Strade più sicure per tutti testo bianco su sfondo stradale

Un approccio non carcerario alla tratta: Unpacking California's Safer Streets for All Act

1
Legge e politica

Di Jamison Liang, Freedom United e Leigh LaChapelle, Cast

Il Safer Streets for All Act è stato convertito in legge il 1 luglio 2022 ed entrerà in vigore nel gennaio 2023.

Freedom United e il nostro partner Cast sono stati orgogliosi di sostenere il Safer Streets for All Act (SB 357), un disegno di legge essenziale appena convertito in legge in California che impedirà ai sopravvissuti alla tratta e alle prostitute di affrontare una fedina penale semplicemente per aver camminato per strada . Lo fa abrogando la sezione 653.22 del codice penale della California, una legge dannosa e arcaica che criminalizza il bighellonare per l'intento di prostituirsi.

È un codice troppo vago che criminalizza intento piuttosto che reale azione, il che significa che le persone in tutta la California vengono prese di mira e arrestate soggettivamente in base al loro aspetto, compresi i vestiti che indossano, come parlano con gli altri pedoni, dove o come si trovano, o per il sesso o il colore della loro pelle.

Le ingiustizie del codice penale sono evidenti.

Oltre 9,000 persone hanno firmato la nostra petizione congiunta a sostegno del Safer Streets for All Act. Tuttavia, abbiamo osservato alcuni malintesi su ciò che questa legge fa e su ciò che non fa.

La copertura dei media ha talvolta inquadrato la legge come una scelta tra aiutare le vittime della tratta o sostenere le prostitute. Per essere chiari, questa è una scelta falsa e un'inquadratura che non aiuta nessuno. Un argomento centrale dei detrattori dell'SB357 suggerisce che senza la legge anti-battuto in atto, la polizia non sarà in grado di indagare sulla tratta o aiutare le vittime. Il ragionamento? La polizia dovrebbe essere in grado di arrestare una vittima di tratta, in teoria sottraendola a un trafficante prendendola in custodia di polizia.

Ma che dire delle persone arrestate in base alla legge sul vagabondaggio che non sono vittime della tratta? O le vittime della tratta che non sono ancora in grado o non vogliono lasciare la loro situazione e di conseguenza finiscono con una fedina penale. Cosa significa accumulare precedenti penali per i sopravvissuti alla tratta e la loro capacità di accedere a un alloggio sicuro, a un'occupazione significativa e a crescere i propri figli? Se la polizia non effettua arresti ai sensi della legge sul vagabondaggio, in che modo le vittime della tratta possono accedere all'aiuto?

Per approfondire questi problemi, Jamison Liang di Freedom United ha incontrato Leigh LaChapelle di Cast per spiegare perché il Safer Streets for All Act aiuterà nella prevenzione della tratta e dimostrerà che un approccio non carcerario è sia possibile che efficace nell'affrontare la tratta.

 

J: Grazie per aver dedicato del tempo a chattare. Per iniziare, puoi presentarti e su cosa lavori in Cast?

L: Grazie per avermi. Sono Leigh LaChapelle (loro/loro) e attualmente lavoro come Direttore Associato di Survivor Advocacy presso la Coalition to Abolish Slavery and Trafficking (Cast). Nel mio ruolo mi assicuro che ci sia un ponte diretto tra i nostri servizi diretti olistici, la nostra programmazione di leadership per i sopravvissuti e il nostro lavoro politico locale, statale e federale. Porto al ruolo l'esperienza vissuta e anni di lavoro in prima linea con i sopravvissuti che fuggono dalle loro situazioni di tratta. Sono così entusiasta di avere la possibilità di parlare con te oggi di SB 357 e del motivo per cui Cast era un sostenitore.

 

 

J: Il governatore della California Gavin Newsom ha ora firmato il Safer Streets for All Act, che abrogherà il codice penale che criminalizza il bighellonare con l'intento di prostituirsi. Qual è stato il pensiero alla base dell'approvazione di questo codice penale nel 1995 e quali sono stati gli impatti negli ultimi 27 anni?

L: Il cast è entusiasta che il Safer Streets for All Act sia stato convertito in legge. Vogliamo ringraziare il Governatore, i sopravvissuti e gli organizzatori di base che hanno portato avanti questo disegno di legge.

