Raccoglitrici di cotone in Uzbekistan

Fine storica del lavoro forzato imposto dallo stato nel cotone dell'Uzbekistan

0
vittorie

Oggi festeggiamo notizia che dimostra facendo un rumore, firmare petizioni, e la pubblicazione sui social media fa portare al cambiamento.

Il sistema del lavoro forzato imposto dallo stato nell'industria del cotone dell'Uzbekistan è terminato. Freedom United, insieme ai nostri colleghi il Campagna di cotone, annuncia la revoca del boicottaggio globale del cotone uzbeko. Questo annuncio arriva come il Forum uzbeko per i diritti umani rilascia i suoi risultati della relazione del raccolto 2021.

Questa svolta è avvenuta grazie all'impegno costante e coordinato degli attivisti uzbeki, sostenitori come te che hanno invitato direttamente il governo, nonché i marchi e le aziende a chiedere il cambiamento attraverso l'Uzbek Cotton Pledge Against Forced Labor di non procurarsi il cotone uzbeko firmato da 331 marchi e rivenditori. Quel Pledge è ora terminato.

Insieme, queste azioni hanno incoraggiato il presidente dell'Uzbekistan a guidare la riforma dell'intero settore del cotone. L'Uzbekistan ha ora il potenziale per diventare un paese di approvvigionamento chiave per i tessuti di cotone. Tuttavia, le aziende che si riforniscono dall'Uzbekistan devono impegnarsi a garantire che i diritti del lavoro siano rispettati in tutte le fasi della produzione poiché nel raccolto del 2021 sono stati riscontrati singoli casi di lavoro forzato.

I gruppi indipendenti che conducono il monitoraggio a livello di campo e lo sviluppo delle capacità non sono ancora in grado di registrarsi e operare liberamente, cosa che deve essere affrontata affinché i progressi siano sostenuti. L'esperienza degli attivisti in Uzbekistan è stata una preoccupazione particolare per la comunità Freedom United.

We una campagna per liberare Elena Urlaeva che è stata sezionata con la forza in un istituto psichiatrico nel 2017 poco prima di incontrare una delegazione della Confederazione sindacale internazionale e del Gruppo della Banca mondiale per condividere informazioni sull'uso diffuso del lavoro forzato da parte del governo uzbeko.

Anche noi ha invitato la Banca mondiale a sospendere i prestiti all'Uzbekistan mentre persiste lavoro forzato, consegnando 136,106 firme per la Banca Mondiale. Insieme al Cotton campagna, abbiamo organizzato una protesta pubblica presso la sede Banca Mondiale a Washington DC, che incluse la proiezione di un video di 5 minuti sull'esterno della sede centrale della Banca mondiale.

Alla fine del 2017, la comunità Freedom United è stata chiamata a farlo sostenere l'attivista uzbeka per i diritti umani Malokhat Eshonkulova assicurarsi le spese legali per difendersi da accuse dannose a seguito di picchetti che ha organizzato chiedendo alle autorità di smettere di interferire nel suo lavoro per monitorare il lavoro forzato e minorile nella raccolta del cotone. La sua casa è stata perquisita, i suoi beni confiscati e non è stata in grado di lasciare il paese.

Joanna Ewart-James, Direttore Esecutivo di Freedom United, ha dichiarato:

Per molto tempo il nostro obiettivo si sentiva lontano fuori portata. Ma non ci siamo arresi. Avendo partecipato attivamente alla campagna di cotone dal 2009, sono certo che tutto il merito di questo successo va alla combinazione e coordinamento del lavoro di tutti i membri della coalizione e sostenitori. Questo include gli attivisti coraggiosi in piedi di fronte alla estrema repressione in Uzbekistan, per le aziende una presa di posizione al cotone evitare di acquistare da Uzbekistan, e le iniziative delle organizzazioni partner come il pegno, spingere le banche internazionali, l'UE, l'ILO e molto altro. Tutto questo è stato eseguito il backup con la potenza di una comunità globale che ha fatto la loro posizione chiara: 'Non accettiamo cotone realizzato con lavori forzati!'.

La Cotton Campaign continua il suo lavoro in Uzbekistan per sostenere lo sviluppo di un'industria etica e per garantire che le riforme continuino.

La libertà United chiede leggi che richiedono alle aziende di garantire che mettere le persone e il pianeta prima del profitto. Unisciti alla campagna oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.