Ultimi aggiornamenti sulla lotta alla schiavitù moderna - FreedomUnited.org

Darien Gap: affrontare il pericolo alla ricerca della sicurezza

  • Edizione del
    5 settembre 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Tratta di esseri umani
Banner eroe

 

La fitta giungla tra Panama e Colombia, denominata Darien Gap, è attraversata da un numero senza precedenti di migranti e rifugiati. Oltre 330,000 persone hanno attraversato il Darien Gap dall'inizio del 2023, il che rappresenta la cifra annuale più alta mai registrata fino ad oggi, uno su cinque è un bambino, riferisce l'Ufficio per i diritti delle Nazioni Unite (OHCHR).

La portavoce dell'OHCHR Marta Hurtado descrive il terreno fisico del passaggio come incredibilmente pericoloso, affermando che:

“Viaggiare a piedi attraverso 575,000 ettari di giungla era già di per sé pericoloso, e una camminata di quattro-sette giorni attraverso il Darien Gap in una stagione secca poteva trasformarsi in un viaggio di 10 giorni durante i nove mesi della stagione delle piogge. Il viaggio straziante prevede la scalata di montagne ripide e l’attraversamento di pericolosi corsi d’acqua”.

Coloro che attraversano il Darien Gap provengono da Venezuela, Haiti, Ecuador, Colombia, Cina e molte altre regioni. Dicono di aver deciso di fuggire dalla violenza e dall'insicurezza alla ricerca di una vita in cui i loro diritti fondamentali siano rispettati.

Rischio tratta e violenza sessuale

Oltre agli ostacoli geograficamente impegnativi del Darien Gap, l’attraversamento comporta un grande rischio di tratta di esseri umani e violenza fisica e sessuale. “Un rischio particolare per i bambini, le donne, le persone LGBTI e le persone con disabilità”, ha affermato Hurtado.

A rapporto del Comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite nel marzo di quest’anno ha riscontrato ulteriori rischi, tra cui omicidi, sparizioni, traffici, rapine e intimidazioni da parte di agenti della criminalità organizzata. Catherine dal Venezuela al centro temporaneo per immigrazione di Lajas Blancas a Panama ha condiviso una delle sue esperienze durante la traversata:

“Ci hanno rubato tutto. Un gruppo di uomini armati con passamontagna ci ha tenuti in ostaggio per un giorno e ci ha portato via tutto: i nostri soldi, le nostre cose e persino il nostro cibo... almeno non hanno toccato mia figlia.

La tratta di esseri umani a scopo di sfruttamento sessuale e lavorativo è un rischio frequente lungo il percorso. La violenza sessuale è utilizzata come mezzo di pagamento per passare attraverso diversi punti controllati dalle strutture del traffico di migranti. "Le donne vengono spesso violentate se non hanno nulla da far rubare ai trafficanti armati", si legge Medici senza frontiere.

Urgenza di trovare percorsi sicuri e regolari

Il fatto che così tante persone stiano intraprendendo un viaggio estremo testimonia la disperazione e la determinazione nel cercare una vita migliore lontano dalla violenza e dalla persecuzione. Evidenzia inoltre l’urgente necessità di un sistema migratorio che sia unificato con una risposta basata sui diritti umani. I paesi della regione, come Costa Rica e Panama, stanno compiendo sforzi per aiutare a soddisfare i bisogni umanitari. Tuttavia, sono i fattori strutturali che costringono le persone a lasciare le proprie case e l’approccio globale alla migrazione che devono essere affrontati. Per molti migranti che attraversano il Darien Gap resta ancora il resto del viaggio verso il confine degli Stati Uniti, dove dovranno affrontare condizioni più difficili, pericoli e restrizioni imposte dallo stato.

Come comunità globale, dobbiamo chiedere politiche migratorie più sicure in modo che i migranti non siano lasciati con la scelta senza scelta di intraprendere rotte pericolose e rischiare la vita in cerca di sicurezza e libertà. Agire e firma la nostra petizione per chiedere politiche migratorie sicure.

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
4 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Reginaldo Williams
Reginaldo Williams
9 mesi fa

Siamo un popolo, un pianeta e dobbiamo unirci per sostenerci a vicenda. Prego spesso per l’unità del mondo e per i leader mondiali che lavoreranno per costruire ponti anziché recinzioni.

Astrid
Astrid
7 mesi fa

Il Darien Gap è una delle pochissime foreste pluviali più preziose, diverse, rare e misteriose (antiche?) autentiche rimaste sul pianeta Terra.
I rifugiati economici non dovrebbero mai entrare a tutti i costi in questo fragile gioiello in declino. La causa risiede e dovrebbe essere immediatamente fermata dai governi dei paesi di origine. Salva e proteggi a tutti i costi questa meraviglia della biodiversità vecchia di milioni di anni.
E se non c'è modo di fermarli, dovrebbero usare le barche!!!!

Gillian Miller
Gillian Miller
7 mesi fa

Per quanto concordi sul fatto che tutti abbiano il diritto di vivere in dignità e pace, nessun paese può accogliere tanti rifugiati quanti ne attraversano rotte pericolose, non solo verso gli Stati Uniti. Sarebbe meglio se la vita nei loro paesi migliorasse ed è qui che l’ONU fallisce miseramente. Anche i paesi “ricchi” sono in difficoltà finanziaria, dove va a finire?

Meredydd Ian Riggall
Meredydd Ian Riggall
9 mesi fa

Il film Sound of Freedom ha aperto gli occhi, ma ha fatto sembrare il problema diverso da un problema degli Stati Uniti, ad eccezione di uno degli ultimi schermi che mostrava una citazione che sostanzialmente affermava che gli Stati Uniti sono il più grande consumatore di esseri umani vittime della tratta. Supponendo che sia corretto, cosa sta facendo Freedom United su questo fronte e come posso aiutare?

La sezione settimana

Presentata una denuncia dei lavoratori contro l'Arabia Saudita durante la candidatura alla Coppa del Mondo FIFA

AP News riferisce che una coalizione di sindacati ha presentato una denuncia formale contro l'Arabia Saudita, accusando la nazione di gravi violazioni dei diritti umani. La denuncia, presentata all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), denuncia maltrattamenti e furti salariali che hanno colpito oltre 21,000 lavoratori migranti negli ultimi dieci anni. Ciò avviene mentre la FIFA si prepara a designare l’Arabia Saudita come paese ospitante della Coppa del Mondo 2034. Internazionale dei lavoratori dell'edilizia e del legno

| Mercoledì 5 giugno 2024

Per saperne di più