Primo piano del recinto di filo

Schiavitù nelle carceri americane: un momento di resa dei conti

1
Schiavitù carceraria

"Né la schiavitù né la servitù involontaria, tranne che come punizione per il crimine per il quale la parte è stata debitamente condannata, esisteranno negli Stati Uniti", si legge nel 13th Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti.  

Con queste parole, circa 4 milioni di persone ridotte in schiavitù hanno ottenuto la libertà. Tuttavia, con la clausola di eccezione, milioni di altri furono condannati alla schiavitù per gli anni a venire. 

In un perspicace articolo pubblicato su Conversation, gli studiosi di storia e schiavitù afroamericani Clifford C. Campbell e Kwasi Konadu esplorano il passato, il presente e il futuro della schiavitù dei detenuti negli Stati Uniti 

La storia della schiavitù carceraria: i detenuti come “schiavi dello Stato” 

La schiavitù dei detenuti e la schiavitù dei beni mobili una volta coesistevano negli Stati Uniti In effetti, alcuni stati hanno fatto affidamento sul lavoro dei detenuti dalla fine del 1700. In Virginia, lo stato con il maggior numero di schiavi di origine africana, i detenuti sono stati persino dichiarati "schiavi dello Stato".  

Alcuni stati hanno tratto profitto dal lavoro di coloro che erano incarcerati nelle carceri statali attraverso la pratica dell'affitto di detenuti. I ricchi proprietari di terreni e imprese pagherebbero le carceri statali per poter utilizzare i detenuti per manodopera a basso costo. La dipendenza dell'industria dal lavoro forzato dei prigionieri era tale che quando il contratto di locazione dei detenuti terminò in Georgia nel 1907, molte società minerarie e minerarie dovettero affrontare gravi perdite finanziarie.  

La realtà della moderna schiavitù carceraria 

Oggi, si stima che circa 2.2 milioni di persone siano incarcerate negli Stati Uniti, il che la rende la più grande popolazione carceraria di qualsiasi paese al mondo. "E un gruppo di persone è sproporzionatamente, anche se non solo, criminalizzato: discendenti di persone precedentemente ridotte in schiavitù", sottolineano Campbell e Konadu.  

Per molte di queste persone, il lavoro forzato rimane una realtà, con la clausola di eccezione che figura ancora in oltre 20 costituzioni statali. Ci si aspetta che i detenuti in tutto il paese svolgano ogni tipo di lavoro, dalla produzione di prodotti alla raccolta del cotone.  

Ci sono conseguenze per il rifiuto di lavorare, secondo l'articolo del 2015 sulla rivista The Atlantic, 'Schiavitù americana, reinventata.' “I detenuti sono tenuti a lavorare se autorizzati dai professionisti sanitari della prigione. Le punizioni per il rifiuto di farlo includono l'isolamento, la perdita del tempo guadagnato e la revoca delle visite familiari", ha scritto Whitney Benns. 

Le aziende a scopo di lucro hanno fabbriche nelle carceri di 38 stati. Ma i detenuti non sono protetti dalla legislazione sul lavoro e in alcuni casi vengono pagati meno di un centesimo all'ora, con molti che lasciano il sistema carcerario indebitato. 

Il cambiamento è all'orizzonte? 

Campbell e Konadu credono che il 13th L'emendamento sta affrontando "un momento di resa dei conti". Ma sono pessimisti su eventuali modifiche a breve termine all'emendamento. La conversazione riporta: 

“L'interesse dei legislatori nell'abolire la schiavitù moderna non è una novità. 

Nel 2015, il presidente Barack Obama ha emesso un proclama per commemorare il 150° anniversario dell'approvazione del 13° emendamento. Ha elogiato l'emendamento per "le protezioni che ha ripristinato e le vite che ha liberato", ma poi ha ammesso che è ancora necessario fare del lavoro per abolire completamente tutte le forme di schiavitù. 

L'interesse per il 13° emendamento è stato diffuso anche nella cultura popolare. Film, libri, attivisti e prigionieri negli Stati Uniti da tempo collegano quell'emendamento a quella che lo studioso di diritto Andrea Armstrong chiama "schiavitù creata dalla prigione". 

Ma date le realtà politiche e gli imperativi economici in gioco, il lavoro carcerario gratuito persisterà in America per il prossimo futuro, lasciando in serio dubbio l'idea della libertà americana - e abbondanti prove della moderna schiavitù dei detenuti". 

Unisciti alla comunità Freedom United per chiedere il cambiamento 

La clausola di eccezione consente la schiavitù moderna, la creazione un incentivo economico per aumentare la carcerazione e sfruttare le persone incarcerate come fonte di manodopera a basso costo. Ma come sottolineano Campbell e Konadu, il movimento sta prendendo piede per porre fine a tutte le forme di schiavitù moderna. 

La comunità Freedom United sta prendendo posizione contro la schiavitù carceraria. Unisciti a noi nell'invitare tutti gli stati e il governo federale a vietare esplicitamente la schiavitù e la servitù involontaria come punizione per un crimine negli Stati Uniti e nelle costituzioni statali.  

Agisci oggi stesso! 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
1 Commento
I più votati
Nuovi Arrivi il più vecchio
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Mary Mertzlufft
Mary Mertzlufft
3 mesi fa

Di recente sono stato informato che Trump, anche se non mi piace affatto, ha approvato un disegno di legge che consentiva ai prigionieri senza precedenti violenti di lasciare la prigione prima, ma che l'amministrazione di Biden non lo ha consentito fino ad ora!