Fiore Giovanni

Le cicatrici della persecuzione: il mio viaggio personale

1
attivisti

Fiori Giovanni è nato in Eritrea ed è scampato a un matrimonio combinato d'infanzia a soli 12 anni. A 15 anni è fuggita dall'esercito eritreo e ha compiuto un viaggio straziante attraverso la Libia e il Mediterraneo, da sola. Questa è la sua storia:

La schiavitù moderna è un male del 21 ° secolo che è una realtà quotidiana per milioni di persone in tutto il mondo. Per coloro che sono attualmente schiavi, è una vita piena di terrore, dolore, sofferenza e disperazione. E coloro che scappano, affrontano una lunga lotta interna per guarire dal dolore e dal trauma che è sempre presente nella nostra vita.

Dico le "nostre" vite perché conosco questa lotta in prima persona. Sono ancora nel mio viaggio di tutta la vita per guarire dal trauma del mio passato. So come ci si sente a essere emarginati e scartati. So come ci si sente a essere sputato e insultato semplicemente per il colore della mia pelle. So come ci si sente a perdere un fratello perché i governi ei loro cittadini scelgono di ignorare la sofferenza e la persecuzione di altri esseri umani.

Durante la mia infanzia in Eritrea, ero una ragazza entusiasta, piena di domande e passione per l'apprendimento. Volevo più di ogni altra cosa avere un impatto positivo sul mondo. Poi è arrivata la guerra. A 15 anni sono fuggito dall'Eritrea e dal potenziale pericolo in cui avrei potuto trovarmi a causa della guerra e sono fuggito dalla mia patria - da solo.

Dopo un po 'di tempo in Sudan, all'inizio del 2002 sono arrivato in Libia attraverso il deserto libico - l'unico modo per cui sapevo che non richiedeva documenti legali o molti soldi. Tuttavia, le cose sono peggiorate rapidamente. Molti libici non hanno nascosto il loro odio per la mia origine etnica. Sono stato regolarmente insultato, minacciato e fatto sentire meno che umano. La gente mi fissava, imprecava, sibilava, imprecava e grugniva contro di me.

Un giorno, un uomo mi ha sputato addosso e oggi - 17 anni dopo, mentre sono seduto nel mio appartamento con la mia giovane famiglia a Melbourne, in Australia - Posso ancora sentire com'è stato asciugare la sua saliva. Posso ancora sentire l'umiliazione. Posso ancora sentire la disperazione. Posso ancora sentire la vergogna che distrugge l'anima che gridava "non vali".

Alla fine sono scappato anche dalla Libia e ho attraversato il Mediterraneo per entrare in Italia. C'erano 15 maschi e tre femmine stipati nel minuscolo gommone. Dopo 16 ore in mare, è diventato chiaro che ci eravamo persi. Abbiamo spento il motore per risparmiare benzina e siamo andati alla deriva senza meta. Abbiamo guardato e aspettato altre barche. Le ore passavano e le nostre scorte diminuivano.

Poi, proprio quando avevo accettato la mia inevitabile morte, abbiamo avvistato una barca della Guardia Costiera italiana e poi un aereo in testa. Ci stavano scattando delle foto per assicurarsi che non fossimo una minaccia. Abbiamo salutato e festeggiato con gioia, ma quando si sono resi conto che non avevamo armi, che non eravamo un nemico, l'aereo è volato via e la barca della guardia costiera è tornata indietro. Abbiamo cercato di bloccare la guardia costiera con la nostra barca e li abbiamo implorati di portarci a bordo. Inizialmente ci hanno detto di andarcene, ma dopo che abbiamo continuato a bloccarli, alla fine hanno ceduto. Per fortuna, non potevano condannare a morte altri esseri umani.

Mio fratello minore non è stato così fortunato. Tentando lo stesso viaggio nel 2007, mi ha chiamato dal centro dell'oceano chiedendo aiuto. La guardia costiera italiana li ha fotografati come hanno fatto con me. L'hanno persino pubblicato online, affermando che 54 rifugiati stavano cercando di attraversare l'Italia, ma non hanno fatto nulla per salvarli. Li hanno lasciati bloccati in mezzo al mare. Di conseguenza, la sua barca è scomparsa e mio fratello non è mai stato trovato.

uomo eritreo

Il fratello di Fiori

Oggi è una statistica. Questi numeri vengono recitati all'infinito durante le riunioni e nei media. Ma era una persona. Aveva speranze e sogni. Amava ed era amato. E adesso mi addolora ancora per lui. Oggi ha una figlia di 11 anni che non ha mai incontrato.

Credo che le persone schiavizzate in Libia oggi si stiano chiedendo "perché il mondo sta guardando e non fa nulla al riguardo?" Quando vediamo qualcosa e non diciamo nulla, siamo cattivi quanto le persone che stanno commettendo il crimine. È tempo non solo di codificare i crimini contro l'umanità, ma anche di rispettare i diritti umani alla lettera. Spero che le persone smettano di ossessionarsi su ciò che Kim Kardashian indossa e si concentrino maggiormente su ciò che sta accadendo nel mondo e, cosa più importante, su ciò che ognuno di noi potrebbe fare al riguardo. Come esseri umani, abbiamo l'obbligo di prenderci cura gli uni degli altri. Non dovremmo solo parlare di diritti umani, ma camminare sulla via dei diritti umani.

Questo è il motivo per cui il lavoro di Freedom United è così importante. Dobbiamo cogliere ogni occasione per ricordare alle persone che le vittime della schiavitù e della persecuzione non sono solo numeri e statistiche. Sono molto, molto di più. We sono più di questo.

Agisci: chiama a chiudere i mercati degli schiavi libici

Siamo esseri umani. Proviamo terrore e disperazione. Ridiamo e piangiamo. Abbiamo sogni per il nostro futuro e abbiamo speranze per i nostri figli. Vogliamo vivere in pace. Vogliamo costruire un futuro. E ci addoloriamo per coloro che sono rimasti indietro.

È così che dimostriamo che le esperienze che io e molti altri abbiamo vissuto sono inaccettabili.

È così che onoriamo coloro che non ce l'hanno fatta.

È così che salviamo coloro che stanno ancora soffrendo.

È così che cambiamo il mondo.

Fiore Giovanni

 

I mercati degli schiavi stanno fiorendo in Libia, mettendo ogni anno migliaia di migranti e rifugiati a rischio di schiavitù. Freedom United sta attualmente conducendo una campagna per elevare le voci dei sopravvissuti attraverso la loro "La mia storia, la mia dignità" campagna, oltre a sostenere una campagna fine alle moderne condizioni di schiavitù in Libia.

A proposito di Fiori Giovanni

Fiori Giovanni è un oratore principale, autore ed executive coach. Aiuta i suoi clienti a riprendere il controllo delle loro vite per avviare un cambiamento positivo e sviluppare capacità, chiarezza e concentrazione. Giovanni è nato in Eritrea ed è scampato a un matrimonio infantile combinato a soli 12 anni. A 15 anni è fuggita dall'esercito eritreo e ha compiuto da sola una straziante traversata del Mediterraneo. Dopo aver trovato rifugio in Italia, il suo viaggio l'ha portata in Belgio e poi in Australia dove ha costruito una carriera di successo come executive coach, speaker e continua a dedicarsi ad aiutare gli altri a superare le loro sfide per vivere una vita di loro scelta. www.fiorigiovanni.com

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Richard Jackson jr.
Richard Jackson jr.
3 anni

Trasmettiamo al mondo quanto siamo liberi. Dovremmo essere così sorpresi allora quando le persone perseguitate vogliono venire qui? Se non li vogliamo qui, dovremmo chiudere la bocca e smetterla con le nostre spacconate.