Migrante UE Libia

Le indagini indicano la complicità dell'UE nel trattamento deplorevole dei migranti in Libia

0
Tratta di esseri umani

"Stanco dei migranti che arrivano dall'Africa, l'UE ha creato un sistema di immigrazione ombra che li cattura prima che raggiungano le sue coste e li manda in una brutale detenzione libica. centri gestiti da milizie”, afferma il giornalista investigativo Ian Urbina.  

Urbina documenta in una dura esposizione il trattamento atroce dei migranti nei centri di detenzione libici, che spesso equivale alla schiavitù moderna. Inoltre, annulla il ruolo dell'UE nel rafforzare questo sistema di deterrenza della migrazione sfruttatore. 

La sua indagine illuminante, che ha portato al rapimento, alla detenzione e all'abuso di lui e della sua squadra, è stata pubblicata questa settimana sulla rivista del New Yorker.  

Estorsioni e abusi in celle troppo anguste: l'orrore di Al Mabani  

L'indagine di Urbina si concentra su Al Mabani, un carcere di Tripoli dove le persone in movimento vengono portate per essere estorte da una milizia che si fa chiamare Agenzia di Pubblica Sicurezza. Attraverso interviste con sopravvissuti e operatori umanitari, Urbina scopre le sofferenze quasi indicibili inflitte lì. 

Circa 1,500 persone sono stipate in otto celle. Tubercolosi e COVID-19 si diffondono tra i detenuti. C'è un bagno ogni 100 persone, il che significa che i detenuti devono spesso urinare in bottiglie o defecare sotto la doccia.  

Le guardie portano i detenuti in cortile due volte al giorno in silenzio, dove mettono ciotole comuni di cibo sul pavimento da cui dovrebbero mangiare.  

Le celle hanno luci fluorescenti che restano accese tutta la notte. Le persone si alternano per dormire su materassini sottili e litigano su chi dorme sotto la doccia dove la ventilazione è migliore.  

Chi infrange le regole viene messo in isolamento senza bagno. Sono legati da una trave del soffitto e battuti. Le donne vengono spesso portate fuori dalle celle per essere violentate dalle guardie.  

Quando vengono portati ad Al Mabani, i detenuti non possono parlare con un avvocato. Non vengono fornite loro informazioni sul motivo o sulla durata della loro detenzione. Gli viene detto che possono acquistare la loro libertà per una commissione di circa $ 500. Quelli i cui parenti non possono pagare il riscatto aspettano e cercano di non perdere la speranza. 

In che modo l'UE sostiene questo sfruttamento? 

Urbina accusa l'Ue di essere complice di questi crimini. Il New Yorker riporta: 

Negli ultimi sei anni, l'Unione europea, stanca dei costi finanziari e politici dell'accoglienza dei migranti dall'Africa subsahariana, ha creato un sistema di immigrazione ombra che li ferma prima che raggiungano l'Europa. Ha equipaggiato e addestrato la Guardia costiera libica, un'organizzazione quasi militare legata alle milizie nel Paese, per pattugliare il Mediterraneo, sabotare le operazioni di soccorso umanitario e catturare i migranti. I migranti vengono poi detenuti a tempo indeterminato in una rete di carceri a scopo di lucro gestite dalle milizie.

Come sottolinea Urbina, nel 2017 l'Italia ha firmato un Memorandum of Understanding con la Libia, sostenuto da finanziamenti dell'UE. Il Memorandum ha affermato "la risoluta determinazione a cooperare nell'individuazione di soluzioni urgenti al problema dei migranti clandestini che attraversano la Libia per raggiungere l'Europa via mare". Circa mezzo miliardo di dollari del Fondo fiduciario di emergenza dell'UE per l'Africa è stato pagato alla Libia per la cosiddetta gestione della migrazione. 

In un'intervista con Urbina, Salah Marghani, ministro della Giustizia libico dal 2012 al 2014 ha affermato che le terribili condizioni che i migranti affrontano in Libia fanno parte di una strategia consapevole dell'UE. Dice: "L'UE ha fatto qualcosa che ha attentamente considerato e pianificato per molti anni: creare un inferno in Libia, con l'idea di dissuadere le persone dal dirigersi verso l'Europa”. Marghani ha detto a Urbina che il piano dell'UE era: “Fare della Libia il cattivo. Rendi la Libia il travestimento per le loro politiche mentre i buoni umani d'Europa dicono che stanno offrendo denaro per aiutare a rendere più sicuro questo sistema infernale”. 

Il coinvolgimento dell'UE inizia in mare 

L'intrappolamento dei migranti in questo sistema di sfruttamento inizia spesso nel Mediterraneo. Urbina spiega come l'UE faciliti la cattura delle persone anche dopo che hanno lasciato le coste libiche: 

Nel 2018, il governo italiano, con la benedizione dell'UE, ha aiutato la Guardia Costiera a ottenere l'approvazione dalle Nazioni Unite per estendere la sua giurisdizione a quasi cento miglia al largo della costa della Libia, lontano nelle acque internazionali e oltre la metà delle coste italiane. L'UE ha fornito sei motoscafi, trenta Toyota Land Cruiser, radio, telefoni satellitari, gommoni e cinquecento uniformi. L'anno scorso ha speso quasi un milione di dollari per costruire centri di comando per la Guardia costiera e fornire addestramento agli ufficiali. 

Urbina passa poi a considerare il ruolo dell'agenzia di frontiera dell'UE, Frontex, che monitora costantemente il mare con droni e velivoli privati. Quando l'agenzia trova una barca che sospettano possa trasportare migranti, invia informazioni ai partner nella regione. Questa condivisione di informazioni dovrebbe consentire missioni di salvataggio, ma Frontex di solito non informa le navi umanitarie.  

Un alto funzionario di Frontex, che ha scelto di rimanere anonimo, ha detto a Urbina che l'agenzia trasmette anche i filmati di sorveglianza alla Guardia costiera italiana e al Centro di coordinamento del soccorso marittimo italiano. La Guardia Costiera intercetta le barche e porta i passeggeri in centri come Al Mabani.  

Adesso basta 

Freedom United denuncia dal 2017 la complicità dell'UE nella detenzione illegale, negli abusi, nell'estorsione e nella schiavitù di persone in movimento in Libia. Le imminenti elezioni in Libia porteranno probabilmente a nuovi negoziati sulla migrazione tra l'UE e la Libia. Cogli l'occasione per inviare all'UE un messaggio chiaro prima dei negoziati: sostenere questi crimini non è accettabile. Firma oggi la petizione. 

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti