I veicoli verdi mettono l'ambiente prima dei bambini?

2
Schiavitù minorileSupply ChainTecnologia e strumenti

I consumatori si trovano di fronte a una scelta sbagliata tra la cura dell'ambiente e i diritti dei bambini quando acquistano veicoli elettrici.

Le batterie elettriche di queste auto ecocompatibili potrebbero essere state prodotte attraverso il pericoloso lavoro minorile nell'estrazione mineraria.

Con questo in mente, Amnesty International ha pubblicato questa settimana un rapporto che invita le case automobilistiche elettriche a "realizzare la prima batteria completamente etica al mondo con cinque anni".

DW relazioni:

L'organizzazione con sede a Londra ha accusato le case automobilistiche elettriche di non riuscire a frenare le violazioni dei diritti umani, compreso il lavoro minorile, legate all'estrazione di minerali chiave necessari per le batterie.

"Trovare soluzioni efficaci alla crisi climatica è un imperativo assoluto e le auto elettriche hanno un ruolo importante da svolgere in questo", ha detto il capo di Amnesty International Kumi Naidoo. "Ma senza cambiamenti radicali, le batterie che alimentano i veicoli verdi continueranno a essere contaminate da violazioni dei diritti umani".

“Le aziende che trascurano le preoccupazioni relative ai diritti umani mentre ripuliscono le loro fonti di energia stanno presentando ai loro clienti una scelta sbagliata; persone o pianeta ", ha detto Naidoo. "Questo approccio è gravemente imperfetto e non fornirà i cambiamenti sostenibili di cui abbiamo bisogno per salvare l'umanità dalla devastazione climatica".

Secondo Bloomberg New Energy Finance, la domanda di auto elettriche dovrebbe aumentare di oltre trenta volte entro il 2030. Per soddisfare questa domanda, il mondo avrà bisogno di più litio, un componente chiave nelle batterie elettriche.

Eppure le case automobilistiche elettriche e i produttori di elettronica sono stati lenti nel segnalare pubblicamente le catene di approvvigionamento di minerali dei loro prodotti, con gruppi per i diritti che puntano al lavoro minorile nelle miniere nella Repubblica Democratica del Congo che potenzialmente contaminano la catena di approvvigionamento di un'azienda.

In particolare, dal 2016 Apple, BMW, Daimler e Renault hanno pubblicato dati sulle loro catene di approvvigionamento. Amnesty International spera che più aziende facciano lo stesso.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
2 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Rupert
Rupert
3 anni

Questa non è una situazione o / o. Il lavoro minorile è utilizzato in molti settori ed entrambe le mie figlie hanno lavorato fin dalla tenera età. Alla maggior parte dei giovani piace lavorare e guadagnare denaro. Finché non è né pericoloso né crudele è una buona cosa insegnare loro ad essere utili, e quel denaro ha bisogno di essere guadagnato e non cresce sugli alberi.

Gloria Kegelès
Gloria Kegelès
3 anni
Rispondi a  Rupert

L'estrazione mineraria non è un'occupazione sicura per i bambini.