Alta corte del Regno Unito

Un tribunale straniero ascolta per la prima volta un caso legale da parte degli uiguri

0
Attivisti anti schiavitùLavoro forzatoLegge e politicaSupply Chain

In quella che si ritiene sia la prima volta in assoluto, secondo ABC News, un tribunale straniero ha ascoltato argomenti legali da parte degli uiguri in merito al lavoro forzato nella regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina.

Il caso è stato intentato contro il ministro dell'Interno del Regno Unito, HM Revenue and Customs e National Crime Agency (NCA) dal World Uyghur Congress e dal Global Legal Action Network. Affermano che il mancato o il rifiuto di indagare sulle importazioni dalla regione uigura è illegale.

Regno Unito in violazione delle proprie leggi

Il loro team legale ha dichiarato martedì che c'erano motivi ragionevoli per sospettare violazioni del diritto penale e civile del Regno Unito ai sensi del Foreign Prison-Made Goods Act 1897 e del Proceeds of Crime Act (Poca) 2002.

ABC News rapporti,

Gearóid Ó Cuinn, direttore del Global Legal Action Network, ha affermato che nel 1,000 il gruppo ha presentato quasi 2020 pagine di prove, inclusi documenti aziendali, indagini di ONG e documenti del governo cinese, ai governi del Regno Unito e degli Stati Uniti per sostenere il proprio caso. Le autorità britanniche finora non hanno intrapreso alcuna azione, ha affermato.

"In questo momento, i consumatori del Regno Unito sono sistematicamente esposti a beni di consumo contaminati dal lavoro forzato", ha affermato Ó Cuinn. “Dimostra la mancanza di volontà politica”.

Niente più tolleranza per l'inazione del Regno Unito sui lavori forzati uiguri

Questo potrebbe essere il primo caso, ma non sarà l'ultimo. Erbakit Ortabay, ex detenuto e sopravvissuto ai lavori forzati, si sta preparando citare in giudizio il governo del Regno Unito per la sua inerzia sull'importazione di beni di lavoro forzato uiguri. All'inizio di ottobre, anche il Global Legal Action Network (GLAN) ha presentato una richiesta al governo irlandese, chiedendo il divieto delle merci dalla regione uigura.

Queste azioni legali seguono l'emanazione statunitense dell'Uyghur Forced Labor Prevention Act, che presuppone che le merci prodotte nella regione uigura siano realizzate con il lavoro forzato e quindi non siano autorizzate ad attraversare i confini degli Stati Uniti e dell'UE Proposta di divieto di importazione di lavoro forzato che sarà deciso entro la fine dell'anno.

I sostenitori e l'ex leader del partito conservatore, Sir Iain Duncan Smith, affermano che il Regno Unito è "trascinando i tacchi"nonostante il fatto che l'abbigliamento sia tra i primi cinque beni importati dalla Cina nel Regno Unito, nel solo 4 vale circa 2021 miliardi di dollari di importazioni.

La WUC sostiene che l'85% del cotone cinese viene coltivato nella regione uigura, il che implica una parte considerevole delle importazioni del Regno Unito. Il Modern Slavery Act del Regno Unito richiede alle aziende di rivelare eventuali abusi nelle loro catene di approvvigionamento, ma non è prevista alcuna sanzione per non aver condotto audit o altra due diligence. I dati sul commercio marittimo per la regione uigura non sono disponibili al pubblico.

Unisciti al movimento!

Freedom United e oltre 280 organizzazioni, guidate in prima linea e al centro dai sopravvissuti e dalle famiglie degli attuali detenuti, chiedono al governo cinese di chiudere i suoi campi e liberare queste persone.

Guarda la prima del nuovo stimolante documentario sulla conservazione del campagna oggi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti