Giornata mondiale contro la tratta di persone: appello per la fine del lavoro forzato - FreedomUnited.org

Giornata mondiale contro la tratta di persone: appello per la fine del lavoro forzato

  • Edizione del
    Luglio 31, 2020
  • Scritto da:
    Libertà unita
  • Categoria:
    Lavoro forzato, legge e politica, altra schiavitù
Banner eroe

AGGIORNAMENTO Aprile 2022: Grandi novità! L'Australia finalmente ratifica il Protocollo sul lavoro forzato. Abbiamo consegnato 100,000+ Firme della petizione Freedom United all'ambasciatore australiano delle Nazioni Unite Mitch Fifield e inviato la nostra petizione al parlamento dell'Australia occidentale. Hanno risposto alla nostra voce collettiva! Ora che il Protocollo sul lavoro forzato è stato firmato, non vediamo l'ora di beneficiare di tutele più forti.

 

On Giornata mondiale contro la tratta di persone, I membri del La comunità di Freedom United si è unita mentre conducevamo il nostro prima di tutto-ogni petizione virtuale consegnato. Insieme noi ha consegnato oltre 100,000 firme alla Missione australiana presso le Nazioni Unite! 

Freedom United ha lavorato a stretto contatto con il nostro partner Be Slavery Free per spingere per la ratifica del Forced dell'ILO Lavoro Protocollo (P29) del governo australiano. Integrando la Convenzione 29 del 1930, P29 è uno strumento legalmente vincolante che richiede ai paesi di adottare misure nei settori della prevenzione, della protezione delle vittime e della garanzia del loro accesso alla giustizia e ai rimedi. 

Questa legge ritiene i governi responsabili della creazione di regolamenti nazionali per garantire che i lavoratori siano protetti e non vengano sfruttati, come bene come assicurarsi che le vittime possano ottenere aiuto, indipendentemente dal loro stato di immigrazione. 

 "Siamo una federazione ... Non è solo il Commonwealth che deve lavorare sulle cose, ma sono anche gli stati e i territori che devono allineare le loro leggi". - Carolyn Kitto, Sii libero dalla schiavitù  

Durante l'evento virtuale del 30 luglio, i sostenitori di Freedom United che hanno agito sulla nostra campagna P29 sono stati invitati a guardare mentre le loro firme venivano consegnate al Rappresentante Permanente dell'Australia presso le Nazioni Unite, chiedendo al governo di ratificare il Protocollo.  

Accettando la nostra petizione e il nostro invito all'azione, chiediamo all'Ambasciatore Mitch Fifield di sostenere il ratifica del Protocollo 29 e contribuire a porre fine al lavoro forzato in Australia.  

Freedom United ha fatto parte del Campagna ILO 50 for Freedom per aiutare gli Stati membri a ratificare P29. In collaborazione con l'Associazione delle Nazioni Unite di New York, ci siamo riuniti oltre 100,000 firme invitando i governi a ratificare il protocollo.

Dalla nostra partnership, abbiamo unito le forze con le organizzazioni della società civile in tutto il mondo per garantire che i governi siano il mondo che stanno attuando il loro impegno. 

 "Mentre parlo con voi oggi, ricordo centinaia e centinaia e centinaia di uomini, donne e bambini che abbiamo rappresentato attraverso il lavoro che svolgiamo in Antislavery Australia, navigando attraverso molti e complessi processi legali, ottenendo protezione, ma cercando di fare molto Di Più." - Jennifer Burn, University of Technology Sydney, Anti-Slavery Australia 

L'evento ccontinua la serie di incontri bilaterali e di alto livello che Freedom United ha tenuto con i principali Stati membri dell'ILO.  Puoi guardare l'intera petizione consegnare cliccando qui

Scopri di più e ricevi gli aggiornamenti più recenti da Freedom United firmando la petizione all'indirizzo p29.org 

La sezione settimana

Bande europee di cocainomani che utilizzano il lavoro forzato per sfruttare i bambini

Una recente indagine del Guardian ha rilevato che la fame di cocaina da 10 miliardi di sterline del continente ha portato al lavoro minorile forzato su scala altrettanto massiccia. Cartelli della droga sempre più potenti stanno costringendo centinaia, forse migliaia, di minori migranti non accompagnati a lavorare come spacciatori di droga nelle strade europee. Lo fanno per soddisfare la crescente domanda di cocaina in città come Parigi e Bruxelles. Sfruttamento su scala industriale L'aumento dei rifugiati

| Martedì Giugno 11, 2024

Per saperne di più