Cacciato da un rifugio a causa dei miei problemi di salute mentale

Cacciato da un rifugio a causa dei miei problemi di salute mentale

  • Edizione del
    Ottobre 11, 2022
  • Scritto da:
    Monica Brucia
  • Categoria:
    Storie di sopravvissuti
Banner eroe

Jessie, una sopravvissuta alla tratta, racconta le sue esperienze di vita in un rifugio

I rifugi per i sopravvissuti alla tratta negli Stati Uniti sono spesso chiamati "rifugi", ma non c'era nulla di sicuro nel rifugio in cui vivevo.  

Mentre vivevo lì, la mia storia medica è stata usata come arma contro di me. Invece di offrirmi supporto, il rifugio ha usato i miei problemi di salute mentale come motivo per cercare a tutti i costi di cacciarmi fuori, anche quando ciò significava mentire alla polizia e farmi venire a prendere con le pistole e ammanettarmi.  

Nessuna riservatezza: la mia cartella clinica era aperta a tutti 

Come parte obbligatoria del processo di accoglienza per un sopravvissuto in cerca di un alloggio temporaneo, la maggior parte di queste organizzazioni di accoglienza raccolgono più informazioni di quante io abbia mai dovuto rivelare a chiunque, incluso il mio fornitore di cure primarie. A prima vista, può sembrare che lo stiano facendo per vedere come possono sostenere ogni sopravvissuto. Ma nella mia esperienza, questo non potrebbe essere più lontano dalla verità.  

Invece, viene utilizzato per la prima volta per escludere chiunque abbia l'HIV o una grave diagnosi di salute mentale o disabilità. E, peggio ancora, tali informazioni non sono protette né online né su carta. Tutti possono accedere alle nostre cartelle cliniche, compresi i volontari. I nostri file venivano regolarmente letti in gruppo e condivisi con altri sopravvissuti come foraggio per i pettegolezzi.  

Ho contattato l'associazione degli assistenti sociali e il consiglio statale per le licenze per tentare di ritenere gli assistenti sociali responsabili di questa violazione della mia privacy. Ma poiché tutti gli assistenti sociali del rifugio e dell'ufficio erano privi di licenza, questa organizzazione non aveva giurisdizione.  

Ovviamente, segnalare questo all'alta dirigenza ha solo portato il personale in loco a essere ancora più esteriormente aggressivo e punitivo nei nostri confronti. Li ha portati a creare false relazioni dicendo che stavamo infrangendo le regole della casa: stavano cercando di farci cacciare dagli alloggi di cui avevamo così disperatamente bisogno. È diventato estremamente ostile con un assistente sociale e il direttore della casa che hanno minacciato la mia vita.  

Ho richiesto i miei documenti quando stavo partendo e mi è stato detto che erano di proprietà di questa organizzazione. Altre donne sono state accolte con la stessa risposta. In che modo le mie informazioni mediche possono appartenere a un'entità diversa da me? Ho quindi fatto questa richiesta direttamente al fondatore di questa organizzazione, e lei ha risposto che non mi avrebbe dato il mio fascicolo perché lo avrei usato contro di loro. Questo mi dice che sono pienamente consapevoli che quello che stanno facendo è sbagliato, ma lo fanno comunque.  

Penso che ovunque vengano raccolte informazioni sulla salute personale, l'individuo dovrebbe avere il diritto alla privacy. E che qualcuno deve garantire che questo diritto sia protetto. Non dovremmo essere costretti a vendere i nostri diritti per un posto dove vivere. 

Chiunque avesse problemi di salute mentale è stato costretto a lasciare 

Prima della mia ammissione in questo rifugio, il personale ha chiesto al mio assistente sociale se la mia diagnosi di salute mentale fosse controllata. Dal momento che il mio assistente sociale aveva lavorato con loro in passato, sono stato accettato.  

Tuttavia, dopo aver assistito e subito discriminazioni razziali e altre revittimizzazioni all'interno del rifugio, ho dovuto essere ricoverato in ospedale per motivi di salute mentale.  

Il giorno in cui sono tornato al rifugio, il responsabile del programma mi ha portato nel seminterrato e mi ha detto che dovevo partire quel giorno, che non potevo rimanere nel rifugio quella notte, "perché non possiamo accogliere nessuno con gravi problemi di salute mentale". Avevo già chiesto aiuto a questo direttore del programma a causa di tutte le cose negative che accadono all'interno del rifugio. Non ha mai risposto.  

Ho contattato le organizzazioni che supportano le persone con problemi di salute mentale e hanno contattato questo rifugio. Man mano che le situazioni in casa diventavano sempre più ostili, mi sono ritrovato in ospedale un paio di volte. Ho contattato altre organizzazioni anti-tratta per difendermi a mio favore poiché non avevo un posto dove vivere. Non solo questo rifugio si è rifiutato di rispondere a qualsiasi tentativo di advocacy, ma mi è stato anche chiesto di andarmene per aver rivelato cosa succede lì.  

Il personale rideva e prendeva in giro le persone con problemi di salute mentale per farle desiderare di andarsene. Nessuno con problemi di salute mentale poteva rimanere e il personale avrebbe fatto qualsiasi cosa per costringere quella persona a trasferirsi. Alcune ragazze sono state costrette a tornare in strada oa tornare dai magnaccia.  

