Coalizione uigura

Freedom United e oltre 190 organizzazioni chiedono ai marchi di moda di uscire dalla regione di Uyghur

0
Lavoro forzato

Una nuova coalizione di oltre 190 organizzazioni provenienti da oltre 36 paesi diversi, tra cui Freedom United, esorta i marchi di moda a porre fine alla loro complicità nel lavoro forzato degli uiguri e di altri turchi e musulmani nel nord-ovest della Cina.

The Coalizione per porre fine al lavoro forzato nella regione uigura, che è sostenuto da oltre 70 gruppi uiguri, ha lanciato oggi un invito all'azione chiedendo ai marchi di impegnarsi a tagliare tutti i legami con la regione uigura entro dodici mesi.

Oltre un milione uiguri e altri turchi e musulmani sono stati detenuti dal governo cinese dal 2017, molti dei quali costretti a lavorare in campi e fabbriche nella regione uigura e in tutta la Cina.

Con circa uno su cinque degli indumenti di cotone al mondo contenenti cotone o filati della regione uigura, le catene di approvvigionamento di innumerevoli marchi di moda globali sono contaminate.

The New York Times relazioni:

"Molti marchi conoscono da anni il crescente numero di prove sullo sfruttamento degli uiguri", ha affermato Peter Irwin, portavoce dell'Uyghur Human Rights Project, un gruppo di difesa con sede a Washington, DC "Non interromperanno le pratiche di approvvigionamento non etiche a meno che non si trovano ad affrontare un reale rischio reputazionale e la possibilità che i consumatori smettano di fare acquisti dai loro negozi ".

[...]

"Fino ad ora, semplicemente non c'è stata abbastanza pressione sui grandi nomi del settore della moda per cessare completamente i legami con fabbriche e fornitori nella regione dell'Uighur, un'area da cui molti rimangono estremamente dipendenti e dove c'è un'enorme quantità di denaro sulla linea, "Ha detto il signor Irwin.

Molti hanno descritto le azioni del governo cinese, che si stima rappresentino la più grande detenzione di una minoranza etnica dalla seconda guerra mondiale, come genocidio e crimini contro l'umanità.

La storia di Dilara, condivisa questa settimana in Il guardiano, dimostra che anche gli uiguri che sono cittadini modello secondo gli standard del governo - che parlano fluentemente il cinese, non indossano il velo, istruiti sulla costa orientale della Cina - sono presi di mira a causa della loro etnia.

Dilara è cresciuta nella regione uigura ma si è trasferita in Turchia con suo marito nel 2015, provocando la detenzione di sua madre quando è tornata in Cina dalla visita alla figlia.

Quando sua madre è tornata in Cina all'inizio del 2018, le è stato detto che aveva bisogno di "istruzione". Il suo passaporto è stato confiscato e lei è stata imprigionata in un campo di internamento per quasi un anno.

 "Tutti i miei amici uiguri in Turchia hanno membri della famiglia nei campi", ha detto Dilara.

[...]

Molti sono stati internati per ragioni banali come indossare il velo o la barba lunga, rifiutarsi di mangiare carne di maiale o, nel caso della madre di Dilara, aver viaggiato all'estero. A molti di loro, secondo Dilara, è stato anche sequestrato il patrimonio.

Da aprile, Freedom United si è riunita oltre 25,000 firme chiedendo al governo cinese di porre fine a questo sistema. Come parte della Coalizione, portiamo un elemento cruciale dell'impegno pubblico nello sforzo internazionale per porre fine al lavoro forzato in Cina.

Una petizione ben sostenuta rende la chiamata della Coalizione più difficile da ignorare. Agisci oggi e aggiungi il tuo nome.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti