La missione della stilista Louise Xin per combattere il lavoro forzato con la moda - FreedomUnited.org

La missione della stilista Louise Xin di combattere il lavoro forzato con la moda

  • Edizione del
    30 settembre 2022
  • Scritto da:
    Krista Bisnauth
  • Categoria:
    Attivisti contro la schiavitù, lavoro forzato
Banner eroe

Credito fotografico: Emma nonna

Louise Xin realizza abiti straordinari e unici che quasi fluttuano sulle passerelle con una qualità eterea. Xin è una stilista couture cinese-svedese che ha sfruttato la pandemia per realizzare il suo sogno di diventare una stilista. Come i suoi vestiti, i suoi metodi sono piuttosto unici. Xin è autodidatta e la sua linea è solo a noleggio. Ricicla più materiale possibile perché non può sapere al 100%" da dove viene la sua fibra e "se qualcuno dice di sì, per lo più sta mentendo ..." Ha anche fatto il suo debutto alla moda l'anno scorso con una presentazione in passerella digitale – protesta contro il lavoro forzato uiguro.

Tra una confezione colorata c'erano cartelli che condividevano l'impegno dello stilista per i diritti umani, tra cui uno striscione srotolato alla fine della passerella che dichiarava: "Free Uyghur: End All Genocide". Xin non usa mezzi termini.

Quello spettacolo è diventato virale, le è valso la copertina di Vogue Scandinavia e ha affermato Xin a livello internazionale come sostenitrice dei diritti degli uiguri. L'ha anche messa nei brutti libri del tabloid statale cinese, il Global Times. Xin, che ha lasciato la Cina quando aveva 10 anni, è certa di non poter tornare a casa a causa del suo lavoro. È spaventata ma non si tirerà indietro. “Non c'è niente che possa essere peggio di quello che stanno passando gli uiguri. Quello che sto passando, non puoi semplicemente confrontarlo... Se sacrifico la mia attività e il mio marchio, se questo può, in qualche modo, aiutare il popolo uiguro, sarei felice di farlo ancora e ancora".

Tra l'apprendimento del campi di detenzione per lavoro forzato nella regione uigura della Cina e il suo spettacolo di debutto, Xin ha agito più rapidamente e audacemente del governo degli Stati Uniti nel passare il Legge uigura sulla prevenzione del lavoro forzato ed le Nazioni Unite nel condividere la sua analisi della situazione nonostante prove schiaccianti.

Fedele alla sua parola, Xin ha fatto tutto il possibile per aiutare la causa uigura. Ha approvato il Call to Action della Coalition to End Uyghur Forced Labour e ha collaborato con gruppi di sostenitori come Freedom United per aumentare la consapevolezza del lavoro forzato uiguro nel settore tramite un social media finto video della pista con persone da tutto il mondo, inclusa la stessa Xin, che dicono no alla moda del lavoro forzato.

Quest'anno ha scambiato i colori e la sfilata digitale online con una collezione tutta bianca e una sfilata di persona che è stata trasmessa su 19 schermi in Svezia, Norvegia, Danimarca, Regno Unito, Paesi Bassi e Finlandia durante la Stockholm Fashion Week, grazie al generoso supporto del gigante dei media Ocean Outdoor. Questa collezione include un vestito dipinto a mano che ha 300 dei 3000 nomi delle vittime uiguri identificate dal trapelato File della polizia dello Xinjiang. Dopo la sfilata, ha partecipato a un panel sulla moda europea, i diritti umani e l'ambiente. Ha sfruttato l'opportunità per invitare le aziende a rimuovere tutti i potenziali punti di contatto del lavoro forzato dalle loro catene di approvvigionamento.

Xin è stata invitata a esporre la sua collezione a Parigi ea prendere parte a un panel di follow-up per continuare la conversazione iniziata a Stoccolma.

Prima di partire, tuttavia, si è seduta con Freedom United per condividere un po' della sua missione e della speranza per il futuro.

KB: Cosa ti ha spinto a parlare della questione del lavoro forzato uiguro?

 

SX: Ho scoperto la tragica notizia del genocidio in corso nella regione uigura in Cina. E dato che anch'io sono cinese, è stato qualcosa che è diventato davvero, davvero personale. E una volta ho scoperto anche il legame tra moda e genocidio: 1 capo di cotone su 5 è contaminato dal lavoro forzato uiguro che è diventato davvero qualcosa che mi sta molto a cuore, qualcosa che ho deciso di difendere.

 

A quel tempo non avevo idea di come: ero una nuovissima startup designer che sta ancora cercando di capire come 1) fare vestiti, guadagnarmi da vivere e farmi strada nell'industria della moda. Allo stesso tempo, 2) affrontare qualcosa che è stato davvero difficile... L'anno scorso per la mia sfilata di debutto l'ho dedicata ai diritti umani e ho usato la moda come piattaforma per sostenere questo particolare problema. È diventato virale e dall'oggi al domani sono diventato un attivista per i diritti umani! Ricordo l'articolo di Vogue Scandinavia su di me che diceva che avevo fatto qualcosa di politico. I era tipo, no, no, non so niente di politica. Non so nemmeno cosa siano la destra e la sinistra nello spettro politico. Per me, tutto questo riguarda i diritti umani.  Per me, è solo il semplice fatto che semplicemente non possiamo parlare di sostenibilità, ma comunque trarre profitto dalla sofferenza umana.

 

KB: Un grosso problema nel settore della moda sono queste catene di approvvigionamento molto complesse dove, sai, non è solo, per esempio, il marchio X, se vuoi dire, Urban Outfitters o Zara, non si limitano a confezionare i vestiti da soli in Spagna o negli Stati Uniti. C'è un intero sistema complicato in base al quale hanno fornitori che ottengono il loro cotone, e poi che mandalo altrove e poi i vestiti sono fatti e poi quello arriva qui e finisce nei negozi negli Stati Uniti e in Europa e così via e ovviamente quando il sistema è così complesso e ci sono molte opportunità di sfruttamento. In quest'ottica, puoi raccontarmi un po' come lavori come stilista e come crei i tuoi vestiti?

LX: Sì, quindi il mio obiettivo è lavorare al 100% solo con tessuti riciclati e non disponibili, per eliminare l'acquisto di nuovi materiali a 0. Ed è davvero difficile perché lavoro con abiti couture, quindi significa che, ad esempio, un vestito può essere fino a 50 metri di tessuto. Quando lo faccio è piuttosto difficile trovare la stessa quantità di tessuto nello stesso motivo e negli stessi colori, quindi gran parte è di seconda mano e riciclato. E acquisto anche del nuovo materiale. Il motivo per cui ho sostenuto che questo divieto [dell'Unione Europea] di lavoro forzato avvenga è perché io stesso posso dire onestamente che non conosco al 100% la mia catena di approvvigionamento. Realizzo a mano tutti i vestiti. Non ho un team di produzione, ma ancora non so da dove provenga la mia fibra e se qualcuno te lo dice, per lo più mente perché è come hai detto tu: il sistema che abbiamo da decenni, è esternalizzare tutto. Stiamo cedendo il controllo delle nostre catene di approvvigionamento.

KB: Cosa ne pensi del nuovo Proposta di divieto di importazione dell'Unione Europea?

LX: Ad essere onesto con te, la recente sfilata di moda è stata totalmente dedicata a questo. Quindi, il tema era "Una svolta". Quello che volevo fare è reimmaginare un nuovo inizio in cui la moda può continuare a prosperare, ma non più a costo dell'ambiente... Credo davvero che dobbiamo voltare pagina e rifare il modo in cui abbiamo fatto la moda, il modo in cui 'ho lavorato in tutto il settore e questo divieto di lavoro forzato cambierà il gioco una volta per tutte.

I marchi non avranno altra scelta che riformarsi e questo cambiamento ci serve. Il cambiamento può essere doloroso per molte persone, ma penso che per la sostenibilità a lungo termine del nostro settore e anche per noi, come sapete, clienti, sia vitale. Dico sempre che questo è un atto legislativo importantissimo.

Perché è come se la schiavitù non fosse mai finita. Ha appena cambiato forma e più persone nel mondo che mai ne stanno soffrendo, a seconda di come lo si conta, come se 50 milioni di persone in tutto il mondo stessero soffrendo per la schiavitù moderna, che è il numero più alto mai registrato nella storia dell'umanità. E non ci pensiamo. Pensiamo che, oh, sia qualcosa che accade, sai, in un altro secolo. Ma non è vero. Sta succedendo proprio davanti ai nostri occhi. Ma questa volta, a causa della globalizzazione, a causa della nostra tecnologia, possiamo vederlo. E attraverso un computer, attraverso i nostri telefoni, possiamo vedere cosa sta succedendo dall'altra parte del mondo. Non possiamo più dire, oh, non sapevamo che stava succedendo. Lo sappiamo. Quindi dobbiamo anche assumerci la nostra responsabilità.

KB: Hai qualche consiglio per altri stilisti o altri marchi di moda su come parlare di questioni come questa?

LX: Un mio amico ha detto qualcosa di veramente buono. Ha detto che è molto costoso dire la verità oggi. Ma poi ha detto: ma sarebbe meno costoso se più persone lo facessero. E questo credo davvero che sia vero. Ho preso una decisione molto tempo fa prima ancora di farlo. Sono entrato nel settore sapendo che è un settore molto problematico con il modo in cui non solo distruggiamo l'ambiente, il modo in cui distruggiamo anche la fiducia in se stessi di molti giovani, in particolare le donne, e ho deciso che posso entrare nel settore e lascia che mi cambi come persona, o posso cambiare it – e lascialo un po' meglio di come l'ho trovato.

E credo anche che tutto riguardi la priorità. Cosa fai cosa fai? Quali sono i tuoi valori? Qual è la cosa più importante per te? È profitto o è umanità?

Quindi si tratta davvero di chiederti, cosa faresti se fossi qualcun altro? Cosa faresti se fosse davvero qualcuno che conosci che si trova in un campo di concentramento a produrre i tuoi vestiti?

