L'ONU condanna le condizioni orribili nei centri di detenzione in Libia

0
Schiavitù In conflitto

L'ONU ha condannato le “orribili condizioni” in cui migranti e rifugiati vengono trattenuti nei centri di detenzione libici.

Un portavoce dell'OHCHR, Rupert Colville, ha avvertito che le persone affette da tubercolosi vengono lasciate "effettivamente a morire" in un centro di detenzione a sud della capitale, Tripoli, e che altri sono stati trafficati e venduti ai lavori forzati.

"Siamo anche estremamente preoccupati per le segnalazioni in corso di sparizioni e traffico di esseri umani dopo che le persone sono state intercettate in mare dalla Guardia costiera libica e riportate in Libia", ha detto Colville, in un appello al Governo di Accordo Nazionale per avviare un'indagine per quelli mancanti.

Notizie ONU relazioni:

"La Guardia Costiera libica e il DCIM (Dipartimento per la lotta alla migrazione illegale) devono garantire di essere responsabili di ogni persona detenuta e che i loro diritti umani siano rispettati", ha detto Colville.

“Ricordiamo al governo che quando una persona muore in custodia, vi è la presunzione di responsabilità dello Stato ... la tubercolosi è chiaramente una minaccia minacciosa a Zintan e necessita di cure adeguate ... cure mediche adeguate; e questa è davvero una crisi. "

"La tubercolosi non deve essere una malattia mortale, ma in queste circostanze, chiaramente sta uccidendo le persone e ci deve essere il rischio che ne moriranno altre", ha detto Colville. "C'è un altro rapporto secondo cui le persone vengono mandate in un posto diverso vicino al fronte effettivamente per morire lì, perché sono cristiani e non ci sono strutture funerarie vicino a Zintan".

Insistendo sul fatto che le condizioni a Zintan possono equivalere a "trattamenti o pene inumani e degradanti" e possibilmente tortura, il portavoce dell'OHCHR ha espresso preoccupazione per il fatto che altri migranti siano stati venduti ai lavori forzati oa trafficanti che offrono transito in Europa.

Nella struttura di Zintan a sud di Tripoli 22 migranti sono morti di tubercolosi, che è una malattia prevenibile, e altre malattie.

Attualmente ci sono circa 3,400 migranti e rifugiati detenuti a Tripoli e la Guardia Costiera libica ha prelevato più di 2,300 persone nel Mar Mediterraneo prima di metterle in questi orribili centri di detenzione.

Colville ha sottolineato che "la Libia ha un maggiore dovere di cura per proteggere la vita delle persone private della loro libertà, compreso fornire loro le cure mediche necessarie".

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti