Rimuovi l'azione di Ban MP - FreedomUnited.org

Revoca il divieto: dai ai sopravvissuti il ​​diritto di lavorare e vivere dignitosamente

Guarda le persone per le strade di Londra condividere i loro pensieri su come garantire alle persone in cerca di asilo il diritto al lavoro.

Invece di concentrarti sul loro recupero, l'attuale sistema del Regno Unito significa dopo aver lasciato le situazioni di schiavitù moderna, alcune vittime vengono nuovamente sfruttate. Questo perché la loro unica opzione è chiedere asilo nel Regno Unito, il che impedisce loro di lavorare e andare avanti con le loro vite.

Stiamo già facendo una campagna per sollecitare il governo a introdurre una nuova legge per garantire il supporto per 12 mesi, ma nel frattempo, vittime di schiavitù moderna che attraversano il sistema di asilo rischiano di essere nuovamente oggetto di tratta e sfruttamento in condizioni di schiavitù moderna da parte di datori di lavoro senza scrupoli che utilizzano lo stato di immigrazione precaria delle vittime e le minacce di denunciarle alle autorità come mezzo di controllo.

Ecco perché ci siamo uniti a una coalizione di organizzazioni che chiedono al governo del Regno Unito di consentire alle persone in cerca di asilo il diritto di lavorare, responsabilizzare le vittime ad essere indipendenti e in grado di concentrarsi sul recupero, invece di fare affidamento su il magro pagamento di sussistenza del governo di £ 39.60 a settimana.

Nel 2019, il governo del Regno Unito ha abbandonato l'obiettivo di emettere decisioni iniziali sui reclami entro sei mesi.1 Oggi, solo un terzo delle domande di asilo riceve una decisione iniziale entro un anno.2

Durante questo periodo, il fatto di non poter lavorare e costretto a fare affidamento su un sostegno governativo di soli 5.65 sterline al giorno per sopravvivere lascia le persone in cerca di asilo vulnerabili allo sfruttamento.

Dopo che una persona ha atteso per oltre un anno il proprio status di asilo, può richiedere il diritto al lavoro, ma anche in questi casi, gli individui sono limitati a in cerca di lavoro dalla lista governativa di carenza di occupazione. Lavori professionali altamente qualificati in questa lista che include "ballerino classico" e "praticante di medicina nucleare" significa che per la maggior parte delle persone in cerca di asilo è impossibile trovare un lavoro per il quale si qualificano.3

Per le vittime di traffico che chiedono asilo sulla base del fatto che lo è non è sicuro tornare al loro paese di origine, l'incapacità di lavorare e nessun mezzo legale per un adeguato sostegno finanziario può influenzare seriamente le loro possibilità di recupero e può anche portare a ritrasferire il traffico.

I trafficker utilizzano questa vulnerabilità e paura di essere denunciati alle autorità per intrappolare le persone in condizioni di lavoro di sfruttamento e costituisce la base su cui sono in grado di sfruttare i lavoratori in lavoro forzato attraverso le trattenere salari, abusi, minacce e limitare il movimento delle persone. Pochissimi casi vengono denunciati alla polizia per timore di deportazione.

Pascual, Frank, John, Asanne, Gojo, Parviz e Tino hanno tutti esperienza trattenere il salario.

Tino ha incontrato un contatto nella sua chiesa che è riuscito a trovarlo a lavorare su un sito di costruzione. Tino ha lavorato duramente per nessuna paga e alla fine ha affrontato il responsabile del sito per chiedere il suo stipendio solo per scoprire che il contatto di Tino era stato pagato, non lo stesso Tino.

Ha detto Tino "Quindi, quando ha scoperto che ... sono io a contattare quella società, ora mi stava minacciando ... Dicendo che mi avrebbe preso, dirà al Ministero degli Interni che ho lavorato illegalmente quando non mi è permesso lavorare. "4

Pasquale lavorato in lavorazione del pollame e ha descritto la sua esperienza, “Stiamo zitti, non abbiamo detto niente, ci hanno detto la prima settimana che il sistema in Gran Bretagna non paga. Quindi ti pagheremo la settimana successiva e abbiamo accettato ... ogni giorno continuiamo a fare lo stesso lavoro e non è un lavoro facile perché questo è uccidere, uccidere il corpo. Un sacco, un sacco di polli immaginano al minuto che devi imballare molto velocemente altrimenti loro, vengono e ti urlano anche se non stai andando molto bene. "5

Attraverso il divieto di lavorare alle persone in cerca di asilo, il Regno Unito lo è in ritardo rispetto agli standard internazionali e mettere a rischio le persone traffico e sfruttamento attraverso la povertà prolungata. La politica di attesa di un anno del Regno Unito è la più rigorosa in Europa e non è in linea con nessun altro paese europeo.6 Le persone che chiedono asilo in altri paesi europei aspettano da un giorno a 9 mesi prima di ottenere il diritto al lavoro, con la maggior parte dei paesi europei che concede il diritto di lavorare in sei mesi o meno. In Svezia, i richiedenti asilo hanno il diritto di lavorare dopo un solo giorno di ingresso nel paese.

Tu, la nostra comunità, ci hai detto che sostieni fortemente il diritto dei richiedenti asilo al lavoro, con l'89% degli intervistati che concorda con l'introduzione di una legge per revocare il divieto al diritto di lavorare dei richiedenti asilo in attesa dell'esito della loro richiesta.7

Insieme possiamo dimostrare al Regno Unito che sosteniamo i sopravvissuti schiavitù moderna e che dovrebbero garantire alle persone in cerca di asilo il diritto di lavorare e vivere con dignità.

Guarda Catherine nominare molte ragioni per cui il Regno Unito dovrebbe revocare il divieto in un solo minuto!

  • Ottobre 2021: L'Alta Corte ha stabilito che la politica del Ministero degli Interni che limita il diritto al lavoro dei richiedenti asilo è illegale. Ciò avviene dopo che un alto funzionario del governo ha dichiarato che il Ministero degli Interni non sta rivedendo il divieto al loro diritto al lavoro, contraddicendo la politica del governo. Per saperne di più qui.

  • Ottobre 19, 2020: Mercoledì 21 ottobre ci stiamo preparando per consegnare la petizione all'Home Office del Regno Unito. Firma la petizione oggi e assicurati che il tuo nome sia incluso!

  • Luglio 30, 2020: Il rapporto aggiornato di Lift The Ban è ora disponibile per leggi qui. Freedom United si unisce a oltre 200 organizzazioni che chiedono al Regno Unito di usare il buon senso e di garantire a tutte le persone in cerca di asilo il diritto al lavoro.

  • Giugno 8, 2020: Il ministero dell'Interno britannico ha annunciato un aumento quasi trascurabile di appena 1.85 sterline a settimana per sostenere le persone in cerca di asilo. Questo non fa nulla per sostenere le persone che affrontano la miseria. Continuiamo a chiedere che il Regno Unito #LiftTheBan immediatamente.

  • Aggiornamento COVID-19: mentre il Regno Unito si affretta ad affrontare la pandemia di coronavirus, si stanno creando reti di sostegno e di aiuto per i richiedenti asilo "Ridimensionato" rendendo il piccolo sussidio governativo di 5 sterline che ricevono ancora più inadeguato. Le moderne vittime della schiavitù a cui viene impedito di lavorare mentre cercano asilo sono sempre più vulnerabili.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Annie Bevis
Annie Bevis
9 mesi fa

Queste persone non sono criminali. Sono migranti. Differenza enorme. Meritano di farlo

lorenzo forrester
lorenzo forrester
7 mesi fa

Purtroppo, il rifiuto di consentire ai rifugiati di lavorare fa parte dell'"ambiente ostile" che Patel e Johnson mantengono. Obbligando i richiedenti asilo a vivere grazie a miseri sussidi e a subire l'umiliazione della povertà, sperano di scoraggiare ulteriori migrazioni. La strategia ricorda da vicino quella del sistema Workhouse del XIX secolo in cui coloro che erano veramente disperati erano costretti a sopportare le circostanze più dolorose e umilianti per dissuadere gli altri dal voler entrare nelle "Bastille".

Chiedi al tuo parlamentare di supportare le chiamate per sollevare il divieto!

 

Passo 1: Trova l'handle Twitter e l'indirizzo e-mail del tuo MP digitando il tuo codice postale qui.

Passo 2: Copia e incolla il messaggio qui sotto nella tua e-mail per inviare un messaggio al tuo MP.

Passo 3: Non dimenticare di farci sapere che hai agito entro compilando il modulo sottostante il modello di email!

 

Gentile parlamentare [inserire nome],

Scrivo in qualità di elettore convinto che le persone che chiedono asilo nel Regno Unito debbano essere trattate con dignità. Molte persone nel sistema di asilo sono costrette ad aspettare mesi e spesso anni per una decisione sulla loro richiesta di asilo, e credo che sia fondamentale che a queste persone venga concesso il permesso di lavorare in modo che siano in grado di mantenersi ed evitare la miseria mentre vivono qui.

Per i sopravvissuti alla tratta che chiedono asilo perché non è sicuro tornare nel loro paese di origine, l'incapacità di lavorare e la mancanza di mezzi legali per un adeguato sostegno finanziario possono influire seriamente sulle loro possibilità di recupero.

La campagna Lift the Ban chiede che il diritto al lavoro sia concesso ai richiedenti asilo e ai loro familiari adulti a carico dopo sei mesi dalla presentazione di una richiesta di asilo o di un'ulteriore presentazione, non vincolata dalla Shortage Occupation List.

La campagna ha recentemente pubblicato una nuova ricerca che mostra come l'abolizione di queste restrizioni avvantaggerebbe le persone in cerca di asilo e il Regno Unito in modo più ampio.

La campagna Lift the Ban ha dimostrato che la politica è supportata dal 81% del pubblico del Regno Unito e:

  • produrre una spinta economica stimata di 97.8 milioni di sterline attraverso maggiori entrate fiscali e risparmi sui pagamenti di sostegno per l'asilo
  • consentire alle persone di vivere dignitosamente e sostenersi utilizzando le competenze e l'esperienza già acquisite (il 94% degli intervistati da Lift the Ban ha dichiarato di voler essere in grado di lavorare e il 45% ha riferito di aver avuto precedenti occupazioni che rientrerebbero nel categoria di 'lavoratore critico' durante la pandemia di Covid-19)
  • migliorare la coesione della comunità, rafforzando le possibilità delle persone di essere in grado di integrarsi nelle loro nuove comunità

Nonostante tutto ciò, il Ministero degli Interni ha la politica in revisione da dicembre 2018, senza fine in vista. Come elettore, le chiedo se sosterrà questa importante campagna e scriverà al ministro degli Interni per chiedere una riforma urgente.

Aiuterai?

Cordiali saluti,

[Inserisci nome]

Hai completato questa azione?
Non
Freedom United lo farà proteggere la tua privacy mentre ti aggiorno su campagne, notizie e storie sulla schiavitù moderna.

Attività recenti

  • BRENDA L.,
  • Ed.D.,
  • Ralf K.,
  • William S.,
  • Giacomo P.,
  • Irene G.,
  • Heritiana R.,
  • Nina M.,
  • Ruth W.,
  • fede i.,

Partner della campagna

Invia ad un amico