Attivisti chiedono alla Corte penale internazionale di indagare sugli abusi in Libia

Attivisti chiedono alla Corte penale internazionale di indagare sugli abusi in Libia

0
Lavoro forzatoTratta di esseri umani

Un nuovo rapporto descrive in dettaglio la litania di abusi subiti da migranti, rifugiati e persone in cerca di asilo in Libia, compresa la riduzione in schiavitù e il lavoro forzato da parte di attori statali e non statali.

Le prove raccolte dal Centro europeo per i diritti costituzionali e umani (ECCHR), dalla Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) e dagli avvocati per la giustizia in Libia (LFJL), in collaborazione con i sopravvissuti, sono state inviate alla Corte penale internazionale con richieste di indagare su questi abusi che gli attivisti sostengono equivalgono a crimini contro l'umanità.

Razzismo e schiavitù

Continuano a essere segnalati casi scioccanti di migranti comprati e venduti nei mercati degli schiavi con il razzismo alla base di questi atti violenti e disumanizzanti poiché prevalentemente uomini di colore sono sottoposti a questo trattamento.

La revisione della Libia relazioni:

"L'estrema portata, la natura sistemica e la gravità degli abusi subiti da migranti e rifugiati in Libia innescano la giurisdizione della Corte penale internazionale", ha affermato Dorine Llanta della Federazione internazionale per i diritti umani. "La nostra analisi di informazioni open source affidabili e testimonianze di sopravvissuti mostra chiaramente che molti di questi abusi possono costituire crimini contro l'umanità".

I gruppi per i diritti hanno affermato che ciò si basa su interviste con 14 sopravvissuti che ora sono al sicuro fuori dalla Libia e su rapporti delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni. Hanno aggiunto che i migranti in Libia affrontano un "ciclo continuo di abusi che è sia diffuso che sistematico".

Il ruolo dell'Unione Europea

Gli autori del rapporto richiamano anche l'attenzione sul ruolo dell'Unione europea nel perpetuare i crimini contro i migranti e nel contribuire a creare un ambiente pericoloso in cui i diritti umani dei migranti sono completamente messi da parte, con conseguenti torture, schiavitù e morte.

Nel tentativo di impedire a rifugiati e migranti di raggiungere le coste europee, la guardia costiera libica, finanziata dall'UE, ha aumentato le sue intercettazioni di barche nel Mar Mediterraneo, restituendo quelle a bordo in Libia, dove molte sono rinchiuse nei centri di detenzione per migranti.

Freedom United chiede urgentemente all'Unione europea di smettere di finanziare la guardia costiera libica e di porre fine alla sua complicità nel rimpatrio forzato dei migranti in condizioni deplorevoli in Libia.

Unisciti alla campagna e invitare l'UE a svolgere il proprio ruolo per porre fine alla schiavitù in Libia.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti