La repressione dei governi MENA sui migranti

0
Servitù per debitiLavoro forzatoSchiavitù In conflitto

In occasione della Giornata internazionale dei migranti, Amnesty International ha invitato i governi del Nord Africa e del Middle Eat (MENA) a proteggere i diritti dei migranti nei loro paesi.

In tutta la regione, i migranti affrontano regolarmente discriminazioni e in alcuni casi vengono detenuti arbitrariamente ed espulsi illegalmente. Nei casi più gravi, soprattutto in Libia, i migranti sono stati rinchiusi in centri di detenzione e venduti ai lavori forzati.

"I governi di tutta la MENA stanno fallendo in modo abissale nel proteggere i migranti che vivono o attraversano i loro paesi, alimentando livelli scioccanti di abusi", ha detto Philip Luther, Direttore Ricerca e Difesa MENA di Amnesty International.

Una dichiarazione di Amnesty International spiega:

“Sebbene la pressione sui governi del Golfo in alcuni casi imponga riforme ai quadri giuridici per i lavoratori migranti, essi devono fare molto di più per migliorare la protezione nella pratica.

Nel frattempo, i governi nordafricani dovrebbero affrontare più calore per le loro repressioni discriminatorie per arginare la migrazione irregolare che ha visto decine di migliaia arbitrariamente radunate, detenute in condizioni spesso orribili e talvolta espulse illegalmente in massa ".

Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro, nel 17.8 c'erano 2013 milioni di lavoratori migranti ospitati negli stati arabi. La maggior parte proveniva dall'Asia, con un numero significativo anche dall'Africa. Si stima che circa 600,000 migranti siano vittime del lavoro forzato in questi stati.

Il Qatar è da anni al centro del controllo internazionale per le segnalazioni di lavoratori edili migranti dall'Africa e dall'Asia meridionale sottoposti a lavori forzati e schiavitù per debiti nella costruzione di stadi per la Coppa del Mondo 2022.

Recentemente il paese ha eliminato la necessità per questi lavoratori di ottenere "permessi di uscita" - essenzialmente il permesso dei loro datori di lavoro - per lasciare il paese. Tuttavia, questo cambiamento di politica non si applica ai lavoratori domestici migranti, che rimangono non protetti dalle leggi sul lavoro.

Il Libano, come molti altri stati del Medio Oriente, utilizza il sistema kafala, uno schema di sponsorizzazione che lega i lavoratori migranti ai loro datori di lavoro, rendendo difficile sfuggire ai lavori abusivi.

I 200,000 lavoratori domestici migranti dall'Asia e dall'Africa nel paese rimangono scoperti dal diritto del lavoro e il Libano non è riuscito a riconoscere una recente mossa per istituire un sindacato dei lavoratori domestici.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti