La modifica delle regole del Regno Unito espone i sopravvissuti a un rischio maggiore di detenzione e deportazione

Dati allarmanti mostrano vittime della tratta denunciate dalla polizia

0
Legge e politica

Dopo aver chiesto aiuto alle forze dell'ordine, le vittime della tratta nel Regno Unito sono tra le migliaia di persone segnalate all'immigrazione dalla polizia.

Nuovi dati ottenuti attraverso una richiesta sulla libertà di informazione da parte del Joint Council on the Welfare of Immigrants (JCWI), un'organizzazione britannica che si batte per i diritti dei migranti, mostrano che tra maggio 2020 e maggio 2022, 796 vittime della schiavitù moderna sono state deferite dalla polizia a il Ministero degli Interni.

Sostenere le vittime della tratta non è una priorità

Invece di essere riconosciute come vittime di reati gravi, le vittime della tratta vengono trattate come criminali dell'immigrazione e soggette a una serie di politiche ostili in materia di immigrazione, tra cui la detenzione e l'espulsione.

Siamo allarmati dal fatto che i migranti vulnerabili che subiscono la tratta, il lavoro forzato e altri orribili reati di schiavitù moderna stiano vedendo abusare della loro fiducia nelle forze dell'ordine in questo modo.

Questi risultati dimostrano come le preoccupazioni relative all'immigrazione, piuttosto che la protezione e il sostegno delle vittime della tratta, siano la priorità per il governo del Regno Unito. I dati raccolti da JCWI sono solo la punta dell'iceberg. Molte altre vittime della tratta saranno dissuase dal denunciare lo sfruttamento alla polizia per paura della detenzione e dell'espulsione.

Inoltre, le vittime di reati non sono sempre viste come tali dalla polizia. Invece sono visti solo come criminali dell'immigrazione e non si crede ai loro resoconti di abusi e sfruttamento.

Il New Statesman riporta:

"Per ogni persona che viene denunciata all'Immigration Enforcement dopo essere andata alla polizia per chiedere supporto, migliaia di migliaia evitano la polizia per paura dell'espulsione", ha affermato Mary Atkinson, responsabile delle campagne presso il JCWI. "Non c'è dubbio che ciò consenta un maggiore sfruttamento e abuso delle persone vulnerabili e crei una coorte di persone che non ricorrono alla giustizia".

Chiede un firewall tra polizia e immigrazione

I gruppi di difesa dei diritti umani del Regno Unito Liberty e Southall Black Sisters hanno sollevato una super denuncia con la polizia nel 2018 sulla base del fatto che "la condivisione dei dati tra la polizia e il Ministero dell'Interno scoraggia le persone con uno status di immigrazione insicuro dal cercare il sostegno della polizia, sia come vittime o testimoni, minando così la lotta alla criminalità”.

Nel 2021, il Ministero dell'Interno ha respinto la richiesta di implementare un firewall tra polizia e forze dell'ordine dell'immigrazione.

In un momento in cui le vittime della tratta rischiano di essere deportate in Ruanda per l'elaborazione delle loro domande di asilo, la necessità di un firewall tra la polizia e il Ministero degli Interni è chiara e urgente.

La legge sull'immigrazione non dovrebbe mai sostituire i sistemi progettati per fornire protezione e supporto traffico vittime e sopravvissuti. Eppure, troppo spesso, le strategie anti-tratta degli Stati sono legate alle priorità dell'immigrazione, danneggiandole traffico vittime nel processo.

La comunità Freedom United chiede urgentemente a tutti gli stati di garantire una migrazione sicura e garantire la protezione delle vittime della tratta. Partecipa alla campagna qui. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti