Migranti bengalesi che pagano ancora i debiti di lavoro in Qatar

0
Servitù per debiti

I lavoratori migranti del Bangladesh riferiscono di essere tornati nei loro paesi d'origine gravati dai debiti dopo aver pagato elevate tasse di assunzione per lavorare in Qatar. Questi costi includono il pagamento di viaggi internazionali, passaporti, visti, spese mediche e altri oneri.

Contratti tagliati corto

Per raggiungere il pareggio, un'indagine sul costo della migrazione del Bangladesh del 2020 ha rilevato che i lavoratori di sesso maschile devono guadagnare denaro in Qatar per almeno 18 mesi. Le segnalazioni di aziende che tagliano i contratti dei lavoratori e non riescono a pagare i salari e le indennità di fine servizio significano che molti hanno lasciato il Qatar con debiti, lasciandoli vulnerabili alla schiavitù del debito e allo sfruttamento da parte degli usurai.

Suman Mia è un lavoratore che si è recato in Qatar dal Bangladesh nella speranza di trovare lavoro e guadagnare abbastanza soldi per mantenere se stesso e la sua famiglia. Tuttavia, dopo sette mesi in Qatar a lavorare nell'edilizia su progetti per la Coppa del Mondo, è stato costretto a tornare a casa.

"Sono stato licenziato dal lavoro quattro mesi prima della fine del mio contratto", ha detto. “Ho affrontato il mio periodo peggiore. Un enorme fardello di debiti gravava sulla mia testa”.

Gravato dal debito

Mia ha preso in prestito 300,000 taka bengalesi ($ 3,000) a un alto tasso di interesse. Quando è tornato a casa, doveva ai suoi creditori mezzo milione di taka ($ 5,000). Proprio come Mia ci sono centinaia di altri lavoratori. Mia ha condiviso che molti lavoratori sono stati licenziati nel 2018 perché la loro azienda voleva ridurre i costi.

Le leggi sul lavoro del Qatar vietano l'addebito di tasse di assunzione per i lavoratori migranti e gli appaltatori sono incaricati di garantire che i lavoratori migranti non abbiano pagato le tasse. Sono inoltre istruiti a restituire eventuali commissioni riscosse. Tuttavia, un audit del 2021 ha rivelato che i lavoratori di tutte le nazionalità pagavano in media $ 1,333 in spese di assunzione.

Il Qatar e la FIFA possono fare di più

Le tasse di reclutamento illegale sono uno dei fattori chiave dello sfruttamento. Poiché i lavoratori stanno già iniziando lavori gravati dai debiti, potrebbero non essere in grado di inviare rimesse alle loro famiglie o addirittura di mantenersi. I datori di lavoro senza scrupoli possono quindi sfruttare la disperazione dei lavoratori non pagando puntualmente i salari, costringendoli a lavorare in cattive condizioni e offrendo alloggi squallidi.

Freedom United chiede con urgenza al Qatar e alla FIFA di intensificare i lavoratori migranti istituendo un fondo di compensazione per coloro che hanno affrontato lo sfruttamento e per le famiglie di coloro che sono morti. Con l'inizio della Coppa del Mondo, manteniamo alta la pressione.

Firma oggi la petizione.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti