La COP27 è finita: cosa succederà?

0
Tratta di esseri umaniLegge e politica

Il vertice sul clima COP27 di Sharm El-Sheikh si è concluso la scorsa settimana dopo due settimane di intense discussioni con i leader mondiali. Ben oltre la scadenza concordata, i colloqui alla fine hanno portato a un accordo storico su perdite e danni, che attribuisce agli stati più ricchi la responsabilità di fornire assistenza finanziaria agli stati più poveri che affrontano gli impatti immediati della crisi climatica.

Ciò testimonia l'inesorabile organizzazione degli attivisti per la giustizia climatica di tutto il mondo che hanno chiesto un cambiamento. Tuttavia, i dettagli del fondo per perdite e danni – chi pagherà, quando i fondi saranno disponibili e chi sarà idoneo a riceverli – rimangono indecisi, lasciando coloro che sono in prima linea nella crisi climatica senza il supporto immediato di cui hanno bisogno.

Nel frattempo, lo sfollamento forzato a causa della crisi climatica sta mettendo le comunità a rischio di schiavitù moderna.

Accordo non abbastanza forte

L'accordo COP27 non è abbastanza forte visti gli impatti devastanti della crisi climatica che si sta verificando in questo momento e le persone ne stanno subendo le conseguenze. La migrazione e lo sfollamento indotti dal clima stanno esponendo le popolazioni in prima linea nella crisi climatica a un rischio maggiore di matrimonio forzato, lavoro forzato e sfruttamento e gli stati devono agire immediatamente per garantire una giustizia climatica che sia radicata nella protezione dei diritti umani e misure per affrontare le questioni moderne schiavitù.

Mainouna Diouf è un agricoltore della regione costiera di Palmarin in Senegal. Ha spiegato a openDemocracy come la crisi climatica sta causando inondazioni, innalzamento del livello del mare e scarsità di cibo. Questa è una delle cause dello sfollamento forzato che vedrà molti sfollati interni e migliaia costretti ad attraversare i confini negli anni a venire.

L'insicurezza alimentare è già un problema principale in Senegal, colpendo il 15% delle famiglie rurali e l'8% delle famiglie urbane, ma Mainouna ha detto che è “un problema ancora più grande” per la sua comunità. “Se non possiamo pescare, se non possiamo coltivare, non abbiamo niente da vendere e quindi non possiamo comprare niente. Colpisce non solo i bambini, le donne, gli anziani, ma tutti”.

Ha avviato iniziative locali per costruire la resilienza contro il cambiamento climatico e si è battuta per infrastrutture per la protezione dalle inondazioni, ma ogni anno le inondazioni sono peggiori e costano terra, case e vite. "La mia casa è vicino al mare, quindi devo accettare che un giorno la perderò", ha aggiunto.

Gli Stati devono agire prima del prossimo vertice sul clima

Guardando avanti alla COP28, gli stati devono portare avanti le discussioni ben prima del prossimo vertice sul clima per garantire il rispetto di impegni e traguardi chiari. Non c'è più tempo da perdere. Abbiamo bisogno che i leader mondiali agiscano ORA implementando soluzioni all'emergenza climatica che mettano al centro i diritti umani e le misure per affrontare la schiavitù moderna.

Firma oggi la petizione per chiedere giustizia climatica senza schiavitù moderna. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti