Ministero degli Interni del Regno Unito

Lo zar britannico contro la schiavitù denuncia i fallimenti del governo

0
Tratta di esseri umaniLegge e politica

In un'opinione per il guardiano, la commissaria indipendente per la lotta alla schiavitù del Regno Unito, Dame Sara Thornton, denuncia il Ministero dell'Interno per non aver sostenuto la schiavitù moderna e le vittime della tratta.

Il Regno Unito non è all'altezza

Nel 2015, l'allora ministro dell'Interno Theresa May ha adottato la schiavitù moderna come questione prioritaria e ha visto passare in legge il Modern Slavery Act, la prima legislazione del suo genere. Da allora, il Regno Unito si è costantemente posizionato come leader mondiale nella lotta contro la schiavitù moderna. Ma il Regno Unito è all'altezza di questa retorica?

Thornton scrive, forse no. Sebbene alle moderne vittime della schiavitù dall'estero non venga automaticamente concesso lo status di immigrazione temporanea sicura, "la guida del Ministero degli interni afferma che saranno automaticamente presi in considerazione per un congedo temporaneo se non lo hanno già". La realtà è che a poche vittime viene concesso questo permesso di soggiorno temporaneo. Infatti solo l'8% delle domande ha avuto successo nel 2021.

Evitando la responsabilità

In qualità di zar contro la schiavitù del Regno Unito, Thornton sta esortando il governo a fare tutto il possibile per garantire che tutte le vittime della schiavitù moderna siano adeguatamente protette e che i loro diritti siano rispettati. Thornton ricorda il caso di una cittadina eritrea, Jane*, che ha lasciato l'Eritrea negli anni 2000 e si è recata nel Regno Unito e in altri paesi. Stava viaggiando con il suo datore di lavoro che l'ha sottoposta ad abusi, lavoro non retribuito e condizioni pari alla servitù.

Jane è stata riconosciuta dalle autorità britanniche come vittima di tratta. Ma anche nel caso di Jane, le sue esperienze non sono state ancora sufficienti per spostare il Ministero dell'Interno per concederle il permesso di rimanere.

Le decisioni prese dal Ministero dell'Interno in merito alla sicurezza e al recupero delle moderne vittime della schiavitù sono pericolose. Nel caso di Jane, il Ministero dell'Interno ha fatto riferimento al rapporto statunitense sulla tratta di persone per dimostrare che l'Eritrea è un paese sicuro per il rimpatrio, nonostante l'Eritrea sia classificata nella fascia più bassa "il che implica che il governo non soddisfa gli standard minimi per l'eliminazione della tratta e non sta facendo sforzi significativi per farlo”.

In definitiva, Thornton afferma che il Regno Unito sta rimandando troppi sopravvissuti alla tratta in paesi non sicuri. Una volta deportati nel paese di origine, i sopravvissuti rischiano di essere nuovamente vittime della tratta. Per alcuni, le loro vite sono a rischio.

Il governo interverrà per i sopravvissuti?

Da allora la comunità Freedom United ha chiesto maggiori protezioni per tutti i moderni sopravvissuti alla schiavitù nel Regno Unito lanciare la nostra campagna nel 2018. Da allora, non solo abbiamo assistito a scarsi progressi, ma i diritti dei sopravvissuti continuano a essere respinti dal governo e c'è una netta mancanza di compassione per le persone che hanno subito la schiavitù moderna e la tratta. Ciò è reso evidente dalla detenzione continua e indefinita dei sopravvissuti alla tratta in ambienti simili a prigioni.

Dame Sara Thornton scrive:

I ministri hanno ripetutamente assicurato che le decisioni sulla concessione del congedo di soggiorno ai sopravvissuti alla tratta saranno prese caso per caso. Ma è difficile avere fiducia nel sistema di fronte a questa qualità del processo decisionale. L'emendamento di Lord McColl garantirebbe un approccio più generoso alle vittime vulnerabili e traumatizzate dei crimini più gravi. Considerando seriamente che sarebbe il minimo che il governo potrebbe fare.

Nelle ultime settimane, il controverso progetto di legge sulla nazionalità e sui confini è stato dibattuto alla Camera dei Lord, la camera alta del parlamento britannico. Abbiamo visto colleghi alla Camera dei Lord sostenere l'emendamento di Lord McColl che chiede a tutte le moderne vittime della schiavitù nel Regno Unito di ricevere un minimo di 12 mesi di permesso di soggiorno e di garantire il supporto legale durante quel periodo: questo è fondamentale per i sopravvissuti per potersi riprendersi dalle loro esperienze.

Sebbene il sostegno alla Camera dei Lord sia incoraggiante, non dobbiamo vedere che ciò verrà annullato una volta che il disegno di legge tornerà alla Camera bassa. È fondamentale che il governo prenda in considerazione l'emendamento di Lord McColl e finalmente trasformi in azione il suo impegno dichiarato a sostenere i sopravvissuti.

Nel Regno Unito? Invia un messaggio al tuo MP e chiedi loro di stare con i sopravvissuti alla tratta.

Entra e aiuta a porre fine alla schiavitù moderna una volta per tutte.

Freedom United è interessata ad ascoltare la nostra comunità e accoglie commenti, consigli e approfondimenti pertinenti e informati che promuovono la conversazione intorno alle nostre campagne e alla nostra difesa. diamo valore inclusività e rispetto all'interno della nostra comunità. Per essere approvati, i tuoi commenti dovrebbero essere civili.

icona di arresto Alcune cose che non tolleriamo: commenti che promuovono discriminazione, pregiudizio, razzismo o xenofobia, nonché attacchi personali o volgarità. Esaminiamo le candidature per creare uno spazio in cui l'intera comunità Freedom United si senta sicura di esprimere e scambiare opinioni ponderate.

ospite
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti