Oltre i paracadute e i salvatori auto-nominati: campagne di base in esperienze vissute

0
Schiavitù domesticaLavoro forzato

Di: Jamison Liang

Originariamente pubblicato su Open Democracy, 13 marzo 2017.

Chiunque lavori come attivista sa che la campagna elettorale è un lavoro disordinato. Questa è la natura del nostro lavoro. Esistono campagne di sensibilizzazione sulla tratta di esseri umani che perpetuano disinformazione dannosa e stereotipi? Assolutamente. Ma ci sono anche campagne fondate sulle esperienze vissute delle persone direttamente colpite, legate a un sostegno tangibile ed efficaci nel cambiare la percezione pubblica. Il problema non è la campagna come mezzo per un cambiamento significativo, ma piuttosto con rappresentazioni problematiche, ipotesi e processi dietro di essa.

Molti di questi problemi sono legati al problema di Teju Colecomplesso salvatore bianco', la convinzione che si possa - o si debba - lanciarsi con il paracadute nel sud del mondo e salvare le vittime della tratta di esseri umani con un atto di soccorso unidirezionale, straniero e benevolo. Mentre questo prende in modo schiacciante la forma del salvatore bianco, la verità è che persone di tutte le razze possono essere colpevoli di azioni paternalistiche derivate da una posizione di privilegio. Pertanto, quando si chiede se una campagna di sensibilizzazione pubblica sia efficace, dobbiamo chiederci: "il cambiamento che cerchiamo è subordinato all'azione pubblica?" Se rispondiamo di sì, allora "il pubblico sta agendo per pietà o per rispetto verso le persone colpite?"

Più di un pubblico e più di un problema

Quando parliamo di campagne di sensibilizzazione pubblica, spesso non riusciamo a riconoscere che il pubblico non è una massa monolitica e omogenea. Piuttosto, è composto da diversi dati demografici con diversi livelli di conoscenza della tratta e che sono motivati ​​da diversi argomenti e approcci. Una persona può essere mossa da appelli ai diritti umani, un'altra da una posizione di responsabilità sociale d'impresa e altre da credenze religiose. Troppo spesso, campagne inefficaci lottano per andare oltre un tipo di argomento e, a loro volta, finiscono per alienare determinati pubblici o perderli tutti insieme. Inoltre, le campagne di sensibilizzazione sulla tratta di esseri umani sono state storicamente disomogenee nella copertura delle diverse forme di tratta, con la maggior parte delle campagne incentrate esclusivamente su donne e ragazze vittime di tratta a scopo di sfruttamento sessuale.

Questa attenzione ristretta crea una gerarchia, in cui alcune forme di tratta sono peggiori di altre. Alcuni riparazioni ha dimostrato che le campagne che riflettono questa gerarchia possono diminuire la colpa nei confronti delle vittime della tratta per sfruttamento sessuale, ma aumentare la colpa nei confronti delle vittime della tratta per lavoro. Ciò rende più difficile parlare di questioni trascurate come la tratta di uomini e ragazzi a scopo di sfruttamento sessuale, lo sfruttamento delle lavoratrici nell'industria dei frutti di mare e dell'olio di palma o come le persone transgender sono influenzate dalla tratta. Come attivisti, dobbiamo concentrarci su forme di coinvolgimento che insegnino alle persone a pensare, non rafforzare le loro nozioni preconcette sulla tratta di esseri umani e su come appare una tipica vittima.

Contrastare la mentalità del salvatore e l'eccessiva semplificazione

Il complesso del salvatore è in contrasto con una comprensione radicata della tratta e delle sue intersezioni con razza, etnia, status socioeconomico, religione e genere. Le campagne contro la tratta di esseri umani continuano ad essere afflitte da modelli introdotti da salvatori occidentali che mancano di comprensione e rispetto per il sud del mondo, con il risultato di immagini raffiguranti persone di colore in catene, mute, incapaci di parlare per se stesse o di rispondere. Il complesso del salvatore prospera quando le comunità non possono rappresentare se stesse in modo efficace.

Come possiamo quindi incoraggiare il pubblico a contrastare la mentalità del salvatore? Per prima cosa, è essenziale essere riflessivi e guardare chi ha il potere di parlare. Le organizzazioni con sede nel nord del mondo ma che fanno campagne nel sud del mondo devono riconoscere lo squilibrio storico del potere e che la campagna non deve essere una strada a senso unico. Si tratta di porre le voci di coloro che sono direttamente colpiti - come i lavoratori migranti, le persone di colore, i lavoratori domestici - al centro di una campagna dall'inizio alla fine. Allo stesso tempo, dobbiamo catturare la diversità dei punti di vista locali e non romanticizzare il sud globale come una comunità singola o uniforme.

In secondo luogo, come Sameera Hafiz osserva giustamente, la tratta di esseri umani si trova alla "fine estrema di un continuum di sfruttamento del lavoro", ma ciò non significa che sia l'unico problema a portata di mano. Dovremmo vedere la tratta di esseri umani come un punto di ingresso che ci consente di parlare di una gamma più ampia di abusi correlati piuttosto che utilizzare come soglia per la vittimizzazione. Nel caso del lavoro domestico in particolare, questa inquadratura illumina abusi intersecanti e manifestazioni di sfruttamento lavorativo, misoginia e xenofobia che, se combinate, possono sfociare nella tratta di esseri umani.

Tradurre la teoria in pratica

In qualità di ex attivista di Walk Free [ora Freedom United] nel sud-est asiatico, miravo a contrastare la dinamica del salvatore ricentrando la conoscenza locale. Nello specifico, in collaborazione con la ONG indonesiana CURA dei migranti, abbiamo progettato una campagna bilingue per dare la priorità al disegno di legge sui lavoratori domestici che stava attraversando il parlamento indonesiano. Fino a quel momento molti pensavano che gli abusi sui lavoratori domestici colpissero solo coloro che erano emigrati all'estero e, senza una legge che ne sancisse i diritti, non avevano alcuna protezione contro forme estreme di abuso sul lavoro che si verificano all'interno dei confini dell'Indonesia.

