Il cartello "Supporto Ucraina" in mezzo alla folla

L'invasione dell'Ucraina potrebbe trasformare la politica di asilo dell'UE?

1
Tratta di esseri umaniLegge e politica

In risposta all'invasione russa dell'Ucraina lo scorso febbraio, l'Unione Europea ha aperto i suoi confini a milioni di ucraini in fuga dal conflitto. Questa dimostrazione di umanità e compassione del blocco verso i rifugiati è incoraggiante, ma anche eccezionale negli ultimi decenni.  

La reazione dell'UE alla crisi ucraina creerà un nuovo precedente per il trattamento riservato ai rifugiati di tutto il mondo? POLITICO esplora la storia recente del dibattito interno sull'asilo del blocco e le possibili implicazioni del conflitto al confine orientale.  

Attivata per la prima volta la Direttiva Protezione Temporanea 

Pochi giorni dopo l'invasione russa, gli Stati membri dell'UE hanno deciso all'unanimità di attivare la direttiva sulla protezione temporanea (TPD), dando a qualsiasi cittadino ucraino il diritto di vivere e lavorare nel blocco per un massimo di tre anni. 

Da quando il TPD è stato istituito per la prima volta come meccanismo legislativo nel 2001, ci sono stati numerosi movimenti di massa di persone in fuga dal conflitto verso l'UE, ma i rifugiati ucraini sono il primo gruppo per cui il TPD sia mai stato utilizzato. 

Nonostante il coinvolgimento dei paesi europei in conflitti come quelli in Afghanistan e in Siria, il blocco ha scelto di non facilitare il trasferimento sicuro delle persone in fuga da quei paesi.  

Al contrario, negli ultimi decenni sono aumentati gli sforzi per prevenire i valichi di frontiera irregolari. Infatti, in una dichiarazione sulla crisi in Afghanistan la scorsa estate, i ministri dell'Interno dell'UE lo hanno promesso "prevenire l'immigrazione clandestina dalla regione".  

Sebbene il rapido atto di umanità dell'UE sia stato applaudito, ha anche suscitato accuse di doppio standard razzista da parte di molti, tra cui Freedom United. 

L'accademica e giornalista Marwa El-Shinawy è citato da POLITICO 

La guerra russo-ucraina ha rivelato la brutta faccia dell'Europa. Ha mostrato il loro razzismo contro gli immigrati arabi e africani nonostante tutti gli slogan sui diritti umani. […] [il governo europeo] sembra credere che la protezione dei rifugiati sia un diritto solo per gli europei e che il resto delle razze non siano esseri umani.

Potrebbe essere questo un punto di svolta per la politica europea in materia di asilo? 

Le organizzazioni e le persone che sostengono meccanismi di ricollocazione sicuri per i rifugiati hanno espresso la speranza che l'attuale ondata di solidarietà nei confronti degli ucraini possa galvanizzare il sostegno a politiche di asilo più eque e più umane in Europa. Freedom United teme che le narrazioni contro la tratta vengano utilizzate in modo improprio a livello globale per giustificare politiche di immigrazione dannose. Al contrario, politiche disumane in materia di immigrazione e asilo stanno rendendo le popolazioni in movimento più vulnerabili alla tratta di esseri umani.

Responsabile della politica migratoria di Caritas Europa, Leïla Bodeux, ha detto a POLITICO che crede sia possibile "che alcune persone possano rendersi conto che il motivo per cui un siriano ha preso la decisione di venire in Europa non è così lontano dal motivo per cui un ucraino ha preso la stessa decisione". Questa presa di coscienza potrebbe cambiare gli atteggiamenti e di conseguenza la politica.  

POLITICO ci ricorda un momento precedente della recente storia europea che ha suscitato abbastanza compassione da innescare colloqui seri tra i leader europei sulla politica migratoria: la morte di centinaia di persone in un naufragio al largo dell'isola italiana di Lampedusa nell'aprile 2015.  

Rapporti POLITICA: 

Il naufragio è stato tutt'altro che il primo o l'ultimo nel Mediterraneo, ma ha fornito una scossa politica all'UE e, in pochi giorni, un incontro speciale dei leader europei si era impegnato a fare i conti con la questione creando un "più sistematico e approccio geograficamente globale alla migrazione”. 

È stato l'inizio di una spinta a livello dell'UE per trovare una soluzione a livello di blocco alla questione della migrazione. È stato anche uno dei primi segnali del numero di migranti che sarebbero arrivati ​​in Europa tra il 2015 e il 2016, principalmente dalla Siria dilaniata dalla guerra. 

Nel settembre dello stesso anno, il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha invitato gli Stati membri a rispondere con maggiore compassione alle persone che arrivano a chiedere asilo in Europa. “Abbiamo bisogno di più Europa nella nostra politica di asilo. Abbiamo bisogno di più Unione nella nostra politica sui rifugiati", ha affermato.  

Ma appena due settimane dopo, il blocco ha raggiunto un posto di blocco. I paesi dell'Europa orientale, tra cui Ungheria e Slovacchia, hanno votato contro una proposta per la ricollocazione obbligatoria di 120,000 rifugiati negli Stati membri.  

La presidenza della Commissione e del Consiglio ha utilizzato il sistema della maggioranza qualificata per approvare la proposta invece di cercare l'unanimità. Questa decisione ha aperto "una ferita con i paesi diffidenti verso la migrazione che non è guarita", secondo POLITICO. 

Questa mancanza di consenso in tutto il blocco verso la politica migratoria continua a rallentare lo slancio del cambiamento. POLITICO sostiene che gli Stati membri hanno preferito considerare la migrazione attraverso i propri obiettivi nazionali anziché come una questione a livello di blocco 

Quindi, possiamo essere fiduciosi? 

A oltre sette anni dalla tragedia dell'aprile 2015, il blocco continua a non riuscire a raggiungere un approccio unificato alla politica migratoria. Ma potrebbe cambiare alla luce dell'attuale invasione dell'Ucraina? 

POLITICO sottolinea che la guerra ha fornito una nuova prospettiva ai paesi che in precedenza erano stati riluttanti ad accettare i rifugiati. Ad esempio, la Polonia, che ha tradizionalmente perseguito politiche di frontiera ostili, si trova ora in prima linea per gli arrivi dall'Ucraina.  

In risposta al massiccio afflusso di rifugiati, il sindaco di Varsavia ha recentemente invitato l'UE a creare una piattaforma per facilitare il loro trasferimento in tutto il blocco.  

Questo appello alla solidarietà e alla cooperazione tra gli Stati membri ha dato qualche speranza per un cambiamento sostenibile. Un diplomatico ha detto a POLITICO: 

Quando vedi il [primo ministro polacco] Morawiecki andare a Berlino per chiedere solidarietà alle sanzioni ucraine, e poi arriva quella solidarietà, mi fa pensare che sia una strada a doppio senso e che prima o poi la solidarietà mostrata alla Polonia tornerà. 

Tuttavia, altri sono scettici e temono che l'attuale spirito di accoglienza svanirà con l'inizio della crisi economica in tutto il blocco.  

Appello per autentiche politiche di immigrazione contro la tratta 

In tutta Europa, i governi hanno reso le persone che attraversano i confini vulnerabili allo sfruttamento rafforzando le loro politiche di immigrazione e creando ambienti ostili per le persone senza uno status di visto sicuro.  

Nel frattempo, i governi stanno cooptando la retorica contro la tratta per giustificare le loro politiche restrittive alle frontiere. Questo è assurdo perché le prove dimostrano che queste politiche stanno creando vulnerabilità alla tratta poiché costringono le persone a prendere strade pericolose per circumnavigare i controlli alle frontiere. 

La comunità di Freedom United è fermamente convinta che i governi di tutto il mondo debbano smantellare i sistemi di gestione della migrazione che guidano la tratta e approvare invece una legislazione che soddisfi gli standard dei diritti umani. Unisciti a noi per chiedere un'azione rapida. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Dave
Dave
1 mese fa

Siate onesti, alcuni rifugiati vogliono integrarsi e purtroppo altri non lo fanno e non si integreranno mai.