Sono stato ricoverato con la forza perché mi sono rifiutato di andarmene. Non avrei vissuto per strada, ed ero già stato nell'altro rifugio. Continuavano a chiamare la polizia per riferire di avere una "donna malata di mente". Quando ciò non ha ottenuto la reazione che intendevano, hanno riferito, una "donna malata di mente che sta minacciando di uccidere qualcuno".  

Ovviamente è venuta la polizia, ha visto una donna di colore che viveva in un rifugio e non ha nemmeno ascoltato nulla di ciò che avevo da dire. Hanno ricevuto questa chiamata da un "assistente sociale", hanno detto, e sono stato ammanettato e costretto ad andarmene da 6-8 agenti di polizia con pistole e in tenuta antisommossa. Se avevo davvero bisogno di aiuto, avevano le informazioni di contatto del mio medico e il permesso di contattarla. 

Alla fine sono passato attraverso un processo per presentare una denuncia contro la polizia e ritenerli responsabili delle loro azioni quel giorno. Tuttavia, questo rifugio che ha intenzionalmente fatto ripetutamente rapporti falsi alla polizia, che ha causato il dirottamento di risorse governative essenziali quando non esisteva un'emergenza, non ha mai subito conseguenze.   

Chiedo che i rifugi siano ritenuti responsabili 

Non vivo più nei rifugi. Ma sono disposto a continuare a chiedere aiuto per migliorare la vita di ogni sopravvissuto che deve vivere in un rifugio. Queste organizzazioni sono organizzazioni private senza scopo di lucro. Non c'è nessun controllo su ciò che accade ai sopravvissuti in questi rifugi. E hanno a che fare con una popolazione molto vulnerabile.  

Immagino un mondo anti-tratta in cui ci sia un difensore civico in ogni città, composto da sopravvissuti autorizzati e cittadini indipendenti, non affiliato a nessuna organizzazione anti-tratta. Ciò fornirebbe assistenza ai sopravvissuti che esercitano i loro diritti in queste organizzazioni.  

Ho chiamato personalmente la polizia quando la mia vita è stata minacciata dal personale e quando il personale ha rubato dalla mia stanza. Ho presentato denunce di violazioni dei diritti umani. Ho pensato che il governo avrebbe aiutato e non l'hanno fatto. Non hanno nemmeno parlato con me, la persona che ha presentato la denuncia. È come se perdessimo tutti i nostri diritti perché dobbiamo vivere in un rifugio. E soprattutto se sei nero.  

E penso che le voci dei sopravvissuti saranno più forti se utilizziamo un sistema che esponga ciò che accade veramente all'interno di questi rifugi. Questi rifugi ricevono recensioni entusiastiche da volontari e donatori. Guidestar dà il suo timbro di approvazione, il tutto senza sentire i sopravvissuti. La voce dei sopravvissuti non dovrebbe determinare se queste organizzazioni continuano a essere finanziate da donatori o sostenute da volontari? Penso che donatori e volontari veramente di buon cuore vorrebbero saperlo.  

Non dovremmo rinunciare alla nostra dignità, ai nostri diritti umani, solo perché ci capita di vivere in un rifugio a conduzione privata. I sopravvissuti alla tratta hanno bisogno e meritano di meglio. 

25 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Paolo Seme
Paolo Seme
1 anno fa

Questa è una storia spaventosa e mostra che c'è molto che deve essere aggiustato.

PVV Satyanarayana
PVV Satyanarayana
1 anno fa

È molto addolorato leggere la difficile situazione della sfortunata donna. È un peccato che i cosiddetti paesi avanzati si preoccupino solo delle violazioni dei diritti umani in altri paesi, ma ignorino convenientemente quelle che si trovano alle loro porte. È un grande peccato che anche in questi tempi moderni le persone siano discriminate in base alla loro nazionalità, razza, casta e credo. Siamo adatti per essere chiamati una società civile!? spec. quando le donne vengono maltrattate senza pietà???? Spero che ci sia un risveglio a tutto tondo.

Heinrich Scheuplein
Heinrich Scheuplein
1 anno fa

Davvero non un modo tollerabile come trattare le persone.

Jeannette Watson
Jeannette Watson
1 anno fa

È terribile pensare che cose del genere succedano ancora oggigiorno.

La sezione settimana

Dai campi dell'Ecuador alle catene di approvvigionamento globali: Freedom United affronta la schiavitù moderna

Mentre centinaia di lavoratori ecuadoriani attendono un verdetto su un caso fondamentale sulla schiavitù moderna, la direttrice esecutiva di Freedom United, Joanna Ewart-James, ha incontrato l'emittente pubblica tedesca Deutsche Welle News per spiegare la moderna schiavitù nelle catene di approvvigionamento e nei prodotti di uso quotidiano. È probabile che tu abbia utilizzato un prodotto del lavoro forzato Il rapporto Deutsche Welle segue le sentenze storiche sui casi di sfruttamento in Ecuador presso Furukawa Plantaciones CA, una società giapponese che

| Giovedì giugno 20, 2024

Per saperne di più