La Regions Bank of Alabama prende posizione contro la schiavitù carceraria

Ulteriori avvertimenti di grave minaccia di coronavirus per i migranti in Libia

0
COVID-19Lavoro forzatoSchiavitù In conflitto

Le preoccupazioni sono aumentate per la minaccia "veramente catastrofica" che la pandemia di coronavirus pone ai rifugiati e ai migranti in Libia, molti dei quali sono vittime o sopravvissuti alla schiavitù moderna.

Il Paese nordafricano, che ha imposto un coprifuoco a livello nazionale e vietato i viaggi interurbani per prevenire la diffusione del virus, ha finora segnalato 17 casi confermati di COVID-19, con un decesso.

Ma con quasi un decennio di conflitto che ha lasciato sia il suo governo che il suo sistema sanitario in uno stato pericoloso, la Libia non è preparata a combattere un'epidemia locale.

Il paese è uno dei 27 che il mese scorso il Global Health Security Index ha dichiarato "il più vulnerabile alle epidemie emergenti" ed è anche considerato ad alto rischio dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Con medici e soccorritori spesso occupati dai feriti in prima linea nella guerra e operatori sanitari locali già sovraccarichi, gli esperti sostengono che il paese non sarà in grado di far fronte a un gran numero di pazienti.

La vulnerabilità della Libia al coronavirus è particolarmente pericolosa per i suoi migranti e rifugiati, molti dei quali subiscono la schiavitù moderna tra gli altri "orrori inimmaginabili" durante il loro soggiorno in Libia.

I migranti ei rifugiati sono spesso ospitati in condizioni di affollamento e antigieniche e hanno scarso accesso all'assistenza medica, o addirittura alle informazioni sul virus.

Al Jazeera relazioni:

"Migranti e rifugiati [a Sabha, nel sud-ovest della Libia] sono all'oscuro e non hanno accesso alle informazioni sul virus e su come proteggersi", ha detto un uomo nigeriano in Libia. "Ho scoperto che un gran numero di migranti non ha ottenuto la vera immagine."  

Un altro nigeriano a Sabha ha detto che “le persone più vulnerabili saranno nei centri di detenzione e in luoghi affollati dove accetteranno i migranti appena arrivati”.

"Quei posti sono gestiti da libici e dai trafficanti, non da funzionari", ha aggiunto. “Questi posti sono molto affollati e antigienici. Se l'epidemia si verifica, sarà disastrosa. I libici sanno del virus e hanno guanti e maschere ma non lo danno ai migranti ".

L'instabilità della Libia negli ultimi dieci anni l'ha trasformata in una delle principali destinazioni per migranti e rifugiati che sperano di raggiungere l'Europa. Molti di coloro che tentano la traversata vengono intercettati e riportati nei campi di detenzione.

Secondo quanto riferito, 11 centri di detenzione "ufficiali" ospitano quasi 1,500 migranti e rifugiati, mentre "prigioni private" illegali ne ospitano altre migliaia. In entrambi, gli esperti dicono che le condizioni sono "terribili".

Il lavoro forzato è così diffuso in questi centri, compresi quelli utilizzati dalla guardia costiera libica, che alcuni rifugiati e migranti sono arrivati ​​a definirsi schiavi.

La pandemia ha nel frattempo ha portato alla sospensione di operazioni umanitarie da parte di molte agenzie delle Nazioni Unite e ONG, escludendo migranti e rifugiati dagli aiuti proprio quando ne hanno più bisogno.

Freedom United sta attualmente combattendo per i migranti e i rifugiati libici con a campagna per porre fine alla schiavitù nel paese.

Molti ricchi paesi occidentali con sistemi sanitari forti e sviluppati stanno lottando per far fronte al virus e le vittime della schiavitù moderna sono colpite ovunque dal United Kingdom a Bangladesh.

In un Paese fragile come la Libia, la minaccia è ancora più estrema. Aggiungi il tuo nome oggi per aiutare a proteggere queste persone vulnerabili.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti