Una persona in tuta blu indossa guanti di lattice bianchi

Il produttore di guanti malese perde un contratto da 1.8 milioni di dollari con il Canada per problemi di lavoro forzato

0
Lavoro forzatoLegge e politicaSupply Chain

Seconda grande sconfitta per Supermax

Seguendo le orme degli Stati Uniti, il Canada ha annunciato la risoluzione di due contratti con l'azienda malese di produzione di guanti, Supermax Corp, per accuse di violazioni dei diritti umani e abusi sui lavoratori migranti. Ciò fa seguito a una sospensione delle consegne di Supermax nel novembre 2021 poiché il governo canadese ha chiesto un audit indipendente delle operazioni dell'azienda.

L'audit è stato sollecitato dalla US Customs and Border Protection (CBP) che ha vietato le spedizioni di guanti Supermax nell'ottobre 2021 a causa di indicazioni sul "loro uso del lavoro forzato nelle operazioni di produzione". A quel tempo, il CBP aveva stabilito che Supermax soddisfaceva 10 degli 11 indicatori di lavoro forzato dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO).

Attivista per i diritti del lavoro Andy Hall aveva presentato la petizione CBP per far indagare su Supermax.

Il Regno Unito sarà il prossimo?

Lo studio legale britannico Wilson Solicitors ha avviato un'azione legale contro il governo del Regno Unito a causa del servizio sanitario nazionale che continua ad acquistare guanti da Supermax. Il Regno Unito l'anno scorso è stato criticato per il suo contratto "tranquillo" con un altro gigante malese di guanti, Guanto superiore. Uno degli avvocati dell'azienda, Nusrat Uddin, afferma che i governi sapevano dal 2013 o 2014 che esisteva un alto rischio di abuso dei lavoratori nell'industria malese dei guanti medicali.

Il CBC rapporti,

La maggior parte proviene dal Bangladesh e dal Nepal, ha detto [Uddin], e sono fortemente indebitati per aver pagato le problematiche “commissioni di assunzione” ai loro datori di lavoro. Le loro famiglie dipendono da loro per mandare il reddito a casa, ma dipendono economicamente dal loro datore di lavoro.

Le loro giornate di lavoro sono lunghe e calde; La Malesia ha solo recentemente modificato la sua legge per vietare il lavoro sette giorni su sette. Uddin ha detto di aver visto prove di lavoratori alloggiati in fila su fila di cuccette in alloggi sovraffollati.

Ha detto che i movimenti dei lavoratori sono stati limitati durante la pandemia. Ad alcuni è stato tolto il passaporto e non sono stati in grado di lasciare i locali del datore di lavoro per un massimo di 18 mesi, ha aggiunto.

Sfruttare alcuni per proteggere gli altri

La perdita degli affari del Canada infliggerà un secondo duro colpo alla società già scossa dal divieto del CBP. A seguito del divieto, le azioni della società sono diminuite di quasi il 9%. Gli Stati Uniti rappresentavano il 20% delle vendite totali dell'azienda. Supermax afferma che prende la conformità "seriamente" e ha lavorato per soddisfare gli standard ILO dal 2019.

Più paesi applicano la tolleranza zero per i beni del lavoro forzato, più è probabile che aziende come Supermax alterino il loro modello di business. Come ha osservato Uddin, “Il mondo sta diventando più piccolo. Stiamo davvero capendo quanti dei nostri prodotti, che si trovino nei nostri supermercati... i nostri vestiti... ora le nostre forniture mediche, siano davvero contaminati dallo sfruttamento degli altri in tutto il mondo".

Un modo per garantire che le aziende prendano forma, prima che raggiungano i confini, è se i paesi avessero l'obbligo legislazione sulla due diligence sui diritti umani a posto.

Unisciti al resto della comunità di Freedom United nel chiedere agli Stati Uniti, al Regno Unito e all'UE di adottare questa legislazione oggi!

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti