Le donne keniote continuano a protestare contro il sistema della kafala in Libano

Le donne keniote descrivono abusi e sfruttamento orribili in Arabia Saudita

0
Schiavitù domestica

Una nuova relazione di Migrant-Rights.org descrive in dettaglio l'entità della violenza, degli abusi e dello sfruttamento che le donne keniote sperimentano come lavoratrici migranti in Arabia Saudita.

Disumanizzazione dei lavoratori domestici migranti

Interviste approfondite con un gruppo di donne che sono tornate dal lavoro in Arabia Saudita e altrove nel Golfo fanno luce sul trattamento disumanizzante che le lavoratrici migranti sono costrette a sopportare. Tutte le donne hanno subito sfruttamento lavorativo a causa di ritardi o mancati pagamenti dei salari, lunghe ore di lavoro, abusi verbali e confisca dei loro passaporti.

Ma violenze sessuali e fisiche estreme, torture e persino attentati alle loro vite fanno parte dei rischi quotidiani che queste donne devono affrontare.

Per coloro che sono riusciti a fuggire e cercano assistenza per tornare nel proprio paese di origine, il reinserimento nelle proprie comunità non è sempre semplice. Alcuni non vengono accettati di nuovo nelle loro famiglie, quindi organizzazioni come Counter Human Trafficking Trust-East Africa (CHTEA) supportano queste donne fornendo un rifugio sicuro e sessioni di consulenza.

Spiega suor Florence, consulente professionale di CHTEA: “Abbiamo vittime di tratta provenienti da altri paesi del mondo, ma nessuna così grave come quelle provenienti dal Golfo. Soprattutto saudita".

Contratti senza senso

Feith è una donna che ha trascorso del tempo in Arabia Saudita come collaboratrice domestica. Sebbene il suo contratto stabilisse che avrebbe lavorato per una famiglia di quattro persone, doveva lavorare 17 ore al giorno per più famiglie. Alla fine, Feith si ammalò e decise di fuggire dalla casa dei suoi datori di lavoro per cercare l'assistenza medica di cui aveva bisogno. Lei racconta:

“Ho preso il telefono e l'ho messo nelle mutandine, ho preso la coperta e sono scappato di casa. Erano le 12:XNUMX. Ho camminato nel caldo, tutti i segni erano in arabo. Un vecchio che mi ha visto mi ha chiesto 'binti (figlia), dove stai andando?' Mi ha dato dell'acqua e ha chiamato la polizia che è arrivata immediatamente. Avevo solo il mio contratto, ma niente passaporto o carta d'identità".

La polizia l'ha riportata a casa dei suoi datori di lavoro dove è stata picchiata duramente e costretta a continuare a lavorare nonostante il dolore e la malattia.

Mentre stava cucinando, il datore di lavoro ha ricominciato a inveire contro di lei, incombendo su di lei da dietro: 'Sei qui per lavorare per non essere malato. In Arabia non c'è malattia. Ti compro, sei di mia proprietà». Quando Feith si voltò per parlargli, prese il bollitore dell'acqua calda e gliela versò addosso.

Molte altre donne come Feith si rivolgono alla polizia per chiedere aiuto per sfuggire a situazioni potenzialmente pericolose per la vita, ma vengono semplicemente rimandate in famiglie violente.

Necessaria applicazione della legislazione

I lavoratori domestici migranti in Arabia Saudita sono esclusi dalle leggi sul lavoro del paese e sebbene esista una legge anti-tratta che criminalizza il lavoro forzato, ci sono poche prove che i datori di lavoro abusivi siano ritenuti responsabili.

Firma la petizione invitando tutti i governi a ratificare la Convenzione sui lavoratori domestici ea proteggere meglio i lavoratori domestici migranti dallo sfruttamento e dagli abusi.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti