Disinvestimento dal lavoro forzato in Eritrea - FreedomUnited.org

Separato dal lavoro forzato in Eritrea

Guarda la nostra discussione sull'affrontare lavoro forzato in Eritrea.

Il programma del governo eritreo di coscrizione nazionale obbligatoria e indefinita intrappola la sua popolazione lavoro forzato per lunghi periodi della loro vita adulta. Il sistema è aiutato e sostenuto da numerosi governi e aziende internazionali.1

Originariamente applicato come parte di uno stato di emergenza durante la guerra di confine con l'Etiopia alla fine degli anni '1990, il programma di servizio nazionale è durato fino ai giorni nostri. Attraverso il programma, gli eritrei sono costretti a lavorare in capacità sia militari che civili in una varietà di lavori, tra cui duro lavoro nel settore edile e minerario. Nonostante l'anzianità di servizio prevista a 18 mesi, è in pratica indefinito, e in alcuni casi dura decenni.2

Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha paragonato il sistema dell'Eritrea lavoro forzato alla schiavitù e ha invocato Il governo dell'Eritrea deve essere deferito alla CPI per crimini contro l'umanità. Secondo un rapporto del 2016, tra 300,000 e 400,000 sono attualmente arruolati su una popolazione di poco più di 6 milioni di Eritrea. 3

Le speranze che la coscrizione a tempo indeterminato sarebbe terminata con l'accordo di pace firmato con l'Etiopia nel 2018 sono state rapidamente deluse, e il sistema continua ancora oggi nonostante la sua giustificazione originale non sia più valida.4

Il sistema di servizio nazionale a tempo indeterminato del paese è uno dei motivi principali per cui l'Eritrea è tra i primi dieci paesi per numero di rifugiati in tutto il mondo - in effetti, è l'unico paese tra i primi dieci che non è una zona di conflitto attiva.5 Coloro che se ne vanno sono ancora molto vulnerabili schiavitù modernaspesso cadono nelle mani di trafficanti e trafficanti di esseri umani, ad esempio in Libia.67

I numerosi rifugiati del paese hanno attirato l'attenzione dell'Unione europea poiché un gran numero di tentativi di entrare dalla Libia attraverso il Mar Mediterraneo, mentre le sue ricche risorse minerarie attirano compagnie minerarie in tutto il mondo. 

Come risultato, organizzazioni straniere private e pubbliche - tra cui l'Unione Europea e 17 compagnie minerarie - continuano a sostenere il governo e il suo sistema di lavoro forzato attraverso i loro investimenti.  

Perché il governo eritreo è difficile da influenzare direttamente, la fine del lavoro forzato nel paese è più realizzabile attraverso questi governi e società internazionali. 

Pertanto, il nostro obiettivo è per tutte le organizzazioni straniere che sono complici del sistema del governo eritreo lavoro forzato a disinvestire e cessare il loro sostegno e di dichiarare pubblicamente la loro opposizione alla coscrizione forzata. Ciò renderebbe sia politicamente che economicamente costoso continuare la coscrizione forzata e quindi incentiverebbe il governo a porvi fine. 

Case study: l'Unione europea

 L'Unione Europea ha incanalato milioni di dollari in Eritrea nell'ambito del suo Fondo fiduciario di emergenza per l'Africa, istituito nel 2015 nel tentativo di "affrontare la causa principale di migrazione"8. In altre parole, sviluppando le infrastrutture e l'economia dell'Eritrea, l'UE spera di stimolare il suo sviluppo e quindi gambo tflusso di migranti e rifugiati che tentano di raggiungere l'Europa. Questo approccio sembra ignorare completamente il ruolo del programma di leva forzata nello spingere gli eritrei ad andarsene.  

Ma l'UE riconosce apertamente che uno dei suoi progetti stradali utilizza "personale ... nel servizio nazionale", e quindi lavoro di leva forzato, nella sua scheda di azione. Il documento prosegue affermando che il progetto consentirà una graduale riforma del servizio nazionale.9 Tuttavia, l'UE non ha alcun controllo sul progetto, né, secondo documenti interni dell'UE, alcuna capacità di discutere con il governo eritreo sull'uso di lavoro forzato sul progetto: accetta lavoro forzato come inevitabile. 10

Nel febbraio 2019 sono stati approvati ventidue milioni di euro. Il fondo ha pagato i mezzi pesanti utilizzati per la costruzione della strada, che collega il confine etiope con la città portuale di Massaua, su cui lavora un numero imprecisato di coscritti forzati. Nonostante l'indignazione dei circoli dei diritti umani, gli aiuti sono stati rinnovati di recente nel dicembre dello scorso anno per 60 milioni di euro.11

I fondi destinati all'Eritrea e all'Africa in generale sono separati dal budget principale dell'UE e i critici sostengono che siano disposti in modo volutamente opaco per eludere la supervisione.12 Gli esperti sostengono che il file Commissione europea è ben consapevole del modo in cui i suoi finanziamenti all'Africa violano i principi fondanti dell'UE sui diritti umani e ha agito in modo nascosto per nascondere i dettagli al pubblico. 13  

Nel mese di maggio, le Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che invita la Commissione a "interrompere qualsiasi ulteriore transazione finanziaria " al progetto stradale 14 fino a una revisione entro la fine dell'anno e “Includere clausole sui diritti umani chiare e trasparenti negli accordi di contribuzionein progetti futuri.15 Leggi anche nel maggio 2020, un gruppo di eritrei ad Amsterdam ha avviato una causa contro l'UE per il suo finanziamento di lavoro forzato in Eritrea 16.  

A giugno l'Unione Europea ha annunciato di aver negato la richiesta del governo eritreo di ulteriori 50 milioni di euro per progetti stradali, dirottando parte dei suoi fondi verso il vicino Sudan. Questo è un passo promettente. Tuttavia, negli ultimi mesi sono stati stanziati altri milioni di euro per nuovi progetti e investimenti. Questo include cinque milioni di euro (5.6 milioni di dollari) migliorare un sistema giudiziario che effettivamente non esiste e sei milioni di euro per aiuti in caso di pandemia, nonostante il presidente abbia rifiutato le spedizioni dirette di equipaggiamento protettivo.17

Chiediamo all'Unione europea e a tutti gli altri attori internazionali pubblici che investono in Eritrea di disinvestire. Il Commissione europea deve agire sulla risoluzione del Parlamento europeo e impegnarsi a cessare il finanziamento del progetto "Ricollegare Eritrea ed Etiopia attraverso il ripristino delle principali arterie stradali in Eritrea", e tutti gli altri progetti nel paese, fino a quando il Servizio nazionale non sarà stato eliminato. 

Caso di studio: Danakali  

La compagnia mineraria con sede in Australia Dancalia Ltd sta procedendo con i piani per lo sviluppo di una miniera di cloruro di potassio in Collilli, Eritrea, attualmente nelle sue fasi finali.18 Il sito web di Danakali non fa menzione di lavoro forzato endemico in Eritrea o il fatto che il suo investimento rafforzi uno dei regimi più repressivi del mondo.  

In effetti, il progetto è una joint venture direttamente con il governo, tramite la Eritrean National Mining Corporation, il che significa che i profitti rafforzeranno direttamente lo stato. 19 Dancalia cita un rapporto UNDP che chiama il Collilli il mio un potenziale "punto di svolta" per il paese, ma non menziona il fatto che lo stesso rapporto invoca Dancalia implementare il Patto globale per l'occupazione dell'ILO entro il 2020—che richiede l'eliminazione e la prevenzione di lavoro forzato20 

Le compagnie minerarie non possono operare nel paese senza essere complici del servizio nazionale e della sua coscrizione forzata, né hanno la supervisione dei loro progetti. Non possono farlo senza sostenere il governo -in effetti, la crescita economica dell'Eritrea è in gran parte guidata dall'attività mineraria.

Nelle parole della Commissione d'inchiesta delle Nazioni Unite: "La totale mancanza di trasparenza è particolarmente notevole perché l'estrazione mineraria è uno dei settori economici di maggior successo in Eritrea e i pagamenti derivanti dalle attività minerarie sono un'importante fonte di entrate per il governo ".21

Lavoratori forzati nelle miniere sopportare condizioni pericolose e lavorare in alcune delle temperature più calde del pianeta, spesso con cibo limitato, condizioni di vita abusive, straordinari eccessivi e salari trattenuti. Queste condizioni sono descritte da più minatori intervistati da Eritrea Focus e, secondo le definizioni ILO, costituiscono lavoro forzato 

La filiale britannica del gigante bancario JP Morgan Chase è il più grande investitore in Dancalia, con una partecipazione del 9.12% nella società a partire dal 2016. Non è la prima volta che JPMorgan investe in progetti minerari eritrei; in passato era azionista di Nevsun, anch'essa accusata di finanziamento lavoro forzato nel paese. Il broker Somers & Partners ha detto che JP Morgan ha dato Dancalia il suo "sigillo di approvazione". 22

Quando abbiamo scritto a Danakali poco prima di lanciare questa campagna per esprimere le nostre preoccupazioni, hanno risposto assicurandoci che stavano facendo ogni passo per garantire che lavoro forzato non viene utilizzato nel loro progetto.2324 Mentre apprezziamo la loro risposta, rimaniamo preoccupati che operando in Eritrea, sostenere questo sistema di coscrizione forzata sia inevitabile.

Stiamo chiamando Dancalia e tutte le altre società straniere che operano in Eritrea, insieme ai loro azionisti, a disinvestire. Dancalia deve cessare le sue operazioni nel paese e JP Morgan Chase deve terminare i suoi investimenti finché ciò non accadrà. 

CAMPAGNA PRECEDENTE LIBERTÀ UNITA: Nevsun 

Freedom United's precedente campagna sull'Eritrea focalizzato sul Società mineraria canadese Nevsun Resources Ltd, raccogliendo oltre 76,000 firme esortando gli investitori a disinvestire da Nevsun di fronte alle accuse di lavoro forzato nella costruzione del Bisha il mio dal loro socio in affari Segen, l'impresa di costruzioni del governo eritreo.

Nevsun è stato venduto l'anno scorso a una compagnia mineraria cinese, Zijin, e come tale le azioni degli investitori sono state vendute. Nevsun è attualmente oggetto di una causa lenta in Canada presentata da un gruppo di lavoro forzato sopravvissuti, che la Corte Suprema del Canada ha stabilito che potrebbero continuare.25 Tuttavia, poiché le sue azioni sono state vendute alla fine del 2018, la richiesta della petizione originale non è più pertinente.26

Leggi la campagna nel nostro rapporto sul campo. 

Note:

  1. https://www.hrw.org/report/2019/08/08/they-are-making-us-slaves-not-educating-us/how-indefinite-conscription-restricts
  2. https://www.nytimes.com/2020/01/08/world/europe/conscription-eritrea-eu.html
  3. https://www.ohchr.org/EN/HRBodies/HRC/CoIEritrea/Pages/ReportCoIEritrea.aspx
  4. https://www.theguardian.com/global-development/2018/oct/11/its-just-slavery-eritrean-conscripts-wait-in-vain-for-freedom
  5. https://data.worldbank.org/indicator/SM.POP.REFG.OR?most_recent_value_desc=true
  6. https://theconversation.com/eritrean-migrants-face-torture-in-libya-what-the-international-community-can-do-125861
  7. https://eritreahub.org/european-aid-for-eritrea-involving-slave-labour-challenged-in-two-courts
  8. https://ec.europa.eu/trustfundforafrica/sites/euetfa/files/t05-eutf-hoa-er-66_-_eritrea_road_rehabilitation.pdf
  9. https://ec.europa.eu/trustfundforafrica/sites/euetfa/files/t05-eutf-hoa-er-66_-_eritrea_road_rehabilitation.pdf
  10. https://kvdl.com/uploads/Case-Summary_Eritrea-Road-building_FIN_13May2020.pdf
  11. https://www.nytimes.com/2020/01/08/world/europe/conscription-eritrea-eu.html
  12. https://www.nytimes.com/2020/05/13/world/europe/eritrea-eu-lawsuit-forced-labor.html
  13. https://www.spiegel.de/international/world/eu-to-work-with-despot-in-sudan-to-keep-refugees-out-a-1092328.html
  14. https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/PV-9-2020-05-14-VOT_EN.pdf
  15. https://www.europarl.europa.eu/doceo/document/TA-9-2020-0105_EN.html
  16. https://www.nytimes.com/2020/05/13/world/europe/eritrea-eu-lawsuit-forced-labor.html
  17. https://eritreahub.org/eu-says-no-more-money-to-eritrea
  18. https://www.danakali.com.au/the-colluli-project
  19. https://eritreahub.org/call-for-danakali-to-respect-human-rights-of-eritreans
  20. https://www.danakali.com.au/images/stories/UNDP-Report-on-Colluli.pdf
  21. https://eritreahub.org/wp-content/uploads/2018/06/Mining-and-Repression-in-Eritrea-Corporate-Complicity-in-Human-Rights-Abuses-EMBARGOED-COPY.pdf
  22. https://londonminingnetwork.org/2016/09/jpmorgan-goes-deeper-into-eritreas-mines
  23. https://cdns.freedomunited.org/wp-content/uploads/2020/06/30115004/Freedom-United-Letter-of-Concern.pdf
  24. https://cdns.freedomunited.org/wp-content/uploads/2020/06/30114912/Letter-Freedom-United.pdf
  25. https://www.freedomunited.org/news/supreme-court-rules-that-nevsun-can-be-sued-in-canada/
  26. https://www.prnewswire.com/news-releases/zijin-mining-succeeds-in-bid-for-nevsun-resources-and-announces-mandatory-extension-of-tender-period-300771371.html
  • August 11, 2021: Danakali annuncia che sarà delisting dalla Borsa di Londra in vigore dal 24 settembre 2021.

  • Giugno 21, 2021: Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sui Diritti Umani in Eritrea rapporti al Consiglio per i diritti umani che Eritrea ha urgente bisogno di riformare il suo servizio nazionale che intrappola i giovani nel #lavoroforzato a tempo indeterminato.

  • 9 Marzo 2021: Aggreko PLC è stata scelta per fornire energia al progetto della miniera Colluli di Danakali. Freedom United e il nostro partner, Eritrea Focus, hanno scritto una lettera congiunta sollevando le nostre preoccupazioni sull'alto rischio del progetto di #forcedlabor al team di sostenibilità di Aggreko. Leggilo qui.

  • Ottobre 1, 2020: Ti sei perso il nostro webinar con Habte Hagos, presidente di Eritrea Focus, e Martin Plaut, ex redattore di BBC World Africa, sulla persistenza della schiavitù moderna in Eritrea e sull'importanza della campagna di Freedom United? Guardalo qui.

  • Settembre 7, 2020:  Scopri di più sulla storia del lavoro forzato in Eritrea in questo saggio fotografico dal collaboratore ospite ed ex editore della BBC World Service Africa Martin Plaut.

  • 01 luglio 2020: Lanci della campagna

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
8 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
giovanni bestevaar
giovanni bestevaar
anni fa, 2

Gli stati nazionali sono sovrani, il che in pratica significa che possono farla franca con crimini contro l'umanità come schiavizzare la loro popolazione come una questione di legge riconosciuta dall'ONU.

fw baldwin
fw baldwin
anni fa, 2

L'Eritrea è una dittatura comunista e civilizzata
paese non dovrebbe sostenerlo per semplici soldi.

Susana
Susana
anni fa, 2

No, non possono - infatti l'Eritrea ha firmato la Dichiarazione universale per i diritti umani e ha ratificato diverse convenzioni sui diritti umani delle Nazioni Unite, il che significa che ciò che sta accadendo è chiaramente contrario a tutte le politiche delle Nazioni Unite. La sovranità non autorizza alcuno stato a ridurre in schiavitù le popolazioni né a commettere crimini contro di loro. Penso che tu abbia concetti di giurisprudenza mal definiti, forse devi chiarirli

fw baldwin
fw baldwin
anni fa, 2
Rispondi a  Susana

Se solo quello che credi fosse vero, ma
ahimè non lo è. L'Eritrea segue l'albanese
modello di completa oppressione.

giovanni bestevaar
giovanni bestevaar
anni fa, 2
Rispondi a  Susana

Susana. Dal momento che mi attribuisci l'ignoranza della giurisprudenza, non posso esimermi dal sottolineare che i tuoi concetti di eventi reali sono carenti in quanto non vi è alcun collegamento necessario tra loro e qualunque cosa l'ONU possa promulgare.

Susana
Susana
anni fa, 2

Proprio il mio punto: gli eventi reali non hanno nulla a che fare con il riconoscimento o meno della sovranità dall'ONU, quindi perché farvi riferimento? Freedom United ha richiamato la nostra attenzione sulla schiavitù moderna ovunque (anche nei paesi sviluppati come Stati Uniti e Inghilterra), è tutto intorno a noi: abbiamo il dovere morale di essere vigili e agire, come INDIVIDUI, come esseri morali responsabili. Possiamo anche disinvestire, mettere in discussione le pratiche aziendali e fare ciò che possiamo (anche se sembra poco) per garantire che NESSUNO VENGA LONTANO

fw baldwin
fw baldwin
anni fa, 2
Rispondi a  Susana

Le parole significano poco se non vengono fornite
ai consigli di amministrazione e ai nostri politici.

fw baldwin
fw baldwin
anni fa, 2

Le aziende australiane non dovrebbero mai unirsi
con dittature oppressive che gli USA stanno cercando di ottenere
le sue aziende a seguire questa pratica ottenendo
dalla Cina e anche OZ dovrebbe.

Invita le imprese e le istituzioni straniere a disinvestire dal lavoro forzato in Eritrea

Aiutaci a raggiungere 20,000 azioni
15,110

Chiedo a tutti gli attori stranieri - pubblici e privati ​​- che hanno operazioni o investimenti in Eritrea disinvestire immediatamente e dichiarare pubblicamente la propria opposizione alla pratica del governo di coscrizione forzata. 

La complicità nel servizio nazionale del governo eritreo, che prevede la coscrizione forzata di centinaia di migliaia di eritrei, è inevitabile per chi fa affari o investe nel Paese.  

Chiedo alle imprese e alle istituzioni che investono in Eritrea di usare il loro potere per chiedere al governo di sradicare la coscrizione forzata e il lavoro forzato in modo che diventi un paese in cui fare buoni affari.  

Per garantire il benessere immediato dei lavoratori, invito inoltre le parti a intraprendere azioni correttive per risarcire i lavoratori, per quanto possibile, al momento del disinvestimento.   

Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Attività recenti

  • Isabella M.,
  • Cinzia P.,
  • Giovanni G.,
  • Hydie L.,
  • Beatrice S.,
  • Teresa R.,
  • Anna M.,
  • Mari S.,
  • Debbie R.,
  • md j.,

Partner della campagna