Quanto è accurato il rapporto TIP 2021?

Quanto è accurato il rapporto TIP 2021?

0
Tratta di esseri umaniAltra schiavitù

L'influente rapporto del 2021 sul traffico di persone negli Stati Uniti (TIP) è stato pubblicato la scorsa settimana e condividiamo la nostra prospettiva sulle classifiche di quest'anno. Il rapporto TIP è uno strumento importante per coinvolgere i governi mondiali sulla questione della tratta, con l'obiettivo di ritenere i paesi responsabili delle loro azioni per affrontare, o addirittura esacerbare, la tratta di esseri umani.   

Il sostegno e la campagna di Freedom United ci dicono che non tutto è come sembra nel rapporto di quest'anno. Ma quali paesi sono stati giustamente chiamati in causa per i loro scarsi sforzi per contrastare la tratta e quali paesi rimangono ingiustamente al primo posto?  

I paesi sono classificati in quattro livelli nel rapporto globale del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Fornisce un'istantanea degli sforzi dei paesi in materia di persecuzione, protezione e prevenzione della tratta.  

Tuttavia, il sistema di classificazione - da Tier 1, Tier 2, Tier 2 watchlist e Tier 3 - funziona anche come strumento politico con ramificazioni per i paesi di livello 3 con le prestazioni più scarse. I paesi classificati al livello più basso devono affrontare sanzioni economiche poiché il governo degli Stati Uniti potrebbe decidere di non fornire più assistenza economica non umanitaria e non legata al commercio estero. Nel corso degli anni abbiamo visto paesi scarsamente classificati, in particolare quelli in cui si verificano lavoro forzato e tratta sanzionati dallo stato, confutare qualsiasi critica. 

Tuttavia, le narrazioni dettagliate dei paesi aiutano a chiarire il contesto globale contro la tratta e ad evidenziare le aree chiave di interesse per il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Quest'anno siamo particolarmente incoraggiati a vedere problemi come i membri del La vulnerabilità alla tratta della comunità LGBTQ+, il legame tra razzismo sistemico e tratta, il sistema kafala, e lavoro forzato sistematico nella regione uigura della Cina menzionati come questioni chiave – alcune per la prima volta – che riflettono il lavoro ei valori di difesa di Freedom United.  

Ecco i nostri takeaway da 5 dei paesi in cui facciamo campagna: 

  1. Stati Uniti
  2. Malaysia
  3. Cina
  4. Regno Unito
  5. Libano

 

1. Gli Stati Uniti sono al primo posto mentre la schiavitù è ancora legale nella loro costituzione its  

 Gli Stati Uniti continuano a mantenere la loro posizione di primo piano mentre la schiavitù e la servitù involontaria rimangono legali a seguito del 13th Emendamento. Il rapporto TIP rileva che Le ONG, come Freedom United, hanno riferito che le carceri e le strutture di detenzione hanno minacciato i detenuti o i detenuti con azioni disciplinari se si fossero rifiutati di lavorare. Quindi non crediamo che gli Stati Uniti soddisfino gli standard minimi per l'eliminazione del traffico richiesti per i paesi di primo livello. 

Siamo preoccupati che la "Clausola di eccezione" renda possibile l'uso della schiavitù e della servitù involontaria come metodo di punizione per un crimine, consentendo al governo di sottoporre legalmente le persone incarcerate negli Stati Uniti al lavoro forzato. Il rapporto TIP rileva anche questa eccezione legale citando l'emendamento sull'abolizione davanti al Congresso e le numerose cause relative al lavoro forzato nella detenzione per immigrati, tuttavia, il rapporto non indica se il governo degli Stati Uniti è d'accordo con questi sforzi.

Il lavoro forzato nelle carceri è spesso integrato in programmi di “riabilitazione” o “educativi”. Molti di coloro che sono incarcerati riferiscono di essere stati minacciati di isolamento o di pene più lunghe se si rifiutano di lavorare. Inoltre, le persone incarcerate spesso non vengono pagate affatto per il loro lavoro o solo pochi centesimi, il che le lascia quasi senza risparmi per aiutarle a rientrare nella società dopo il rilascio. Le comunità nere e marroni sono state pesantemente colpite dagli alti tassi di criminalizzazione e dalla moderna schiavitù nel complesso sistema industriale carcerario americano a causa di questa lampante eccezione al lavoro forzato. 

Freedom United ha lavorato attivamente per affrontare questo problema e rendere illegale la schiavitù! Unisciti a noi nell'esigente tutti gli stati e il governo federale a bandire esplicitamente la schiavitù e servitù involontaria come punizione per un crimine negli Stati Uniti e nelle costituzioni statali: metti fine alla clausola di eccezione negli Stati Uniti! 

  

2. La Malesia scende al livello 3 e la colpa è degli abusi dell'olio di palma 

Dopo tre anni nella lista di controllo Tier 2, la Malesia è stata declassata a Tier 3. Siamo d'accordo con questa classifica data la continua incapacità del governo di rettificare il lavoro forzato nei settori dell'olio di palma, dei guanti di gomma, dell'elettronica, dell'abbigliamento e delle costruzioni, nonché mancanza di tutele del lavoro per i lavoratori domestici migranti. Il governo malese confonde ancora il traffico di esseri umani con il traffico di migranti e il rapporto TIP fa appello specificamente alla corruzione del governo e alla complicità ufficiale nell'agevolare la tratta.  

In particolare, il rapporto cita La campagna di Freedom United per gli Stati Uniti per bloccare le importazioni di olio di palma prodotto dalla società malese FGV a causa del lavoro forzato. Il conseguente divieto di importazione, noto come Withhold Release Order (WRO), contro FGV è stato il primo del suo genere contro una compagnia malese di olio di palma. Nel giro di pochi mesi dall'emissione della FGV WRO, un'altra importante compagnia di olio di palma è stata colpita da un divieto di importazione a causa del lavoro forzato. Tuttavia, come sottolinea il rapporto TIP, il governo malese non ha avviato indagini contro nessuna delle due compagnie di olio di palma per denunce di lavoro forzato. 

Noi e i nostri partner continuiamo a monitorare l'applicazione della WRO per garantire che i lavoratori migranti nelle piantagioni di palme abbiano accesso alla giustizia e ricevano diritti e tutele dei lavoratori. 

 

3. La Cina si è classificata al livello 3 come sponsor statale della tratta  

La Cina è stata classificata al livello 3 – la classifica più bassa a significare che il governo non soddisfa gli standard minimi di prevenzione della tratta di esseri umani – il che non sorprende dato che la Cina è uno degli 11 stati identificati dal rapporto come sponsor della tratta. Il rapporto mette in evidenza la detenzione e il lavoro forzato della popolazione uigura cinese, sia nella regione uigura, nota anche come Xinjiang, sia in tutto il paese, da parte del governo cinese. Freedom United concorda sul fatto che questa sia un'analisi accurata data le il ruolo dello stato nell'organizzazione del sistema del lavoro forzato uiguro nonché l'ampiezza e la brutalità di tale sistema.  

rapporto arriva al punto di dire che, “Nello Xinjiang, il governo è il trafficante." Elenca tutte le forme di coercizione utilizzate dallo stato, tra cui “minacce di violenza fisica, assunzione forzata di droghe, abusi fisici e sessuali e tortura” costringere gli uiguri a produrre una gamma di beni in fabbriche che forniscono marchi globali che si fanno strada in tutto il mondo. Freedom United ritiene che la pervasività del lavoro forzato uiguro e il coinvolgimento dello stato rendano praticamente impossibile avere un controllo accurato delle catene di approvvigionamento con collegamenti in Cina.

Come parte del comitato direttivo del Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura, siamo stati urgentemente chiamando le aziende lasciare la regione uigura e incoraggiare i governi ad approvare una legislazione per vietare le merci prodotte dai fornitori nella regione uigura. Riteniamo che garantire che le catene di approvvigionamento siano libere dal lavoro forzato sia uno dei modi più efficaci per ottenere un cambiamento in questa situazione in quanto uiguri lavoro forzato di è diventata una parte significativa dell'economia cinese.  

Siamo anche d'accordo con la prima raccomandazione del rapporto secondo cui la soluzione definitiva è per lo stato cinese per porre fine a questo sistema oppressivo. La nostra comunità ha respinto i maltrattamenti del popolo uiguro, esortando il governo cinese a porre fine alla detenzione e ai lavori forzati del popolo uigura, contattare marchi di moda potenzialmente implicati nel lavoro forzato uiguro e scrivendo al CEO di Apple, Tim Cook, per chiedere che lascino la regione uigura e taglino i legami con i fornitori che utilizzano il lavoro forzato uiguro.  

Non possiamo fare troppo per porre fine all'orribile sistema del lavoro forzato uiguro.  

 

4. Il Regno Unito rimane al primo livello nonostante i sopravvissuti rinchiusi 

Durante il periodo di riferimento, il governo del Regno Unito ha continuato a dare la priorità al controllo del numero di immigrati rispetto alla protezione e al sostegno dei sopravvissuti alla tratta, con alcune politiche che mettono a rischio la vita dei sopravvissuti. Siamo preoccupati che i sopravvissuti alla tratta identificati dal sistema del governo del Regno Unito, siano detenuti e detenuti in strutture simili a carceri per aver violato le regole sull'immigrazione, spesso a causa del loro sfruttamento, senza fine in vista.

Quindi, non pensiamo che il Regno Unito possa essere considerato pienamente conforme agli standard minimi per l'eliminazione della tratta previsti dai paesi Tier 1. 

Nell'aprile 2020 il governo ha portato avanti una legislazione che richiederà a tutte le vittime di tratta di fornire più prove mediche per dimostrare che la loro detenzione comporterà "danni futuri".

Il Royal College of Psychiatrists del Regno Unito ha pubblicato un rapporto in cui esortava il governo a fermare i piani per progredire con questa legislazione e a interrompere la detenzione dei sopravvissuti a causa della aumento del rischio di suicidio causati dal trattenimento dei sopravvissuti in ambienti simili a carceri.

Queste politiche dannose che discriminano gli individui in base al loro status di immigrazione, perpetuano la rivittimizzazione e ostacolano il recupero dei sopravvissuti, il tutto con un grave impatto sul benessere psicologico dei sopravvissuti.

Ai sensi del Protocollo di Palermo sulla tratta, la disposizione non punitiva esorta gli Stati a garantire che i sopravvissuti non siano detenuti né perseguiti per crimini che sono stati costretti a commettere a causa del loro sfruttamento. Inoltre, il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla tratta di persone ha chiesto esplicitamente che le vittime potenziali e confermate della tratta siano rimosse dalle strutture carcerarie. 

Il rapporto TIP del 2020 ha raccomandato al Regno Unito di migliorare le sue politiche sulla detenzione dei sopravvissuti, ma il governo continua ad andare avanti con il rinchiudere le vittime di tratta note.  

È inaccettabile che migliaia di sopravvissuti siano costretti a rivittimizzare le circostanze nei centri di detenzione invece di essere aiutati a riprendersi dalle loro esperienze. Ecco perchè Freedom United sta esortando il Regno Unito a smettere di detenere i sopravvissuti e liberare immediatamente tutti i sopravvissuti da ambienti simili a una prigione. 

 

5. Il Libano rimane al livello 2 per gli sforzi in mezzo a una grave crisi economica

Sebbene il Ministero del Lavoro libanese abbia emesso il contratto standard unificato rivisto per disciplinare le relazioni tra i lavoratori domestici migranti ei loro datori di lavoro, il contratto non è stato attuato. Tuttavia, questo è un passo importante verso lo smantellamento finale del sistema Kafala intrinsecamente sfruttatore. Pertanto, siamo d'accordo che il Libano sta compiendo sforzi significativi per essere conforme agli standard minimi necessari per essere classificato al livello 2. 

I lavoratori domestici migranti in Libano sono esclusi dalla legge sul lavoro del paese e sono invece regolati dal sistema della kafala, un sistema di sponsorizzazione in base al quale il diritto dei lavoratori a lavorare e vivere nel paese è legato al loro datore di lavoro. Lo sfruttamento dei lavoratori domestici è inevitabilmente facilitato in queste condizioni. Un estremo squilibrio di potere determina condizioni di sfruttamento del lavoro, lasciando ai lavoratori domestici migranti poco ricorso ai meccanismi di giustizia e di reclamo. 

Nonostante il Ministero del Lavoro libanese abbia emesso il contratto standard unificato rivisto per disciplinare i rapporti tra i lavoratori domestici migranti ei loro datori di lavoro al fine di smantellare alla fine il sistema kafala intrinsecamente sfruttatore, il contratto non è stato attuato. 

Stand con i lavoratori domestici migranti in Libano da firmare la lettera aperta invitando il Ministero del Lavoro libanese a garantire che lo status di immigrazione dei lavoratori domestici migranti non sia vincolato ai loro datori di lavoro e che siano meglio protetti dal lavoro forzato, dalla tratta e dagli abusi. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.