KB: Cosa diresti dell'argomento secondo cui alcuni marchi potrebbero dire che il divieto di importazione dell'UE o negli Stati Uniti la legge uigura sulla prevenzione del lavoro forzato è dannosa per le imprese o la produzione costa loro di più, sai, perché, per poter tagliare i legami con la regione uigura, sarà molto costoso per loro. Alcuni di loro potrebbero dire che falliranno. Cosa diresti a questo?

LX: Il problema è che il sistema stesso è difettoso. Il sistema stesso non funziona e quando hai un sistema che non funziona, non è sostenibile. È solo questione di tempo prima di quel crollo, quindi è meglio cambiare il sistema dalla radice e renderlo buono dall'inizio.

Questo è qualcosa che anche i clienti richiederanno. I clienti sono più che mai consapevoli della sostenibilità, dei problemi dei diritti umani e più le persone si rendono conto che l'unico motivo per cui il fast fashion può essere così economico è perché qualcun altro sta pagando il prezzo. E quel giorno in cui arriverà, quando i tuoi clienti si renderanno conto che i tuoi prodotti non sono etici... perderai tutto, quindi non importa se vuoi guardarlo da una prospettiva aziendale o umana. L'unico modo per procedere è rifare l'intero sistema.

KB: Una cosa che ci viene detta a Freedom United, a causa delle nostre campagne – e abbiamo diverse azioni da intraprendere per i sostenitori, incluso scrivere ad alcuni marchi di moda, firmare una petizione per chiedere al governo cinese di porre fine alla detenzione per lavoro forzato campi e così via – uno dei messaggi che continuiamo a ricevere è che la gente pensa che questo significhi che siamo contrari alla Cina anche se i nostri messaggi sono diretti ai grandi marchi che traggono profitto da questo sistema di lavoro forzato o allo stato cinese che gestisce il sistema del lavoro forzato. Sei in una posizione unica perché sei cinese. Puoi parlare di come la lotta al lavoro forzato uiguro non sia collegata al sentimento anti-cinese?

LX: Il motivo per cui lo sto facendo non è perché odio il mio paese. È il contrario. Amo il mio paese. Amo le persone nel mio paese ed è per questo che lo faccio perché... sono molto orgoglioso della mia eredità cinese con la sua storia culturale molto, molto lunga di belle arti e poesie. Abbiamo la seta, abbiamo la porcellana, abbiamo dei bei prodotti artigianali – questo è ciò che è “made in China”. Quindi, non voglio che il mondo ci ricordi come un paese antiumano che produce plastica a buon mercato. Non voglio che passiamo alla storia in quel modo. “Made in China” non dovrebbe essere qualcosa di male.

È anche richiesta. È molto facile per noi come clienti dire, oh, sono cinesi, sono una dittatura. Ma…finché ci sarà domanda qui in Occidente per questo tipo di beni molto economici, continueranno ad esserci persone che soffriranno per produrre questi beni. Quindi, non si tratta di puntare il dito contro un paese o uno stato, ma piuttosto contro un sistema che non funziona.

Stiamo parlando di persone che stanno attraversando un genocidio. Stanno facendo i nostri vestiti. Vogliamo consumarlo?

…abbiamo il potere come consumatori, come marchi, collaborando con la Cina, abbiamo un potere immenso per rivendicare l'umanità e i diritti umani.

Ma lo stiamo regalando proprio a causa della nostra avidità, perché vogliamo avere le cose più economiche, vogliamo avere i maggiori profitti. Ecco perché stiamo perdendo il nostro potere di fare cose davvero giuste, giuste le cose sbagliate, giuste. Ed è così importante capire che abbiamo il potere di fare un cambiamento. Ma abbiamo troppa paura e siamo troppo avidi...

Ma se vogliamo unirci come un collettivo, saremo in grado di farla finita. Ed è qualcosa che dobbiamo capire: che non importa quanto potente sia una dittatura o un governo. Il potere unito delle persone sarà sempre più forte, ed è qualcosa che dobbiamo realizzare. L'amore e la comprensione saranno sempre più forti dell'odio. Ma è per questo che dobbiamo farlo insieme. Ho sicuramente grandi speranze per il futuro... È la nostra risposta collettiva ed è anche qualcosa che dico sempre che è mio dovere come persona cinese porre fine a tutto questo.

Puoi unirti a Louise Xin e agli oltre 88,000 membri della comunità Freedom United che hanno chiesto la fine del lavoro forzato uiguro tramite agire oggi!

La sezione settimana

Bloccata l'approvazione del CSDDD – diritti umani in pericolo

Quella che poteva essere una giornata da festeggiare, si è trasformata in una giornata piena di delusioni. Il 28 febbraio 2024, il Consiglio Europeo ha bloccato la Direttiva Corporate Sustainability Due Diligence (CSDDD) dopo che il voto era stato rinviato a causa di un sostegno insufficiente, come riportato da Reuters. Tredici dei 27 Stati membri hanno votato contro la legge o si sono astenuti dal voto, lasciando la “maggioranza qualificata” di 15 paesi a meno di uno. Una cronologia di

| Mercoledì 28 febbraio 2024

Leggi di più