Cortile della prigione

Le carceri australiane sono anche una fonte di lavoro forzato

3
Lavoro forzatoLegge e politicaSchiavitù carceraria

In quanto parte della Abolire la rete nazionale della schiavitù Freedom United sta conducendo una campagna contro le precarie condizioni che devono affrontare le persone incarcerate nelle carceri statunitensi. Insieme stiamo dicendo: "Nessuna schiavitù, nessuna eccezione". A causa della clausola di eccezione – o della clausola punitiva –  del 13° emendamento secondo la Costituzione degli Stati Uniti, le persone incarcerate negli Stati Uniti possono essere costrette a lavorare in condizioni di schiavitù nel 21° secolo.

Il lavoro forzato nelle carceri è spesso integrato in programmi di "riabilitazione" o "educativi". Molti di coloro che sono incarcerati riferiscono di essere minacciati di isolamento o pene più lunghe se si rifiutano di lavorare. Inoltre, le persone incarcerate spesso non ricevono alcun compenso, o quasi, per il loro lavoro, una situazione che li lascia quasi senza risparmi per rientrare nella società dopo il rilascio.

In un articolo completo di Il nuovo quotidiano (TND) apprendiamo di più sulla situazione delle persone incarcerate in Australia. Il Borallon Training and Correctional Center nel Queensland regionale è descritto come "un leader mondiale nelle industrie carcerarie".

Le corporazioni traggono profitto dal lavoro forzato nelle carceri

Le persone incarcerate in Australia vengono pagate un dollaro l'ora per svolgere compiti umili che non forniscono una formazione utile per la vita dopo la prigione e che riducono i salari dei lavoratori ordinari. Per dare un'idea di quanto siano bassi esattamente gli stipendi carcerari, la deputata statale Fiona Patten, leader del Partito della Ragione, spiega che se una persona incarcerata vuole chiamare il proprio figlio per 10 minuti, la prigione addebita a quella persona due giorni di paga.

L'attivista Brett Collins, che dirige il gruppo di difesa dei prigionieri Justice Action, è stato incarcerato per 10 anni e conosce da vicino la questione. Secondo Collins, le carceri mantengono "effettivamente una forza lavoro schiava", dove i detenuti sono costretti a lavorare se non vogliono affrontare circostanze ancora più difficili all'interno della prigione, e aggiunge: "Si tratta di sfruttare i prigionieri, realizzare un profitto , e non dovrebbe essere una funzione pubblica”.

Per Collins e centinaia di attivisti in tutto il mondo, c'è una chiara differenza tra l'assunzione di persone incarcerate per aiutare nelle attività quotidiane, come cucinare e pulire, e aiutare le grandi imprese a trarre profitto dal loro lavoro. In effetti, i bassi salari pagati ai detenuti vengono utilizzati per ridurre i normali lavoratori australiani e Collins sostiene che i sindacati dovrebbero chiedere la parità di retribuzione.

"Non stanno addestrando le persone a svolgere lavori utili, si stanno assicurando che il massimo beneficio sia ottenuto dal tempo delle persone", ha aggiunto Collins.

Un processo di produzione segreto totalmente immorale

La compagnia aerea Qantas e Bunnings, una catena australiana di ferramenta per la casa, sono tra le società del paese che utilizzano il lavoro carcerario in un processo di produzione segreto e immorale. I governi dei diversi stati dell'Australia nascondono l'elenco delle società che utilizzano questo schema di produzione, ma alcune indicazioni e affermazioni ci permettono di scoprire chi sono.

All'inizio del 2022, l'azienda di alimenti naturali per animali domestici La panetteria dell'osso d'oro ha dichiarato di impiegare sei persone incarcerate presso il Borallon Correctional and Training Center nel Queensland. Altre società australiane che hanno riferito di aver utilizzato il lavoro carcerario includono Fantastic Furniture, Oroton e Flower Power.

La professoressa Thalia Anthony, criminologa dell'UTS, afferma che la continua segretezza dei governi statali suggerisce che "queste aziende non apprezzano le persone in prigione e che è un problema di reputazione".

In risposta alle richieste della stampa e ai sensi dell'Access to Public Information Act, le autorità degli stati del Victoria e del New South Wales si sono rifiutate di fornire informazioni, poiché alcune società non hanno acconsentito a rivelare il loro uso del lavoro carcerario.

Fiona Patten, leader del Partito della Ragione, descrive la risposta che ha ricevuto quando ha cercato di chiedere al ministro della prigione del Victoria quali aziende traggono vantaggio dal lavoro carcerario a basso costo:

"Il governo [vittoriano] ci dice costantemente che tutti gli accordi che hanno stipulato con varie società sono commerciali di fiducia", E ha aggiunto "Poiché sono così riservati su questo, non posso dirlo con certezza, ma da quello che posso vedere e da ciò che sento dalle persone in prigione e dalle famiglie delle persone in prigione, questo è completamente immorale".

Le minoranze al centro del sistema del lavoro forzato

Proprio come il sistema carcerario statunitense ha un impatto sproporzionato sulle comunità afroamericane e latine, così i problemi legati al lavoro nelle prigioni australiane colpiscono in modo sproporzionato le comunità aborigene e delle isole dello Stretto di Torres.

Anche se circa il 2% della popolazione generale discende dalle Prime Nazioni, circa un terzo della popolazione carceraria appartiene a queste comunità. Gli esperti li considerano il gruppo più incarcerato al mondo.

La professoressa Anthony, che ha intervistato personalmente centinaia di prigionieri nell'ambito della sua ricerca accademica, ha osservato che molte persone incarcerate delle Prime Nazioni hanno probabilmente un'esperienza sproporzionatamente negativa con il lavoro carcerario a causa del razzismo sistemico.

Agisci sulla nostra campagna che chiede di mettere fuori legge la schiavitù negli Stati Uniti. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
3 Commenti
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Lin
Lin
3 mesi fa

Dobbiamo combattere questo, così sbagliato che le aziende stanno togliendo posti di lavoro reali e usando la schiavitù per realizzare profitti. O li addestrano e pagano l'intero salario minimo o impiegano fuori dal sistema carcerario. Nel frattempo possiamo boicottare qualsiasi attività che conosciamo utilizzando il lavoro degli schiavi.

pagliaio
pagliaio
3 mesi fa
Rispondi a  Lin

Quindi pagare un certo salario rimuove lo stigma della "schiavitù"?

pagliaio
pagliaio
3 mesi fa

Molti detenuti non hanno mai lavorato, quindi questo
è un buon allenamento per loro e le telefonate sono migliori
che caramelle e sigarette.