Domande e risposte dall'evento online di Freedom United "Eliminare la tratta dal lavoro sessuale" - FreedomUnited.org

Domande e risposte dall'evento online di Freedom United "Eliminare la tratta dal lavoro sessuale"

  • Edizione del
    12 Febbraio 2021
  • Scritto da:
    Miriam Karmali
  • Categoria:
    Diritto e Politica, Prevenzione
Banner eroe

Il 3 febbraio, Freedom United ha ospitato un evento online con un gruppo di esperti relatori che esplorano come costruire la resilienza al traffico sessuale. Siamo grati ai nostri relatori, il professor Nick Mai dell'Università di Newcastle, Esta Steyn di Be Slavery Free, Nadia Whittome MP, Charlotte dell'English Collective of Prostitutes, Mariah Grant del Sex Workers Project e Megan Hector di DecrimNow, per aver preso parte in questa importante discussione.

Siamo rimasti colpiti da tutti coloro che si sono uniti alla discussione e con oltre 200 persone che si sintonizzano dal vivo, abbiamo ricevuto molte domande! Quindi, risponderemo qui nel caso in cui non siamo riusciti a raggiungerli durante l'evento dal vivo.

D: Quali sono i tuoi pensieri sulla chiesa / organizzazioni religiose che gestiscono progetti anti-tratta ma sono anche in disaccordo con il sesso prima del matrimonio e in generale con lavori anti-sesso / anti-pornografia. Come possono svolgere in modo più efficace il loro lavoro contro la schiavitù?

A un'organizzazione basata sulla fede che fornisce sostegno contro la tratta potrebbe non essere necessariamente preclusa la fornitura di servizi in modo efficace a causa delle posizioni che possono avere sul lavoro sessuale. Nel Regno Unito, Hannah Lewis, Gwyneth Lonergan, Rebecca Murray, Emma Tomalin e Louise Waite hanno scritto un rapporto "Faith responses to modern slavery" che esplora il ruolo delle organizzazioni religiose nello spazio anti-tratta del Regno Unito. Leggi il rapporto qui.

D: Se la liberalizzazione e la legalizzazione del lavoro sessuale rischiano la proliferazione del lavoro sessuale al punto in cui i tipi imprenditoriali potrebbero sfruttare gli altri come parte del loro modello di business ma rimanere inosservati (supponendo che lo sfruttamento non sia evidente in superficie), e se la criminalizzazione possa aumentare il rischio di tratta rendendo il lavoro sessuale invisibile e impossibile da monitorare per lo sfruttamento, è possibile una soluzione o dobbiamo accettare il rischio in entrambi gli scenari?

Una cosa che è stata chiarita durante la nostra tavola rotonda è che non esiste un proiettile d'argento per porre fine alla tratta a scopo di sfruttamento sessuale. È un problema incredibilmente complesso che è perpetuato da una varietà di questioni strutturali che devono essere affrontate oltre all'implementazione di misure anti-tratta. Sebbene il rischio della tratta possa rimanere nell'industria del sesso, come in qualsiasi altra industria, dobbiamo chiederci quale approccio sarà più efficace nel prevenire la tratta sessuale.

Esta Steyn di Be Slavery Free ha detto:

Le idee alla base del motivo per cui scegli una politica influenzeranno l'esecuzione di tale politica. Ad esempio, il modello svedese si basa sull'idea che l'uguaglianza di genere è davvero importante e che milioni vengono spesi in programmi sull'uguaglianza di genere per scuole, funzionari governativi e questo ha avuto un effetto enorme. Prima dell'implementazione del modello svedese, le leggi che forniscono servizi sessuali erano viste in modo molto diverso da come si vedono ora. Ha avuto un enorme impatto sull'emancipazione delle donne. Le donne sono viste come più uguali di prima, in gran parte a causa dei programmi per la parità di genere. E in particolare i giovani ora disapprovano il pagamento dei servizi sessuali. Qualunque sia la politica scelta dal Regno Unito, dovrebbe riflettere una visione sugli esseri umani che sia utile ai sopravvissuti e a coloro che forniscono servizi sessuali volontariamente.

Charlotte del Collettivo inglese di prostitute ha detto:

Affinché il lavoro sessuale sia riconosciuto come legittimo significherebbe che venga depenalizzato, come qualsiasi altro lavoro come lo è in Nuova Zelanda (sebbene qualsiasi legge non debba includere la clausola che discrimina i lavoratori del sesso migranti). Non è un obiettivo utopico o irraggiungibile. Ha funzionato e ha funzionato per oltre 15 anni. Significa che le lavoratrici del sesso hanno maggiori probabilità di denunciare episodi di violenza alla polizia e ad altre agenzie. Ciò era particolarmente vero per i lavoratori di strada.

Ciò significherebbe anche un cambiamento nello stigma intorno al lavoro sessuale, e le lavoratrici del sesso avranno il diritto di aspettarsi la stessa protezione ai sensi della legge di chiunque altro. Le donne saranno più propense a fornire informazioni senza timore di essere arrestate, rendendo tutte le donne più sicure e troveranno più facile abbandonare la prostituzione se e quando lo desiderano, poiché le condanne sono state cancellate dai loro registri.

D: Se il lavoro sessuale viene depenalizzato, non rende allora più facile per i trafficanti sostenere che le loro azioni stanno "consentendo" a una donna trafficata di guadagnare un commercio legittimo e quindi rendono ancora più difficile per una persona trafficata dimostrare di essere stata sfruttati?

 

Mariah Grant di Sex Workers Project ha condiviso durante l'evento:

Avere discussioni oneste su ciò che è sfruttamento è importante in modo che le persone possano sapere quali sono i loro diritti in qualsiasi settore in cui si verifica lo sfruttamento e se i loro diritti vengono violati, sia nel commercio del sesso o se lavorano in un ristorante. Penso che debba anche essere una conversazione che si tiene in diverse aree di lavoro, quindi sia che si tratti di assistenti sociali, in campo medico ... che ci sia una comprensione di cosa sia la tratta e che possa accadere in qualsiasi settore. C'è molto sensazionalismo intorno alla formazione sulla tratta di esseri umani che porta all'identificazione e alla profilazione errate delle persone. La formazione che si svolge sulla tratta di esseri umani deve essere fondata su prove e realtà.

Esta Steyn di Be Slavery Free dice:

Sì, renderà la vita più facile ai trafficanti. Come è diventato dolorosamente chiaro nei Paesi Bassi. Ha reso la vita molto più facile per i trafficanti di esseri umani. Devono semplicemente scegliere persone di età superiore ai 18 anni e i tribunali si divertiranno un mondo a dimostrare che questa persona è stata sfruttata. È estremamente difficile dimostrare che una persona è stata sfruttata. Di solito non è affatto in bianco e nero. Una vittima sentirà spesso di non essere una vittima perché ha detto di sì al suo trafficante e ha lavorato volentieri per lei. Una mia cara amica che è stata sfruttata nell'industria del sesso per 5 anni, che non ha mai avuto un centesimo dei soldi che ha guadagnato, sentiva ancora di non essere sfruttata. Amava il suo trafficante e faceva volentieri questo lavoro per lui. Le ci sono voluti 15 anni, prima che potesse ammettere a se stessa di essere stata sfruttata.

D: Dove sono le prove che il modello nordico spinga ulteriormente la prostituzione nel sottosuolo? E se viene portato più in profondità, sicuramente può facilmente sovrapporsi e confondersi con il traffico?

 

La ricerca sugli effetti dei modelli di "proibizionismo" come il modello di divieto di acquisto del sesso, comunemente indicato come modello svedese o nordico, ha scoperto che le lavoratrici del sesso affrontano una maggiore precarietà e rischio di violenza, in particolare quelle che affrontano discriminazioni intersettoriali.

Invece di proteggere le donne impegnate nel lavoro sessuale dalla violenza, questo modello spinge le lavoratrici del sesso sottoterra dove hanno maggiori probabilità di essere vulnerabili alla violenza, allo sfruttamento, agli abusi e alla tratta e sono meno propensi a denunciare alla polizia e cercare aiuto se temono di esserlo sarà criminalizzato.

Charlotte del Collettivo inglese di prostitute ha dichiarato durante l'evento:

La depenalizzazione del lavoro sessuale renderebbe più facile per le vittime della tratta farsi avanti senza paura di essere arrestate e per la polizia perseguire stupratori e trafficanti piuttosto che prostitute e clienti.

Ulteriori letture sull'impatto del modello nordico sul traffico sessuale:

Human Rights Watch

Comitato internazionale sui diritti delle lavoratrici del sesso in Europa

Amnesty International

 

D: Le prove suggeriscono che criminalizzare l'acquisto di sesso metterebbe le donne nella prostituzione nella posizione SUPERIORE, quando minacciate di violenza dai clienti ... come spieghi l'esplosione non solo della prostituzione ma anche del traffico e della violenza con essa in Germania dalla legalizzazione nel 2002 (91 omicidi, 48 tentati omicidi)?

 

Sebbene il nostro evento non coprisse il contesto tedesco, Esta Steyn ha parlato dell'impatto della legalizzazione nei Paesi Bassi durante l'evento dal vivo:

Prima del 2000 l'acquisto e la vendita di servizi sessuali era già legale nei Paesi Bassi, i bordelli e il pappone erano proibiti. Il motivo per cui lo sfruttamento della prostituzione è stato legalizzato è perché era chiaro che condonare la prostituzione non aveva funzionato. Ha creato percorsi per investire denaro sporco, per far lavorare gli immigrati illegali e per bloccare la supervisione del dipartimento delle imposte, della polizia e dei professionisti in prima linea. Si pensava che legalizzare lo sfruttamento dell'industria del sesso avrebbe risolto questo problema. È stato un completo fallimento.

Ulteriori letture sull'impatto del modello di legalizzazione sul traffico sessuale:

La presentazione completa di Esta Steyn sull'impatto della legalizzazione del lavoro sessuale sulla tratta

Rete globale di progetti di lavoro sessuale ' scheda informativa sulla legge tedesca sulla prostituzione

Scheda informativa di Equality Now sull'affrontare il traffico sessuale

 

Aggiornamento, 15 febbraio 2021: Nordic Model Now! ha inviato a Freedom United un lettera aperta seguendo il nostro evento panel. Puoi leggere il nostro risposta alla lettera aperta qui.

 

La sezione settimana

Il capo dei diritti delle Nazioni Unite sollecita la fine del sostegno dell'UE alla Guardia costiera libica

L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha chiesto una revisione urgente dell'accordo dell'Unione europea con le autorità libiche per intercettare e rimpatriare i migranti che tentano di attraversare il Mar Mediterraneo. Intervenendo al Consiglio per i diritti umani, Türk ha sottolineato la portata allarmante di “traffico, tortura, lavoro forzato, estorsione e fame” subiti dai migranti rimpatriati e dai richiedenti asilo. “È inconcepibile che le persone entrino

| Martedì 9 luglio 2024

Per saperne di più