Molte persone non sono consapevoli del fatto che la storia delle leggi sull'indecisione è di natura discriminatoria tanto quanto la loro successiva applicazione. Le leggi sul vagabondaggio non sono mai state emanate per aiutare i sopravvissuti alla tratta di esseri umani, o sopravvissuti a qualsiasi tipo di violenza, ma sono stati invece emanato per criminalizzare le comunità di colore. Nel 1850 il legislatore della California ha approvato una legge che includeva una disposizione che consentiva l'arresto, la vendita e il lavoro forzato di individui indigeni "che saranno trovati bighellonare e passeggiare". Allo stesso modo, dopo l'era della Ricostruzione, le leggi sul vagabondaggio furono usate per arrestare e condannare i neri ai lavori forzati.

La California ha codificato il crimine di bighellonare Articolo 647(e) del codice penale nel 1872. Nel 1983 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha invalidato 647(e) per essere "incostituzionalmente vago" in un caso promosso da Edward Lawson, un uomo di colore che era stato ripetutamente arrestato ai sensi di questo codice per aver camminato in quartieri bianchi nel sud della California. Nonostante ciò, il legislatore della California ha promulgato il codice penale 653.22 che criminalizza ancora una volta il bighellonare, ma questa volta "con l'intento di prostituirsi". La tratta di esseri umani non era la causa dietro la 653.22 quando è stata approvata nel 1995, la sua intenzione era parte di una più ampia strategia "duro al crimine" per controllare e criminalizzare i movimenti di persone che si dedicano allo spaccio di droga o al commercio sessuale.

Quello che sappiamo dai dati che abbiamo è che questo codice non è stato utilizzato per arrestare i trafficanti o fermare la tratta. C'è una disparità di genere tra coloro che sono stati arrestati e sono principalmente donne cisgender e transgender. L'arresto delle sopravvissute e delle lavoratrici del sesso non impedisce la tratta, ma crea invece barriere insormontabili alla sicurezza di alloggi, occupazione e immigrazione.

 

J: Quindi il Safer Streets for All Act, o SB357, mira a correggere queste ingiustizie. In precedenza hai scritto come Le comunità nere e marroni, in particolare le donne cisgender e trans di colore, vengono arrestate in modo sproporzionato secondo lo statuto di bighellonare. Alcuni hanno affermato che ciò è dovuto al fatto che sono vittime della tratta in modo sproporzionato. Cosa sta succedendo effettivamente in California e in che modo Safer Streets for All Act aiuterebbe le comunità di colore?

L: Un problema da notare qui è che mancano dati disponibili completi sulla tratta di esseri umani negli Stati Uniti. Il cast si batte per la ricerca basata sull'evidenza e gli studi sulla prevalenza in California in modo che tutti noi possiamo saperne di più su chi è colpito dalla tratta di esseri umani . Indipendentemente dal fatto che le comunità nere e marroni siano prese di mira in modo sproporzionato dalle forze dell'ordine o trafficate in modo sproporzionato, l'arresto non è la risposta. La tratta di esseri umani è l'espressione criminale della privazione dei diritti politici ed economici. Ciò significa che la tratta di esseri umani riflette e amplifica i tipi esistenti di oppressione e sfruttamento. Queste cause profonde non vengono affrontate in alcun modo con l'arresto, il che crea e aumenta solo la vulnerabilità.

Sopravvissute alla tratta, persone che lavorano attraverso il spettro di agenzia nel commercio del sesso, le comunità BIPOC e le comunità transgender non sono popolazioni che si escludono a vicenda. La criminalizzazione ha un impatto negativo su tutte queste popolazioni e sugli individui che esistono all'intersezione di tutte queste identità che sono spesso trascurate in queste discussioni.

 

J: Al centro del dibattito sull'SB357 c'è il ruolo della polizia nell'identificazione delle vittime della tratta. Il Safer Streets for All Act è stato ora convertito in legge ed entrerà in vigore nel gennaio 2023. Poiché la polizia non effettuerà più arresti vagabondi, quali strade ci sono per le vittime per trovare aiuto?

L'hai scritto Il cast ha dimostrato di avere successo in programmi non carcerari come "Il nostro programma di risposta alle emergenze ha assistito 265 sopravvissuti con la fuga dal 2020 e solo l'1% di quelle chiamate è stato facilitato dalle forze dell'ordine". Puoi spiegare come funziona e i vantaggi di questo modello?

L: Abbiamo un team di risposta alle emergenze 24 ore su 7, XNUMX giorni su XNUMX, che risponde ai sopravvissuti che scappano dalle loro situazioni di tratta nella contea di Los Angeles senza fare affidamento sull'agevolazione delle forze dell'ordine. Non è necessario che i sopravvissuti presentino una denuncia alla polizia per utilizzare questi servizi e ci concentriamo sui bisogni fondamentali: riparo, trasporto, assistenza finanziaria e pianificazione della sicurezza. Non abbiamo bisogno di arrestare i sopravvissuti per condurre attività di sensibilizzazione, ma invece miriamo a essere premurosi e strategici su come ci impegniamo.

All'interno del nostro programma di risposta alle emergenze abbiamo anche il nostro programma Survivor Advocate in cui un sopravvissuto qualificato alla tratta di esseri umani è presente come avvocato professionista all'interno dei sistemi sanitari di Los Angeles per formare il personale e per entrare in contatto con potenziali sopravvissuti che potrebbero aver bisogno di assistenza. Quando abbiamo riconosciuto che i sopravvissuti alla tratta spesso ricevevano servizi sanitari mentre erano vittime della tratta ma non venivano identificati, abbiamo collaborato con i fornitori locali per creare una soluzione guidata dai sopravvissuti. La sensibilizzazione e l'intervento sono necessari, ma dovrebbero essere informati sul trauma e guidati dai sopravvissuti e dai fornitori di servizi quando possibile.

E, soprattutto, i nostri servizi e la nostra sensibilizzazione non dovrebbero essere radicati nella coercizione e nella forza dell'arresto. Il vantaggio di questo modello è che è informato sul trauma, basato sul consenso e riduce la criminalizzazione dei sopravvissuti rispetto ad altri modelli di intervento. La maggior parte dei nostri casi di risposta alle emergenze inizia perché un sopravvissuto ha contattato direttamente la nostra hotline per richiedere supporto. Ciò accade perché la nostra comunità confida di poter accedere ai nostri servizi senza essere criminalizzata.

C'è ancora una pletora di codici penali che le forze dell'ordine possono utilizzare per intervenire nella tratta di esseri umani. Semplicemente non possono arrestare qualcuno per la loro percezione spesso distorta dell'intento invece che per un crimine reale.

 

J: Ho sentito che c'è un accordo condiviso sul fatto che ci devono essere più risorse e supporto sociale per i sopravvissuti alla tratta, incluso occupazione, alloggi sicuri e aiuti all'immigrazione. Questi non sono coperti da SB357, ma non è nemmeno questa la sede per farlo nell'ambito della modifica del codice penale. Quindi, come dovrebbe essere quel sistema di supporto completo?

L: Esatto! Non è possibile aggiungere direttamente servizi o supportare la programmazione mentre si modifica il codice penale. Nessuno sta posizionando l'SB 357 come soluzione totale. Ma quello che sappiamo è che non possiamo causare danni per porre fine al male. La prigione non è sensibilizzazione e certamente non è servizi. E l'uso dell'arresto come gateway per ricevere servizi è dannoso e crea sfiducia nelle nostre comunità.

La coalizione dietro il disegno di legge, Decrim Sex Work CA, sta attualmente lavorando su sforzi in tandem per finanziare la fornitura di alloggi alle prostitute in California. Nel giugno del 2021, la legislatura della California ha approvato la richiesta di 30 milioni di dollari di Cast di finanziare i fornitori di servizi per le vittime della tratta di esseri umani in tre anni. Questi 30 milioni di dollari forniranno finanziamenti di emergenza ai sopravvissuti alla tratta di esseri umani durante la pandemia di COVID-19 e le sue conseguenze per garantire che i sopravvissuti in ogni parte dello stato abbiano un posto dove andare per sicurezza, supporto e servizi.

Questi 30 milioni di dollari aggiuntivi arrivano in un momento in cui il numero di casi urgenti di tratta di esseri umani è ai massimi storici. Gli attuali 10 milioni di dollari all'anno di finanziamenti statali in corso ai fornitori di servizi per le vittime della tratta di esseri umani non sono sufficienti per gestire le crescenti esigenze dei sopravvissuti e delle loro famiglie. A causa di questa difesa, il finanziamento totale del bilancio statale per questi programmi nei prossimi tre anni sarà pari a 60 milioni di dollari. Questo aumento fornirà maggiori risorse per affrontare adeguatamente i bisogni dei sopravvissuti in California, dove i casi di tratta di esseri umani sono i più alti tra qualsiasi stato. Lavoriamo instancabilmente per assicurarci di sostenere una legislazione a livello statale e federale che aumenterà i servizi disponibili e sosterrà i sopravvissuti.

Per combattere la tratta di esseri umani è necessaria una difesa strategica simultanea. Sì, dobbiamo aumentare i servizi ei finanziamenti disponibili. Ma dobbiamo anche dare uno sguardo onesto ai sistemi che stanno causando danni ai sopravvissuti e lavorare per correggerli.

 

J: In generale, vedo il Safer Streets for All Act come parte del movimento per fermare la criminalizzazione dei sopravvissuti alla tratta, soprattutto in nome del "salvataggio". Mi è piaciuta la tua affermazione secondo cui "Utilizzare l'arresto attraverso lo statuto di bighellonare per identificare i sopravvissuti o offrire servizi non è un mezzo etico di sensibilizzazione". Puoi parlare di più di questo e di ciò che hai visto al CAST?

L: Cast è un'organizzazione che apprende; ascoltiamo e impariamo dai sopravvissuti che entrano nei nostri servizi. In un sondaggio condotto da Cast's National Survivor Network, oltre il 90% degli intervistati sopravvissuti ha riferito di essere stato arrestato e oltre la metà di tutti gli intervistati ritiene che il loro arresto sia direttamente correlato alla loro tratta. Il 40% dei 130 intervistati era stato arrestato 9 o più volte e solo 7 di quei sopravvissuti non erano mai stati arrestati. Anche dopo aver lasciato la loro situazione di tratta, una fedina penale può ancora permeare ogni altro aspetto della loro vita, compresa l'interdizione dall'edilizia popolare, le prestazioni sociali, la formazione professionale, l'occupazione e gli aiuti all'immigrazione.

La negazione di questi beni di prima necessità per la sopravvivenza crea vulnerabilità che possono sfociare in una nuova tratta. C'è una diffusa mancanza di consapevolezza e comprensione della criminalità forzata, che si verifica quando i sopravvissuti sono costretti dai loro trafficanti a commettere crimini o costretti a impegnarsi in un'industria criminalizzata. Dobbiamo aumentare l'istruzione sulla criminalità forzata e il suo impatto sui sopravvissuti, in particolare sui sopravvissuti di colore.

Non possiamo continuare ad affrontare la tratta di esseri umani in modo reattivo. Non possiamo continuare a presentarci ai sopravvissuti solo dopo che sono stati danneggiati. La tratta di esseri umani non sarà mai sradicata finché non reindirizzeremo le nostre risorse per rafforzare le nostre comunità. La protezione dei bambini inizia con la protezione proattiva dei genitori e delle famiglie. Il libero accesso all'alloggio, all'assistenza sanitaria, al reddito di base universale e all'immigrazione sicura sono tutte componenti necessarie per la prevenzione della tratta. È fondamentale che tutti noi ci muoviamo verso un quadro dei diritti umani e un approccio alla salute pubblica nei nostri sforzi contro la tratta che sia informato sul trauma e basato sull'evidenza e, soprattutto, incentrato sui sopravvissuti.

 

J: Dato che il disegno di legge conferisce a coloro che sono stati arrestati in base allo statuto di bighellonare il potere di riabilitare i loro nomi, come lo farebbero in pratica?

L: I servizi legali sono uno dei tanti programmi offerti secondo il modello olistico di Cast. I nostri avvocati trascorrono innumerevoli ore a lavorare per cancellare la fedina penale dei sopravvissuti che sono stati criminalizzati o costretti a commettere crimini dai loro trafficanti. Questo disegno di legge riduce l'onere per i sopravvissuti nel cancellare i loro registri di questa accusa. Crea la presunzione che la loro petizione debba essere approvata e non richiede un'udienza. Questo processo è semplificato e consentirà ai sopravvissuti di navigare nel sistema legale penale in un modo più informato sul trauma.

 

J: C'è qualcos'altro che vorresti aggiungere?

L: La tratta di esseri umani è un crimine atroce che colpisce individui di ogni provenienza e identità in tutto il nostro stato. Ciò richiede un'azione sulle disuguaglianze socio-economiche, i senzatetto, le disparità razziali, la violenza di genere, l'omofobia, l'abilismo, i problemi di immigrazione, l'instabilità politica, le crisi ambientali, & Di più. I sopravvissuti alla tratta di esseri umani non solo meritano l'accesso a alloggi sicuri, assistenza sanitaria, occupazione e immigrazione, ma anche a vivere in un mondo in cui lavoriamo insieme per prevenire la tratta di esseri umani, investendo nella cura continua delle nostre comunità.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Margherita Egger
Margherita Egger
3 mesi fa

Non riesco a trovare il link per firmare questa petizione. Spero che altri possano mostrare il loro sostegno nell'aumentare il numero di opinioni espresse per fermare ora queste leggi ingiuste.