Nonostante sia stata messa fuori legge, la schiavitù per debiti affligge la forza lavoro indiana

Nonostante sia stata messa fuori legge, la schiavitù per debiti affligge la forza lavoro indiana

  • Edizione del
    Dicembre 10, 2023
  • Immagine della fonte di notizie
  • Categoria:
    Schiavitù per debiti, lavoro forzato
Banner eroe

Notizie NPR racconta la storia di Shanta Bai, una contadina dell’India rurale, che è stata rinchiusa in un pollaio per una settimana dal suo datore di lavoro, insieme ad altre donne, per assicurarsi che il prestito che aveva ricevuto fosse ripagato attraverso il lavoro forzato. La servitù per debiti è considerata una forma di lavoro forzato perché i lavoratori sono spesso costretti a lavorare in termini e condizioni di sfruttamento, tra cui violenza, fame e, nel caso di Shanta, reclusione in condizioni estremamente disumane.  

Pratiche repressive e leggi non applicate portano alla schiavitù moderna 

La pratica del lavoro forzato in India risale a secoli fa ed è mantenuta in vigore da ciò che resta della gerarchia delle caste. La gerarchia delle caste è stata messa fuori legge molti anni fa, ma tacitamente esiste ancora e impedisce ai membri delle caste inferiori di accedere all’istruzione o di trovare lavori che paghino salari equi e non costituiscano sfruttamento. Anche il lavoro forzato è stato messo al bando oltre 30 anni fa, ma non è stato effettivamente eliminato, soprattutto nelle zone rurali. Secondo l’ILO, le comunità già emarginate dal sistema delle caste e che vivono in povertà sono particolarmente vulnerabili a questa forma di schiavitù moderna. 

Jairam, il marito di Shanta, anche lui tenuto prigioniero in una stalla nella stessa proprietà, ha detto: 

“Ci davano solo un po’ di riso e acqua, una volta al giorno, il posto in cui eravamo tenuti era sporco. Ci ha anche portato via il telefono in modo che non potessimo chiedere aiuto”. 

Jairam e Shanta furono infine liberati dal figlio che pagò il loro debito stipulando un contratto di lavoro vincolato con un altro datore di lavoro. Purtroppo questa pratica di schiavitù per debito intergenerazionale è molto comune anche tra i poveri in India. Tuttavia, dal momento che questo tipo di lavoro è stato tecnicamente messo al bando, ottenere un numero reale di quanti soffrono a causa di questo tipo di lavoro forzato è difficile. La polizia di stato ha segnalato nel 2021 un totale di 2,235 casi di lavoro forzato registrati in India nel 2021. Sulla base dei dati aneddotici raccolti dal Center of Indian Trade Unions, i casi non denunciati sono significativamente più alti, forse anche più di 1.1 milioni, e quasi 40 % sono donne. 

Il circolo vizioso  della schiavitù per debiti

Il cambiamento climatico sta anche aumentando il numero di persone costrette a sottostare alla schiavitù del debito. Quando i raccolti degli agricoltori falliscono a causa della siccità o delle inondazioni, i lavoratori agricoli non hanno altra scelta se non quella di lasciare le proprie case e recarsi in qualsiasi luogo in cui possano guadagnarsi da vivere. Ciò significa spesso accettare condizioni di lavoro forzato e vincolato. 

Kamala Bai ha trascorso quasi cinquant'anni lavorando nelle fabbriche e nei campi di canna da zucchero insieme a lavoratori come Shanta e Jairam.  

Bai dice: 

 "Non c'è una famiglia qui [nella loro comunità] che non abbia subito qualche forma di sfruttamento, alcuni sono stati addirittura costretti al suicidio per sfuggire al ciclo di debiti in cui erano bloccati,"  

A 60 anni, Bai è una veterana del sistema di schiavitù per debiti, ma è anche una leader nella sua comunità per il cambiamento. Bai ha mobilitato i lavoratori della sua comunità per chiedere riforme del lavoro, quali salari migliori e trattamenti dignitosi. Bai sta lavorando con altri attivisti della zona, imparando a conoscere i suoi diritti di lavoratrice e guidando regolarmente gruppi di braccianti agricoli e donne alle proteste presso l’ufficio locale del dipartimento del lavoro del governo. Freedom United applaude queste azioni di base e si schiera al fianco dei lavoratori attivisti come Bai, che si sollevano per chiedere un trattamento umano e la libertà dalla schiavitù moderna, non solo in India, ma ovunque.  

Iscriviti

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività ed rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

Notifica
ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti

La sezione settimana

Il “Patto sulla migrazione” che potrebbe significare la fine dei diritti umani nell’Ue

Dopo quasi un decennio di deliberazioni, il Parlamento europeo ha recentemente approvato una revisione radicale delle norme dell’Unione europea in materia di asilo e migrazione con il cosiddetto “Patto sulla migrazione” che, secondo i sostenitori, porterà ad un aumento delle violazioni dei diritti umani, compreso lo sfruttamento estremo. Secondo Al Jazeera, figure di spicco dell’UE come il cancelliere tedesco Olaf Scholz e il commissario europeo per gli affari interni Ylva Johansson credono in queste riforme

| Mercoledì aprile 10, 2024

Per saperne di più