Rahima Mahmut

"Quello che sta accadendo nella mia patria è un genocidio culturale"

2
Attivisti contro la schiavitùLavoro forzatoMerci senza schiavitùSupply Chain

L'attivista uigura Rahima Mahmut condivide come il sistema repressivo del lavoro forzato del governo cinese nella regione uigura abbia avuto un impatto su di lei e sui suoi cari.  

Il mio nome è Rahima Mahmut e io vengo da Ghulja, nel nord della regione autonoma uigura dello Xinjiang / Turkistan orientale. Non sono più riuscito a tornare a casa da quando sono arrivato nel Regno Unito nel 2000 perché ho scelto di parlare apertamente dell'ingiustizia che la mia gente ha dovuto affrontare. Ma per la maggior parte di quegli anni ero ancora in normale contatto con la mia famiglia: avremmo avuto lunghe conversazioni al telefono. 

Poi, nel 2016, ho iniziato a sentire parlare dei cambiamenti agghiaccianti in atto nella mia patria con lo sviluppo dell'attuale sistema di detenzione di massa e lavoro forzato. Le mie telefonate con la mia famiglia cambiarono improvvisamente; furono interrotti ei miei familiari più stretti improvvisamente smisero di allungare la mano per vedere come stavo, anche se ero stato malato. 

Nell'inverno del 2016 ho iniziato a non riuscire a raggiungere la mia famiglia, i miei amici e i miei compagni di classe. Ero così preoccupato e ho continuato a chiamare. Alla fine sono riuscito a comunicare con mio fratello maggiore dopo New Anni e mi ha risposto in cinese, invece del nostro solito saluto arabo. Ha indicato con voce tremante che non dovevo più contattarli. Potevo dire che aveva paura e ho capito che se avessero continuato a parlarmi, avrebbero rischiato la detenzione. Quella è stata l'ultima conversazione che abbia mai avuto con qualcuno della mia famiglia. A tutt'oggi non so se siano al sicuro o se siano stati detenuti, incarcerati o costretti a lavorare.  

Dai resoconti dei sopravvissuti al campo, la vita all'interno dei campi è di orrore, dove i detenuti soffrono di lavaggio del cervello, indottrinamento, tortura, mancanza di cibo, sovraffollamento, privazione del sonno, stupro, sterilizzazione forzata e lavoro forzato.

Quello che sta accadendo nella mia patria è un genocidio culturale. Il governo cinese sta usando il lavoro forzato per far entrare le persone my regione dimentica la loro casa, la loro religione e la loro cultura.  

Il mio cuore soffre di dolore e dolore, ma trovo un significato nella mia vita aumentando la consapevolezza e facendo una campagna per la libertà del mio popolo. Ecco perché sostengo la campagna di Freedom United che chiede al governo cinese di fermare questo sfruttamento sistematico. Credo che insieme le persone in tutto il mondo possano farlo fare la differenza se si uniscono a me nel parlare. Quindi per favore aggiungi il tuo nome oggi. 

Rahima è il direttore del progetto britannico della nostra organizzazione partner, il Congresso mondiale uiguro (WUC). Insieme alla nostra organizzazione partner, il Rete globale di azioni legali (GLAN), il WUC sta lavorando per vietare le importazioni di cotone dalla regione uigura nel Regno Unito. Ulteriori informazioni sulla lettera di WUC e GLAN al governo del Regno Unito qui. 

Stai con Rahima e aggiungi il tuo nome alla petizione oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Gillian Stroud
Gillian Stroud
2 anni fa

Questo è esattamente lo stesso processo che i comunisti usavano per distruggere la cultura e le persone tibetane in Tibet.

Dwight Hogg
2 anni fa
Rispondi a  Gillian Stroud

Grazie per aver ricordato alla gente quell'enorme genocidio contro il popolo tibetano.