la guerra prepara

Hamid Idris Awate - il padre della lotta armata eritrea per l'indipendenza dall'Etiopia
Hamid Idris Awate: il padre della lotta per l'indipendenza dell'Eritrea dall'Etiopia

Gli inglesi, dopo aver preso l'Eritrea, rimasero con un territorio che non volevano. Hanno invitato le Nazioni Unite a decidere sul destino dell'Eritrea. Dopo notevoli polemiche l'ONU ha assegnato l'Eritrea all'Etiopia, ma come parte di una federazione, per garantire agli eritrei una misura di autonomia e libertà. Il 3 ottobre 1952 l'Imperatore Haile Selassie, usando forbici d'oro per tagliare un nastro, federò l'Eritrea con l'Etiopia. La federazione durò fino al 1960, quando Haile Selassie annesse l'Eritrea, trasformandola in una provincia e ponendo fine a ogni autonomia. Questo ha innescato la lotta per la libertà dell'Eritrea. Il 1st Settembre 1961 un gruppo di ribelli guidato da Hamid Idris Awate attaccò le postazioni di polizia nell'ovest dell'Eritrea: la sua guerra di liberazione era iniziata.

1961-1991: la guerra di liberazione porta all'indipendenza dell'Eritrea

L'eritreo disarma l'etiope
Il combattente eritreo accetta la resa dell'Etiopia

La guerra di liberazione è durata 30 anni. Dal 1961 i suoi uomini e le sue donne combatterono senza sosta contro l'Etiopia, la cui popolazione era dieci volte la loro dimensione. Gli eritrei hanno avuto un certo sostegno dalla Cina e da alcuni stati arabi, ma hanno combattuto per lo più aiutati da donazioni di eritrei che vivono all'estero. L'Etiopia è stata armata prima dagli Stati Uniti e poi dall'Unione Sovietica. Nonostante le massicce spedizioni di armi, gli etiopi furono finalmente sconfitti nel 1991.

1991-1998: l'indipendenza lascia rapidamente il posto alla dittatura

Giubilo per il giorno della liberazione dell'Eritrea maggio 1991
Giubilo per il giorno della liberazione dell'Eritrea, maggio 1991

Il 24 maggio 1991 le forze eritree entrarono nella loro capitale, Asmara, in un tripudio di gioia. Il paese è stato formalmente dichiarato indipendente dopo un referendum supervisionato dalle Nazioni Unite nel 1993. L'Etiopia ha riconosciuto l'Eritrea come uno stato sovrano e all'inizio le relazioni erano buone. Gli eritrei iniziarono a ricostruire la loro nazione distrutta. Ma si sono sviluppate due tendenze. Il presidente Isaias Afwerki, che aveva guidato gran parte della guerra di liberazione, mostrò gradualmente i suoi veri colori di dittatore. Non si sono tenute elezioni, nessun partito di opposizione è stato tollerato ei critici sono stati arrestati e incarcerati senza traccia. In secondo luogo, le relazioni con l'Etiopia si sono lentamente deteriorate.

1998-2020: scoppia la guerra e finisce in una situazione di stallo

Eritrea ed Etiopia firmano la pace ad Algeri il 12 dicembre 2000
Il 12 dicembre 2000 il presidente dell'Eritrea Isaias e il primo ministro dell'Etiopia Meles Zenawi firmano un trattato di pace

Nel 1998 è scoppiata un'aspra guerra di confine tra Eritrea ed Etiopia. Dopo più di due anni l'Etiopia si era spinta in profondità nell'Eritrea e la guerra si è conclusa solo con la mediazione africana, europea e americana. La pace è stata firmata nel 2000 tra il presidente Isaias dell'Eritrea e il primo ministro dell'Etiopia, Meles Zenawi. Ciò ha istituito una commissione internazionale per finalizzare il confine conteso e assegnare un risarcimento per il conflitto che era costato circa 100,000 vite. Ma quando una decisione chiave è andata contro, l'Etiopia ha rifiutato di accettare il risultato. Il risultato è stato un freddo cessate il fuoco "senza guerra, senza pace", con migliaia di truppe lungo tutto il confine.

2020: finisce lo stallo

Il premier etiope Abiy ad Asmara
Gli eritrei salutano il primo ministro etiope Abiy Ahmed ad Asmara, luglio 2018

Il 18 luglio 2018 il primo ministro etiope, Abiy Ahmed, è arrivato nella capitale eritrea, ponendo fine a questa situazione di stallo. Gli eritrei furono felicissimi e per un po 'le relazioni tra i due paesi migliorarono. Il confine fu aperto e il commercio riprese. Ma il disgelo nelle relazioni non è durato. Il confine è stato chiuso e permangono le tensioni tra Etiopia ed Eritrea, nonostante le visite periodiche dei rispettivi leader nelle rispettive capitali.

Il lavoro forzato oggi

Miniere e schiavitù dell'Eritrea
Il servizio nazionale eritreo ha costretto i coscritti a costruire una strada

Per i giovani eritrei poco è migliorato. Devono terminare la loro istruzione nel campo di addestramento militare di Sawa. Da quel momento in poi sono intrappolati nel "servizio nazionale" sotto la disciplina militare. Sebbene questo fosse pensato per almeno 18 mesi, può durare per 20 anni o più. I coscritti vengono pagati poco più della paghetta. La violenza è diffusa, con abusi sessuali contro le donne coscritte. La Commissione per i diritti umani delle Nazioni Unite ha dichiarato che questa è una forma di schiavitù. Eppure tutti i progetti governativi, comprese le strade costruite con i soldi dell'Unione Europea, fanno affidamento su questi "schiavi" per svolgere il lavoro. Senza diritti, incapaci di fare appello, molte migliaia di disperati eritrei fuggono all'estero, in cerca di una vita migliore.

Leggi di più sulla campagna e aggiungi il tuo nome per saperne di più, clicca qui.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.