Uno screenshot dalle interviste video al pubblico. In questa cornice dice in Bahasa Indonesia: "Pernah dengar sih beberapa kasus di Indonesia ... seperti yang disetrika, atau disiram air panas, atau disiksa".

Per correggere le percezioni errate del pubblico, abbiamo lanciato video interviste con lavoratori domestici, datori di lavoro, membri del pubblico e un rappresentante del parlamento. Tutti hanno confermato la necessità di riconoscere il lavoro domestico come lavoro formale. Aumentando la consapevolezza del problema, speravamo che più persone si mobilitassero al riguardo e facessero pressioni sul parlamento affinché agisse. Qui consapevolezza e difesa vanno di pari passo.

Uno screenshot da un'intervista con una collaboratrice domestica. In questa cornice dice in indonesiano: "Kaya pekerja rumah tangga dianggap sebelah mata".

Impostando il tono che le lavoratrici domestiche potessero esprimere alla loro realtà vissuta, speravamo che i seguaci firmassero la nostra petizione non perché si sentissero dispiaciuti o volessero "salvare" queste donne, ma perché le rispettassero e sostenessero la loro lotta per la giustizia. Abbiamo raccolto oltre 28,000 firme a sostegno del disegno di legge dei lavoratori domestici da parte di persone in Indonesia e altrove in tutto il mondo, dalla Guyana al Qatar, alla Nigeria e al Nepal.

Alla fine, abbiamo consegnato la petizione al capo della commissione parlamentare del lavoro. Il disegno di legge è stato successivamente classificato come prioritario ma non è stato ancora approvato. Nonostante questo ultimo ostacolo, direi che questa campagna è nondimeno un passo importante nella giusta direzione.

Porte aperte

At IOM X, vogliamo che i lavoratori domestici conoscano i loro diritti, che i governi ratifichino gli ILO Convenzione sui lavoratori domestici (n. 189)e reclutatori per fermare lo sfruttamento dei lavoratori. Ma anche i singoli datori di lavoro hanno il loro ruolo da svolgere, soprattutto a causa delle dinamiche di potere irregolari nella sfera privata della casa. Riconoscendo questo, abbiamo creato 'Porte aperte', una serie di cortometraggi in 3 parti sulle complesse sfide affrontate dai lavoratori domestici migranti e dai loro datori di lavoro in diversi paesi.

Screenshot da Porte aperte: Singapore in cui il figlio del datore di lavoro è testimone di abusi nei confronti del lavoratore domestico.

La ricerca di base e la progettazione per questo progetto comprendeva interviste approfondite e discussioni di focus group con le persone colpite personalmente: lavoratori domestici e datori di lavoro. Ogni video riflette i loro suggerimenti: evidenziando il problema dei datori di lavoro che trattengono i passaporti, i debiti con i reclutatori, il modo in cui i bambini imparano dai genitori violenti e la necessità di un giorno libero.

Modellano comportamenti positivi che i datori di lavoro possono adottare e sottolineano che queste pratiche sono essenziali per creare un ambiente rispettoso e professionale. Le valutazioni d'impatto hanno rilevato che più della metà degli spettatori in Thailandia ha imparato qualcosa di nuovo e avrebbe parlato con un'altra persona dei diritti dei lavoratori domestici e tutti e tre i video hanno visto un aumento degli atteggiamenti positivi nei confronti dei lavoratori domestici.

Questo non vuol dire che Open Doors fosse perfetto. In un paese, ad esempio, i sondaggi tra i telespettatori hanno rivelato che i datori di lavoro di lavoratori domestici locali avevano meno probabilità dei datori di lavoro di lavoratori domestici stranieri di rispettare i loro diritti sul lavoro. Tuttavia, come ci ha detto uno spettatore indonesiano, non possiamo concentrarci solo sugli abusi. Anche le storie di rispetto e professionalità tra datori di lavoro e collaboratori domestici devono essere raccontate per evidenziare un'alternativa positiva. In particolare, Open Doors non usa mai la parola "tratta", ma descrive invece gli atteggiamenti ei comportamenti alla radice che poi lo rendono possibile.

Il (disordinato) viaggio che ci aspetta

Come antropologo e attivista, mi sono reso conto che è facile problematizzare campagne e organizzazioni come un estraneo che guarda dentro, ma è molto più difficile riconoscere queste critiche e tenerne conto quando si progetta e si esegue una campagna. Molti di noi attivisti sono consapevoli di queste critiche, ma le guardiamo come un feedback per il miglioramento piuttosto che come una fonte di immobilizzazione. La verità è che le campagne di sensibilizzazione pubblica continueranno ad esistere, quindi dobbiamo imparare a risolverle e accettare che questo sarà un viaggio disordinato e imperfetto.

Le campagne di sensibilizzazione possono - e lo fanno - cambiare le percezioni e incoraggiare azioni che mobilitano la pressione pubblica e aprono la strada a grandi cambiamenti. Sebbene alcune campagne soffrano di vari intrecci con il complesso del salvatore, questo non è affatto vero per tutte le campagne. I membri del pubblico raramente saranno quelli che redigono un nuovo diritto del lavoro governativo, scrivono una politica aziendale sul rispetto dei sindacati nelle catene di approvvigionamento o addirittura aiutano le ONG a reintegrare le vittime della tratta nella società, ma possono rendere queste cose priorità per coloro chi lo farà.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.