reti da pesca

Intrappolato in mare: come le politiche migratorie del Regno Unito guidano lo sfruttamento nella pesca

0
Tratta di esseri umaniLegge e politica

Immagina di essere intrappolato su una barca senza servizi igienici o docce, di fronte a condizioni del mare per le quali la nave non è adatta. Questa è la realtà di James*, un pescatore migrante che lavora nel Regno Unito  

Quello che lo infastidisce di più è il freddo; non c'è riscaldamento e le temperature scendono sotto 0°C (32°F). Ma James ha bisogno di guadagnare soldi per sfamare la sua famiglia a casa, e non può rischiare di lasciare la barca e di essere espulso, quindi sopporta queste condizioni disumane. 

Sebbene inaccettabile, la situazione di James non è insolita per i lavoratori migranti nel settore della pesca del Regno Unito, soprattutto alla luce delle regole migratorie post-Brexit e delle politiche migratorie dell'"ambiente ostile" del governo. In un articolo per Tempi di riga, Frankie Vetch esplora i fattori che consentono ed esacerbano lo sfruttamento dei migranti in mare. 

“Dipendente dallo sfruttamento del lavoro migrante” 

I pescatori del Ghana hanno detto al Byline Times che gli abusi verbali e il razzismo sono comuni sui pescherecci del Regno Unito. I datori di lavoro avrebbero minacciato i lavoratori con l'espulsione o la confisca dei loro passaporti. Alcuni hanno anche affermato di essere stati aggrediti fisicamente.  

Anche il pagamento insufficiente è una pratica standard. Avevano contratti per un minimo di £ 700 (circa $ 870) al mese, nonostante lavorassero per oltre 40 ore settimanali. In realtà, però, alcuni venivano pagati anche meno. Questo stipendio è notevolmente inferiore al salario minimo, che è di £ 1,520 (circa $ 1,880) al mese per qualcuno di età superiore ai 23 anni che lavora 40 ore a settimana.  

Nonostante siano stati incaricati di lavorare su una nave specifica, gli intervistati hanno anche riferito di essere stati trasferiti ripetutamente da una barca all'altra, a volte anche nel cuore della notte. "Ti senti come se fossi rimasto intrappolato su una barca da cui non hai nemmeno i mezzi per dire che vuoi andartene", ha spiegato un lavoratore Tempi di riga.  

"L'industria della pesca è dipendente dallo sfruttamento del lavoro dei migranti e dal loro sottopagamento", ha detto Chris Williams della International Transport Workers' Federation (ITF) Orari in linea. 

La scappatoia del visto di transito 

Al centro del problema c'è il tipo di visto posseduto da questi lavoratori. Negli ultimi 15 anni, il visto di transito è stato utilizzato per sfruttare sistematicamente i lavoratori migranti, secondo un rapporto di l'ITF.  

Il visto di transito è concepito per i marittimi che passano attraverso il Regno Unito per salire a bordo di navi destinate alle acque internazionali; non è destinato ai lavoratori dei pescherecci britannici. Di conseguenza, le navi con visto di transito devono rimanere al di fuori delle acque territoriali del Regno Unito, ad almeno 12 miglia nautiche dalla costa.  

Non solo le condizioni del mare sono più pericolose in quest'area, ma anche l'ambiente è meno regolamentato, il che significa che i lavoratori sono spesso isolati da datori di lavoro senza scrupoli.  

Come proteggere i lavoratori migranti in mare 

Per sradicare lo sfruttamento sistematico di lavoratori come James, la scappatoia del visto di transito deve essere colmata e i visti per lavoratori qualificati dovrebbero essere resi più accessibili ai migranti nel settore della pesca, secondo ITF. 

Se più lavoratori della pesca stranieri potessero accedere a visti per lavoratori qualificati, non sarebbero costretti a rimanere in mare: potrebbero affittare alloggi adeguati a terra. E senza la minaccia della deportazione incombente, sarebbero più autorizzati a denunciare gli abusi. 

Inoltre, questi visti hanno uno stipendio minimo superiore al doppio di quello che guadagnavano gli intervistati ghanesi, il che potrebbe potenzialmente affrontare la questione dei salari iniqui.  

Tecnicamente, i lavoratori del settore della pesca possono beneficiare del visto per lavoratori qualificati, ma Byline Times ha rivelato che fino ad ora nessun pescatore straniero ha ottenuto un visto per lavoratori qualificati.  

Byline Times riporta il motivo principale per cui questo visto è in pratica inaccessibile: 

Il più grande ostacolo per i pescatori che cercano di ottenere un visto per lavoratori qualificati è il test di lingua inglese. Harry Wick, CEO dell'Organizzazione dei produttori di pesce dell'Irlanda del Nord, ritiene che il test sia inutilmente difficile in quanto richiede ai pescatori di scrivere a un livello che non corrisponda ai requisiti del lavoro. Molti pescatori stranieri parlano un inglese abbastanza buono e hanno una conoscenza linguistica specialistica sufficiente per lavorare in sicurezza sulle navi. Ma per superare il test possono volerci anni di apprendimento dell'inglese. Questo è tempo e denaro che molti pescatori non hanno. 

Invito all'azione del governo  

Lo sfruttamento in mare intorno al Regno Unito è esacerbato anche dalle più ampie politiche del governo in materia di "ambiente ostile", che mirano a rendere più difficile la vita ai migranti nel Regno Unito. I datori di lavoro sfruttano queste politiche per esercitare la minaccia di espulsione ed evitare la responsabilità per il loro trattamento abusivo.  

Il rapporto dell'ITF sostiene che criminalizzando i lavoratori migranti nel settore della pesca per aver violato le normative sull'immigrazione, il governo li espone a un rischio maggiore di sfruttamento. Come afferma Williams, "la legislazione del Regno Unito sta consentendo condizioni per il lavoro forzato e la schiavitù moderna".  

La comunità di Freedom United sta aumentando la consapevolezza del fatto che la legislazione restrittiva sull'immigrazione determina uno squilibrio tra lavoratori e datori di lavoro, mettendo i migranti ad alto rischio di sfruttamento e abuso come conseguenza diretta.  

Chiediamo ai governi, compreso il Regno Unito, di respingere le politiche sull'immigrazione che causano la tratta e di approvare una legislazione sull'immigrazione che soddisfi gli standard internazionali sui diritti umani e dia potere ai migranti e alle vittime della tratta fornendo rotte migratorie sicure. Unisciti a noi oggi! Firma la petizione. 

*Questo nome è stato cambiato. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti